Visione industriale: le novità di Automatica 2014

Pubblicato il 9 gennaio 2014

Il salone Automatica, in agenda dal 3 al 6 giugno 2014 a Monaco di Baviera, presenta le ultime novità in materia di componenti e soluzioni complete, con particolare attenzione agli impieghi industriali. Una parte consistente di attività automatizzate non sarebbe di fatto possibile senza i sistemi di visione e l’elaborazione di immagini. Dal classico controllo di qualità, all’alimentazione automatica di pezzi, fino agli “occhi” dei robot, i sistemi di visione svolgono un ruolo fondamentale nelle applicazioni più svariate. Non c’è da stupirsi, dunque, se il settore è avviato a chiudere il 2013 con un nuovo record di fatturato. “Per il 2013 prevediamo un incremento del giro d’affari dell’industria tedesca della visione industriale attorno al cinque percento, per un valore complessivo di 1,6 miliardi di Euro. I motori della crescita sono l’incremento della domanda dal Nord America e dall’Asia e la ricerca di sempre maggiore efficienza e qualità da parte delle imprese produttrici, alle quali la visione industriale apre continuamente nuovi orizzonti applicativi,” afferma Patrick Schwarzkopf, Direttore della sezione Visione Industriale della VDMA. Alla vigilia dell’appuntamento fieristico non è quindi facile individuare tendenze specifiche; si preannuncia piuttosto un’ampia rassegna di novità.

Fra i temi attesi con grande interesse spiccano sicuramente, nell’ambito delle telecamere, le rivalità fra visione 2D e 3D, sensori CMOS e CCD, telecamere smart e sistemi basati su PC. Mentre alcuni vedono già una grande diffusione di sensori 3D e applicazioni 3D sia nel controllo di qualità sia nell’alimentazione di pezzi, altri ritengono che si tratti ancora di temi futuribili. A sostegno della tecnologia 3D si schiera Ira Effenberger, direttrice del Fraunhofer-Institut IPA che, con il suo team, lavora a soluzioni per applicazioni sofisticate: “Sia nell’alimentazione automatizzata di parti, sia nel controllo di qualità, il mercato sta passando sempre più velocemente da soluzioni 2D integrate nel processo a sistemi di visione 3D. Per entrambe le applicazioni abbiamo sviluppato interessanti soluzioni 3D basate su sensori a lama di luce. Presenteremo i risultati di questi lavori ad Automatica.” Una cosa è chiara: i sistemi di visione 3D aprono nuovi orizzonti e possibilità di impiego che garantiranno un’ulteriore crescita alla visione industriale. Per gli utilizzatori è interessante notare come telecamere e sensori siano non solo sempre più potenti e compatti, a beneficio della facilità di integrazione, ma anche più accessibili economicamente. Questo aspetto agevola gli integratori nella realizzazione di soluzioni economiche e apre nuove strade alla tecnologia.

Un altro elemento chiave della visione industriale sono le “smart camera”, le telecamere intelligenti che acquisiscono le immagini e, grazie a processori a bordo, provvedono anche all’elaborazione dei dati. Questa soluzione compatta ed economica, alternativa ai classici sistemi di elaborazione delle immagini basati su PC, riscuote sempre maggiore apprezzamento. I vantaggi sono evidenti: “Le soluzioni con telecamere smart sono semplici, facili da usare, veloci e robuste. Inoltre, questa tecnologia consente di eliminare il PC, strumento ingombrante e grande consumatore di risorse, imponendosi come prima scelta in un ciclo produttivo sostenibile ed efficiente dal punto di vista energetico grazie ai suoi consumi sensibilmente ridotti,” afferma Michael Engel, amministratore delegato di Vision Components GmbH e inventore della prima telecamera intelligente per uso industriale. Gli espositori presenti ad Automatica mostreranno il progresso nella miniaturizzazione di componenti high-tech e le applicazioni che si possono realizzare oggi con telecamere sempre più piccole e potenti. Per sfruttare le grandi capacità dei moderni sistemi di visione con risoluzioni fino a 16 Megapixel e oltre servono interfacce in grado di trasferire enormi quantità di dati in tempi rapidi. In questo senso, la tecnologia USB 3.0 potrebbe affermarsi come principale interfaccia ad alta capacità. Con 5 GBit/s lordi e 400 MByte/s netti, le porte USB 3.0 sono circa 3,5 volte più veloci dello standard Gigabit-Ethernet. Questa interfaccia ultraveloce diventerà così il fattore abilitante per nuove applicazioni sofisticate. Ad Automatica 2014 esporranno fornitori di soluzioni, produttori di componenti ed enti di ricerca, oltre alla sezione della VDMA dedicata alla visione industriale che organizza la collettiva Machine Vision Pavilion. Per tutti gli operatori interessati, l’epicentro della visione industriale sarà nei padiglioni A4 e B3. Il convegno “La classificazione appartiene al passato: la visione industriale si evolve dal controllo della qualità all’ottimizzazione della produzione”, in programma il 4 giugno all’interno di Automatica Forum nel padiglione B5, completa l’offerta per il settore.



