Annual Report 2018 di Acimall: un ottimo 2018 per il comparto del legno

Pubblicato il 13 agosto 2019

Acimall, l’associazione confindustriale che rappresenta il settore delle tecnologie per la lavorazione del legno, ha pubblicato l’“Annual Report 2018”. Il rapporto – disponibile on line  – offre una visione completa e approfondita del comparto della tecnologia per il legno: il documento propone uno sguardo ai principali indicatori della economia mondiale, per poi esaminare l’andamento della meccanica strumentale e più in specifico il settore delle macchine e degli accessori made in Italy per il mondo del mobile e del legno. La parte forse più significativa del documento è l’analisi delle esportazioni dei Paesi più importanti per il commercio mondiale (Germania, Italia, Cina, Taiwan, Austria e Stati Uniti) nei principali mercati mondiali o in quelli ritenuti più promettenti.

Acimall ha inoltre presentato il nuovo logo, scelto innanzitutto per dare peso all’appartenenza della associazione al grande mondo confindustriale.

Costantemente impegnate nell’ottimizzazione della propria offerta, le imprese italiane sono rappresentate da Federmacchine, la federazione nazionale delle associazioni dei produttori di beni strumentali destinati allo svolgimento di processi manifatturieri dell’industria e dell’artigianato. Nel 2018 il fatturato dell’industria italiana costruttrice di beni strumentali si è attestato a 49,4 miliardi di euro, segnando un incremento del 6% rispetto all’anno precedente e allungando così il trend positivo avviato nel 2014. Si tratta dell’anno record per il settore, che ha raggiunto per tutti i principali indicatori economici valori mai toccati prima.
Il risultato, come evidenziato dai preconsuntivi elaborati dal Gruppo Statistiche Federmacchine, è stato determinato anzitutto dall’ottimo andamento delle consegne sul mercato interno, trainate dalla vivace domanda di beni di investimento. Supportato dalle misure di super e iperammortamento, il consumo domestico è cresciuto, infatti, del 13%, a 26,5 miliardi.

A beneficiare di ciò sono state anzitutto le consegne dei costruttori italiani sul mercato interno che, in virtù di un incremento del 10,3%, hanno raggiunto il valore di 16,4 miliardi. Positivo anche l’andamento delle importazioni, il cui valore si è attestato a 10,1 miliardi, il 9,6% in più rispetto al 2017.
Anche le esportazioni hanno registrato segno positivo, attestandosi a 33 miliardi, il 3,9% in più del 2017.
Nel 2018, principali mercati di sbocco dell’offerta italiana sono risultati: Germania (+4,7%), Stati Uniti (+22,6%), Francia (+3,7%), Cina (-6,1%), e Spagna (+17,6%).

Secondo le previsioni elaborate dal Gruppo Statistiche Federmacchine, il 2019 dovrebbe invece registrare un debole rallentamento. Il fatturato si fermerà a 49,1 miliardi di euro (-0,7%), “zavorrato” dalle consegne dei costruttori italiani sul mercato interno che dovrebbero ridursi, del 3,3%, a 15,9 miliardi. L’export crescerà, invece, dello 0,6%, a 33,2 miliardi. Il consumo italiano di beni strumentali calerà, del 2,5%, a 25,8 miliardi.

La produzione di tecnologia per la lavorazione del legno, “fiore all’occhiello” di tutta l’industria italiana, può vantare un’offerta estremamente ampia che va dagli impianti per la prima trasformazione della materia prima ai sistemi per la finitura delle superfici, passando per la seconda lavorazione del legno massiccio e dei pannelli.
L’Italia esporta in tutto il mondo e questa forte propensione all’internazionalizzazione è stata una delle chiavi di volta dell’uscita dalla crisi. Il made in Italy, sinonimo di qualità, flessibilità e innovazione, è conosciuto ed apprezzato in ogni mercato e la crescita del comparto registratasi negli ultimi anni lo testimonia.

