Vincere la sfida di un approccio interdisciplinare

Pubblicato il 28 dicembre 2015

Nei mesi scorsi ho partecipato al Forum Meccatronica organizzato da ANIE Automazione e Messe Frankfurt Italia ed ho potuto constatare personalmente, vista anche la grande partecipazione, come la meccatronica stia diventando un paradigma sempre più presente nelle aziende italiane. Mi viene in mente quella volta alla fine del secolo scorso quando visitai il centro di ricerca in meccatronica di una grande azienda estera ed il responsabile mi disse che, per favorire l’interazione tra i vari settori, le varie persone in capo ad essi venivano ‘forzate’ a stare insieme in una stanza tutti i venerdì pomeriggio. Questo tipo di approccio aveva funzionato, visto che dopo un’iniziale perplessità generale, era venuto loro naturale conoscersi meglio e quindi scambiarsi informazioni relative ai progetti in cui erano coinvolti. In questo modo si favoriva la reale integrazione tra le varie anime: meccanica, elettronica, informatica e controllistica.

La cosa positiva di questo ultimo decennio o forse più è che sembra ormai evidente anche alle piccole e medie imprese come una progettazione meccatronica che integri tutti gli aspetti ingegneristici sopra menzionati porti grandi vantaggi in termini di prestazioni ottenute e di riduzione dei costi e valga la pena quindi investire in questo senso. Uno degli ostacoli da rimuovere è proprio la diffidenza che coloro che appartengono ad una determinata area tecnica nutrono nei confronti di chi proviene da un’altra. Ciò è forse naturale dal momento che ognuno è abituato ad un certo linguaggio e ad un certo modo di affrontare i problemi nel proprio ambito e non sempre riesce a cogliere l’importanza di un altro settore in una progettazione specifica. Occupandomi di automatica sento in modo particolare questo tema dal momento che il ruolo dei controlli automatici è spesso sottovalutato (non a caso sono stati definiti la “tecnologia nascosta”). In molti casi si è convinti che esista solo l’opzione relativa all’utilizzo di un controllore standard PID (e già sul suo progetto ottimizzato ci sarebbe molto da dire…) e non si considerano possibili soluzioni più avanzate.

Mi sembra che sia quindi importante continuare a lavorare sul piano culturale soprattutto a partire dagli studenti universitari, comunicando loro che oltre alla conoscenza approfondita delle propria disciplina è indispensabile al giorno d’oggi avere una mentalità aperta al dialogo e sapere essere sensibili ai contributi degli altri. E’ solo essendo capaci di ascoltare e di proporre le proprie idee in maniera comprensibile da tutti che si riesce a realizzare un approccio veramente interdisciplinare.

(Foto: Itis Meccatronica Puglia)

Auto… controllo

il blog di Antonio Visioli

In questo blog l'autore propone riflessioni, principalmente basate sulle sue esperienze, su tematiche relative all'automazione industriale, ma con particolare riferimento all'ingegneria del controllo. I temi sono trattati soprattutto considerando l'interazione tra il mondo accademico e il mondo industriale, con l'obiettivo di favorire uno scambio di opinioni costruttivo sui reciproci interessi.

Per commentare devi autenticarti:



Contenuti correlati

  • Digital Twin: un valido alleato della manutenzione predittiva

    La creazione di modelli virtuali in grado di replicare il funzionamento delle fasi produttive può portare una serie di vantaggi sostanziali nell’automazione della gestione dei processi industriali. Il gemello digitale permette di analizzare e ottimizzare le prestazioni...

  • Riparte dal vivo la formazione gratuita Omron con le Giornate Formative Docenti

    Le Giornate Formative Docenti di Omron ripartono nell’ambito delle iniziative legate al Trofeo Omron Smart Project. Anche quest’anno la formazione di Omron verterà principalmente sul software Sysmac Studio, che costituisce la base per la partecipazione al Trofeo....

  • OT e IoT Security: adottare una mentalità post-breach oggi

    Non passa un giorno senza che si legga di violazioni alla cybersecurity e di attacchi informatici alle infrastrutture critiche di tutto il mondo. Quella che solo 10 anni fa era un’evenienza rinvenibile una o due volte all’anno...

  • I tre maggiori trend tecnologici del futuro nel report ‘Tech in 2021’

    Forrester prevede fino al 20% delle aziende Fortune 500 non arriverà ‘sana’ alla fine del 2021... Il rapporto Tech in 2021 approfondisce le tendenze tecnologiche e lavorative che il Covid-19 ha accelerato e fornisce indicazioni su come i leader...

  • Innodisk accorpa le filiali garantendo un servizio a tutto tondo

    Innodisk, fornitore globale di memorie industriali embedded flash e DRAM, combina le complesse tecnologie di base hardware e software per creare una soluzione AIoT cloud-to-edge all-in-one che semplifica la compatibilità e riduce i tempi di realizzazione delle...

  • Federmeccanica, 50 anni e tanta voglia di competere

    Il 15 settembre 1971 nasceva Federmeccanica e da quel momento il settore, spina dorsale dell’economia italiana, ha avuto una sua rappresentanza, e una sola “voce”. Oggi rappresenta più di 12 mila imprese dalle più piccole alle più...

  • LinSelect, il nuovo tool di selezione e posa di Bosch Rexroth

    Con LinSelect la progettazione diventa davvero smart, perché consente di selezionare la combinazione di meccanica, motore e azionamento con risultati affidabili. L’utente ha la possibilità di selezionare, configurare e ordinare senza interruzioni con risultati in meno di...

  • Piattaforme cloud industriali per ridisegnare la gestione degli asset

    Nel mondo dell’automazione, le piattaforme industrial IoT (IIoT) aiutano a migliorare i processi decisionali nell’amministrazione delle risorse, e a controllare con maggior efficienza impianti e infrastrutture. La pandemia da Covid-19 ha inoltre contribuito ad accrescere il divario...

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

Scopri le novità scelte per te x