Contenuti correlati

  • L’innovativo gateway AS-Interface 3

    L’interfaccia AS-i si è affermata da tempo come soluzione semplice ed economica per l’integrazione di sensori e attuatori sul campo. Ma da quasi 20 anni non sono state apportate modifiche a uno dei componenti più importanti del...

  • A tutta visione! – Pillola 4

    Si dice che fidarsi è bene, ma verificare è meglio. Questo è sicuramente l’approccio migliore per produttori, operatori di magazzino e addetti alla catena di approvvigionamento, che devono rispondere ai numerosi requisiti dettati dal mercato. Come è...

  • A tutta visione! – Pillola 3

    Come per l’occhio umano i sistemi di visione sono in grado di analizzare le immagini che acquisiscono al fine di realizzare applicazioni automatizzate. Nell’industria corrono in aiuto alla qualità, alla produttività, possono diminuire i fermi macchine, i...

  • Il nuovo sensore di visione 3D per bracci robotici di Omron

    I sensori FH-SMD di Omron possono essere montati su un robot per riconoscere le parti (sfuse) posizionate in modo casuale in tre dimensioni, offrendo assemblaggio con ingombro ridotto e operazioni di ispezione e pick & place difficili...

  • RFID o bar code?

    Ricordate quasi 20 anni fa? Quando c’era un’atmosfera positiva e la tecnologia RFID stava vivendo un boom? L’RFID (Radio Frequency Identification) non è una tecnologia nuova. La fisica che ne è alla base è stata sviluppata all’inizio...

  • Da Softing una soluzione per l’integrazione dei dati CNC Fanuc nel Siemens Industrial Edge

    I prodotti software basati su Docker della famiglia edgePlug di Softing collegano i controller alle applicazioni del Siemens Industrial Edge, una piattaforma di edge computing aperta e direttamente implementabile. Il nuovo edgePlug Fanuc CNC può essere utilizzato per...

  • La nuova piattaforma Manufacturing Excellence di Honeywell

    Honeywell presenta la piattaforma Manufacturing Excellence, che fornisce una visualizzazione della produzione end-to-end in tempo reale e dashboard per molteplici utenti, dagli operatori al management, linee temporali delle unità di processo, status dettagliati delle apparecchiature e trend...

  • Automazione green sul tetto d’Europa con Planet Farms e Siemens

    Grande attenzione viene ancora oggi riservata a una storia italiana sui generis, una pietra miliare per la nostra industria, un caso applicativo in grado di ottenere una eco anche oltre confine. Occorre però fare un passo indietro,...

  • Zerynth parteciperà al programma sull’Industria 4.0 ospitato da SAP.iO Foundry Munich

    Zerinth che supporta le aziende nella digitalizzazione dei processi produttivi e nello sviluppo di prodotti industriali connessi, è stata selezionata tra le 11 startup che entrano a far parte del programma sull’Industry 4.0 ospitato da SAP.iO Foundry Munich. La selezione...

  • Xylexpo 2022: un successo superiore alle aspettative

    Si è conclusa sabato 15 ottobre in un clima di grande soddisfazione la 27a edizione di Xylexpo, la biennale internazionale delle tecnologie per l’industria del mobile e il mondo del legno che ha animato per 4 giornate...

Scopri le novità scelte per te x