Audi accelera l’innovazione con la piattaforma Kubernetes enterprise

Le aziende che vogliono promuovere costantemente l'innovazione e accelerare lo sviluppo applicativo hanno bisogno di una piattaforma IT adeguata, che deve supportare un'ampia varietà di applicazioni e casi d'uso ed essere implementabile sia nel data center dell'azienda che presso uno o più fornitori cloud. Harald Ruckriegel, chief technologist automotive e strategic business development di Red Hat, mostra le possibilità offerte dalla piattaforma enterprise Kubernetes Red Hat OpenShift.

Pubblicato il 18 marzo 2022

I progetti di sviluppo innovativi richiedono un ambiente sicuro, stabile e scalabile. Altrettanto importante è possedere un’architettura flessibile e modulare che riduce i rischi, elimina le dipendenze e supporta il lavoro iterativo. Solo con un sistema flessibile le aziende possono soddisfare requisiti di business in continua evoluzione. Dopo tutto, i giorni del rigido schema “pianifica-costruisci-esegui” sono finiti, e la richiesta di aggiustamenti e miglioramenti con breve preavviso è all’ordine del giorno. Per ultimo ma non meno importante, un ambiente di sviluppo dovrebbe anche offrire compatibilità multi-cloud, dato che le imprese usano sempre più spesso diverse piattaforme cloud. Un criterio di decisione e un principio di progettazione per le architetture moderne è quello della trasparenza della piattaforma.

Molte aziende – come la casa automobilistica tedesca Audi – stanno superando queste sfide grazie a Red Hat OpenShift, piattaforma Kubernetes enterprise per progettare, automatizzare, scalare e gestire applicazioni basate su container. Con l’automazione dello stack, un’esperienza utente coerente tra gli ambienti e il provisioning self-service, Red Hat OpenShift rende più facile per gli sviluppatori collaborare e far funzionare le loro idee in modo più rapido ed efficiente. La piattaforma è disponibile come servizio cloud completamente gestito su tutti i principali cloud pubblici o come software autogestito per le imprese.

Red Hat OpenShift può essere utilizzato per costruire un ambiente di sviluppo as-a-service basato su tecnologia open-source permettendo alle imprese di sfruttare la flessibilità e la scalabilità dell’open source per evitare la dipendenza da un fornitore specifico. L’ambiente della soluzione supporta un deployment più veloce delle applicazioni su una base stabile e cross-cloud, consentendo alle aziende di raggiungere diversi obiettivi chiave:

Time-to-market più rapido
Fino ad ora, i progetti hanno subito rallentamenti a causa dei lunghi processi di provisioning che spesso richiedono fino a sei mesi. Con l’automazione, i cluster Kubernetes personalizzati e i componenti aggiuntivi possono essere forniti rapidamente per ogni progetto. Questo permette sia agli sviluppatori esperti che ai novizi di Kubernetes di lavorare in modo più efficiente durante la progettazione, implementazione e migrazione di soluzioni innovative in ambienti on-premise e cloud.

Supporto per una vasta gamma di applicazioni
Un ambiente Kubernetes offre una base uniforme per una grande varietà di piattaforme, applicazioni e progetti, fornendo anche un ambiente runtime sicuro con basse dipendenze per container e progetti.

Maggiore scalabilità
L’infrastruttura modulare e adattabile dei container, insieme alla solida tecnologia di automazione, supportano la scalabilità delle applicazioni utilizzando risorse condivise indipendentemente dall’infrastruttura fisica sottostante.

Red Hat OpenShift è utilizzato da innumerevoli organizzazioni in tutto il mondo all’interno di una vasta gamma di settori, tra cui servizi finanziari, vendita al dettaglio, energia, automotive e manifatturiero. Uno degli esempi più importanti è Audi. Il noto produttore tedesco di automobili ha ricevuto il Red Hat EMEA Digital Leader Award nella regione DACH (Germania, Austria e Svizzera) per il suo progetto open source. Il riconoscimento – assegnato da Red Hat insieme a Intel e IDC – riconosce le aziende che guidano con successo l’innovazione e la trasformazione digitale utilizzando tecnologie e servizi Red Hat.

