Una ricerca di Fortinet svela il ruolo della cybersecurity nell’OT

Pubblicato il 13 gennaio 2020

Fortinet, tra i leader mondiali nelle soluzioni di cyber sicurezza integrate e automatizzate, annuncia i risultati di uno studio commissionato a Forrester Consulting. Tra le evidenze emerse, il fatto che le società industriali siano oggi più esposte alle minacce informatiche rispetto al passato, a causa della maggiore digitalizzazione. Inoltre, la mancanza di collaborazione tra i team che si occupano di Information Technology (IT) e Operational Technology (OT) rappresenta un’ulteriore barriera alla cybersecurity per quelle organizzazioni che desiderano trarre un vantaggio dalla convergenza IT/OT per incrementare i vantaggi per il proprio business.

Le società industriali sono impegnate nel digitalizzare i propri stabilimenti per identificare nuovi margini di efficienza e migliorare la propria capacità di raccogliere dati in grado di fornire informazioni sui processi produttivi. Il 66% degli intervistati ha affermato che le proprie fabbriche funzionano attraverso network IP-connected e utilizzano dati in tempo reale per prendere le decisioni aziendali. Questa modalità di interconnessione porta tuttavia con sé nuovi rischi legati alla cybersicurezza, dato evidenziato dal 73% degli intervistati secondo cui la superficie di attacco ha conosciuto un ampliamento. Allo stesso tempo, solo la metà del campione si è trovata d’accordo nell’affermare che i macchinari aziendali siano preparati in modo adeguato per affrontare le minacce informatiche, lasciando l’altra metà impreparata. Il 55% degli intervistati, inoltre, ha dichiarato di non avere in programma alcuna implementazione tecnologica in ambito cybersecurity nei prossimi 12 mesi.

Un altro importante dato messo in luce dallo studio è quello secondo cui gli Industrial Control Systems (ICS) sono a rischio a causa della mancanza di collaborazione tra gli ambienti IT e OT. Il 51% del campione ha affermato di operare a comparti, con il team OT si occupa delle attrezzature critiche e della sicurezza informatica afferente a questo ambito, mentre il team IT è responsabile del management del proprio comparto. Da un quarto a oltre un terzo degli intervistati non è stato in grado di identificare chi ha la responsabilità per quanto riguarda le soluzioni di sicurezza informatica come i processi, i sistemi di controllo e automazione e persino la pianificazione del business e la logistica. Tuttavia, il 91% ha affermato che la sicurezza delle attrezzature e dei macchinari dovrebbe essere una responsabilità condivisa tra IT e OT, così come (per il 58%), dovrebbe esserci una comunicazione chiara e regolare sulla vision di convergenza IT / OT al fine di garantirne il successo. 

Le aziende hanno molto da guadagnare dalla convergenza e della stretta collaborazione dei team IT e OT: il più grande vantaggio consiste nell’avere accesso a insight in tempo reale provenienti dalle attività produttive (il 66%) e nell’essere in grado di monetizzare e creare nuove opportunità di business grazie ad una maggior comprensione dei dati relativi alla produzione (il 59%). Possono essere ottenuti anche numerosi guadagni per quanto riguarda l’efficienza, con il 43% degli intervistati che cita una riduzione della duplicazione dei processi e dei flussi di lavoro tra gli impianti, nonché una maggiore visibilità per mitigare le minacce alla sicurezza informatica.

Il sondaggio è stato commissionato da Fortinet a Forrester Consulting in India, Turchia, Regno Unito, Spagna, Polonia, Germania, Slovacchia, Italia, Francia, Repubblica Ceca e Paesi Bassi: tra gli obiettivi valutare le tecniche utilizzate dalle società industriali per gestire la sicurezza, i ruoli di chi opera in questo ambito, le responsabilità gestite da IT e OT e le sfide e le opportunità offerte dalla loro convergenza. L’indagine ha incluso 459 IT e OT decision maker responsabili dei sistemi ICS presso società industriali con 1.000 o più dipendenti (nei settori automobilistico, trasporti, manufacturing, ingegneria marittima e aeronautica) in Europa e India.



Contenuti correlati

  • Panasonic: miglioramenti nel notebook Toughbook 55
    Panasonic: miglioramenti nel notebook Toughbook 55

    Panasonic presenta l’ultima versione del notebook Toughbook 55, migliorato in termini di prestazioni, connettività e sicurezza pur mantenendo la versatilità di sempre. Al suo lancio nel 2019, il Toughbook 55 ha consentito agli utenti di personalizzare il proprio...

  • OT e IoT Security: adottare una mentalità post-breach oggi

    Non passa un giorno senza che si legga di violazioni alla cybersecurity e di attacchi informatici alle infrastrutture critiche di tutto il mondo. Quella che solo 10 anni fa era un’evenienza rinvenibile una o due volte all’anno...

  • I tre maggiori trend tecnologici del futuro nel report ‘Tech in 2021’

    Forrester prevede fino al 20% delle aziende Fortune 500 non arriverà ‘sana’ alla fine del 2021... Il rapporto Tech in 2021 approfondisce le tendenze tecnologiche e lavorative che il Covid-19 ha accelerato e fornisce indicazioni su come i leader...

  • Innodisk accorpa le filiali garantendo un servizio a tutto tondo

    Innodisk, fornitore globale di memorie industriali embedded flash e DRAM, combina le complesse tecnologie di base hardware e software per creare una soluzione AIoT cloud-to-edge all-in-one che semplifica la compatibilità e riduce i tempi di realizzazione delle...

  • Piattaforme cloud industriali per ridisegnare la gestione degli asset

    Nel mondo dell’automazione, le piattaforme industrial IoT (IIoT) aiutano a migliorare i processi decisionali nell’amministrazione delle risorse, e a controllare con maggior efficienza impianti e infrastrutture. La pandemia da Covid-19 ha inoltre contribuito ad accrescere il divario...

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

  • Un team tutto italiano

    Mai come in questo caso il nome della nostra rubrica diventa calzante. I ragazzi e le ragazze tecnologiche sono una squadra, un team di giovani professionisti che collaborano insieme da varie parti d’Italia per migliorare la vita...

  • Un’intuizione, un’idea, una realtà

    Silmek, il cui core business è la produzione di macchine e impianti per la costruzione di trasformatori elettrici di media tensione, ha sviluppato con il supporto di Mitsubishi Electric una macchina completamente automatica per la costruzione ed...

  • Bonfiglioli punta al data-driven manufacturing con il supporto di SDG Group e di Snowflake

    Bonfiglioli, azienda manifatturiera che opera a livello globale, ha scelto SDG Group, azienda internazionale di management consulting, e Snowflake, la data cloud company, come partner per il proprio progetto di trasformazione digitale che ha condotto l’azienda in...

Scopri le novità scelte per te x