Negli ultimi due anni il fattore più importante che ha caratterizzato il mercato domestico siano stati l’insieme dei provvedimenti che lo Stato italiano ha messo a disposizione per l’industria della meccanica strumentale ed, in particolare, quelli legati all’Industria 4.0.
Infatti, negli ultimi anni è stata prorogata la legge Sabatini per quanto riguarda il finanziamento per l’acquisto dei macchinari e siano stati mantenuti incentivi fiscali come il Credito d’imposta e per gli investimenti in R&D.
Inoltre sono stato introdotti il Superammortamento (140%) e l’Iperammortamento (250%) per l’acquisto di nuovi macchinari, operazioni che hanno permesso alle aziende di ottenere agevolazioni importanti a bilancio.
La seconda misura è rientrata in un discorso più ampio di sostegno alla digitalizzazione delle imprese italiane, con l’obiettivo di favorire la competitività internazionale delle stesse; questa visione verrà portata avanti anche nel 2019 con la riconferma dell’Iperammortamento secondo diverse modulazioni.

L’Italia ha esportato nel 2018 macchine per 1.620 milioni di euro in aumento dell’8,2% rispetto al 2017. Una performance importante che ha ribadito ancora una volta come l’anno conclusosi sia stato generalmente positivo e che inevitabilmente, anche a cause delle dinamiche attuali, influirà sul dato del 2019. L’economia è fatta di cicli e i risultati vanno interpretati nella maniera corretta. Il 2018 è stato il migliore da dieci anni a questa parte e l’attuale momento di incertezza non può modificare il giudizio determinato dalle cifre.



Contenuti correlati

  • L’industria europea delle macchine utensili si riprende nonostante un mercato globale incerto

    Durante l’ultima riunione dell’Assemblea Generale, tenutasi a Edimburgo, Cecimo (Associazione Europea delle Industrie Macchine Utensili e relative Tecnologie di Produzione) ha sottolineato come in un periodo di sfide geopolitiche, che insieme ad altri fattori dirompenti stanno scuotendo le...

  • Dati sempre al sicuro

    Grazie alle soluzioni implementate da Personal Data, BMB può garantire lo svolgimento di tutti i servizi legati al disaster recovery per la salvaguardia delle informazioni e della business continuity Leggi l’articolo

  • È tutta questione di dati

    Realizzare applicazioni IoT moderne attraverso l’integrazione dati centralizzata Leggi l’articolo

  • Industry 4.0: l’89% delle aziende è colpito da attacchi cyber e subisce milioni di perdite

    Nell’ultimo anno l’89% delle organizzazioni nei settori elettrico, oil&gas e manifatturiero ha subito un attacco cyber che ha danneggiato la produzione e la fornitura di energia. Il dato emerge da “The State of Industrial Cybersecurity”, l’ultimo studio...

  • La friulana Molo17 apre una filiale in California

    MOLO17, software house pordenonese guidata da Daniele Angeli (in foto), specializzata in mobilizzazione dei dati, sbarca negli Stati Uniti con l’apertura di una sussidiaria in California, a Cupertino, nella Santa Clara Valley, famosa, perché proprio lì, si trova...

  • 2021 brillante per il settore delle tecnologie per l’industria del legno e del mobile

    Dal consuntivo elaborato dall’Ufficio studi di Acimall, l’associazione che riunisce i costruttori italiani di tecnologie per l’industria del legno e del mobile, emerge che nel 2021 la produzione si è attestata a 2.530 milioni di euro, con...

  • Insieme per le macchine di domani

    Il progetto sviluppato da Cama prevede l’integrazione di tutto il portfolio Siemens all’interno di un’unica piattaforma Tia Portal, con il supporto di applicativi specifici durante tutte le fasi di realizzazione Leggi l’articolo

  • Adesioni secondo le attese per Xylexpo 2022

    “Sarà una edizione ricca” ha affermato Dario Corbetta, direttore di Xylexpo, biennale internazionale delle tecnologie per l’industria del mobile e il mondo del legno, in programma a Milano Fiera-Rho dal 12 al 15 ottobre prossimi, “che torna...

  • Il report “Kaspersky ICS Security Survey 2022”

    L’implementazione di soluzioni di sicurezza in un ambiente tecnologico operativo impone alle organizzazioni di trovare un equilibrio tra sicurezza e continuità della produzione. Diversamente, secondo alcune stime, i tempi di inattività non pianificati causati da interruzioni della...

  • Dati Ucimu del I trimestre 2022: leggero calo degli ordini di macchine utensili (-3%)

    Nel primo trimestre 2022, l’indice degli ordini di macchine utensili elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa di Ucimu-Sistemi Per Produrre segna un leggero calo (-3%) rispetto al periodo gennaio-marzo 2021. In valore assoluto l’indice si...

Scopri le novità scelte per te x