Audi si avvale di Red Hat OpenShift come base per il suo nuovo ambiente di sviluppo self-service multi-tenant Kubernetes Kubika-O che consente agli sviluppatori dell’azienda di progettare, distribuire e scalare più rapidamente nuovi ambienti di progetto per la diagnostica, la gestione dei dati o le emissioni. Nel farlo, Audi utilizza Red Hat OpenShift Service su AWS (Amazon Web Services) e Microsoft Azure Red Hat OpenShift, soluzioni gestite e supportate congiuntamente e offerte nativamente su AWS e Microsoft Azure, rispettivamente, per facilitarne gestione e fatturazione.



Contenuti correlati

  • Cinque miti da sfatare sulla sicurezza dei container

    L’open source è alla base della maggior parte delle tecnologie innovative, come l’intelligenza artificiale e machine learning, l’edge computing, il serverless computing e, non ultima, la containerizzazione. Come in ogni settore dell’IT, la questione della sicurezza non...

  • Come colmare il gap tra sicurezza e innovazione

    Il concetto di sicurezza è tradizionalmente visto come un ostacolo all’innovazione. I team DevOps vogliono essere liberi di esplorare la propria creatività e abbracciare tecnologie cloud-native, come Docker, Kubernetes, PaaS e le architetture serverless, ma la sicurezza...

  • Edge industriale e cloud ibrido: ABB e Red Hat uniscono le forze

    ABB e Red Hat hanno annunciato una partnership globale che consentirà ai settori che utilizzano i software industriali e di automazione di processo ABB di scalare in modo rapido e flessibile sfruttando le piattaforme aziendali e i...

  • TeamViewer a supporto del percorso di digitalizzazione di Audi

    La casa automobilistica Audi ha adottato la soluzione TeamViewer Frontline Spatial per utilizzare funzioni di realtà aumentata ottenendo progressi significativi nel controllo qualità della propria produzione. Il controllo qualità di un’auto deve tenere conto di molti aspetti,...

  • Digitalizzazione attraverso il 5G: la tecnologia può salvare il mondo?

    La rete delle meraviglie’, ‘la tecnologia chiave per la società in rete’ o ‘scatenare l’era digitale’: leggendo i titoli dei giornali sul più recente standard di comunicazione mobile si potrebbe pensare che il 5G risolverà tutti i...

  • Ansible Red Hat
    Il ruolo fondamentale dell’automazione in un mondo sempre più complesso

    Gli ultimi anni hanno dimostrato che le imprese vogliono che applicazioni, dati e risorse si trovino ovunque abbia più senso per il loro business e per i loro modelli operativi, il che significa poter eseguire l’automazione ovunque....

  • Dati in tempo reale, per l’acqua pubblica

    BrianzAcque ha scelto le soluzioni Red Hat per creare un’infrastruttura IT incentrata sui microservizi, con l’obiettivo di centralizzare la gestione dei suoi erogatori e fornire in tempo reale i dati sulla qualità dell’acqua, aprendo alla possibilità di...

  • Vehicle Edge

    Autonomo, connesso ed elettrico: il veicolo connesso Software-Defined è su strada e rappresenta il futuro del mondo automotive Leggi l’articolo

  • Skill digitali per l’industria del futuro

    Competenze tecniche sempre più abbinate a capacità di comunicazione, collaborazione ed empatia nei nuovi contesti di produzione flessibile e digitale, unitamente a digital awareness tra gli utenti e skill di cybersecurity per proteggere gli orizzonti aperti e...

  • Sarà ripresa anche grazie al 5G

    Abbiamo posto qualche domanda sul 5G per comprendere se questa tecnologia sia in grado di contribuire all’accelerazione tanto desiderata del mercato, cambiando definitivamente il panorama della connettività industriale del nostro Paese Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x