Un orologio da polso per il distanziamento sociale 

Renesas e Altran rilasceranno il primo orologio da polso per distanziamento sociale basato sul chipset ultra-wideband con impulsi a bassa frequenza

Pubblicato il 12 dicembre 2020

Renesas Electronics Corporation, uno dei principali fornitori di soluzioni avanzate a semiconduttore, e Altran, noto a livello mondiale nel campo dell’engineering e dell’R&D services, ora parte del Gruppo Capgemini, annunciano la loro collaborazione per lo sviluppo di dispositivi indossabili per distanziamento sociale basati su tecnologia Ultra-Wideband (UWB). Renesas anticipò in precedenza quest’anno di aver introdotto la tecnologia UWB di 3db Access AG, azienda fabless che opera nel campo dei semiconduttori, specializzata in chip a basso consumo wireless UWB dotati di sicurezza, per potenziare i microcontrollori (MCU) di Renesas.

L’architettura della piattaforma, l’orologio da polso, comprende il microcontrollore Renesas Synergy S128, il quale permette la gestione di interfacce utente con touch capacitivo e radio UWB con sicurezza integrata. A differenza di altri dispositivi indossabili dedicati al distanziamento sociale basati su tecnologie come il Bluetooth Low Energy (BLE), il chipset UWB di Renesas con Impulsi a Bassa Frequenza (Low Rate Pulse – LRP) lavora con un consumo 10 volte minore rispetto ai chip UWB della concorrenza e misura distanze con un’accuratezza di 10 cm o inferiore, la precisione necessaria per le applicazioni di distanziamento sociale. La distanza di sicurezza è configurabile; l’utente che indossa l’orologio viene avvisato da segnali luminosi e da un feedback tattile quando viene rilevato un secondo dispositivo all’interno di questa distanza. I campioni del chipset UWB di Renesas saranno disponibili a partire dalla seconda metà del 2021.

Come co-sviluppatore e system integrator, Altran adotterà la piattaforma basata su tecnologia UWB insieme ad altre soluzioni proprietarie per sviluppare ulteriori dispositivi indossabili per distanziamento sociale ed anche per applicazioni legate alla localizzazione per clienti in diversi tipi di mercati. L’orologio da polso per distanziamento sociale verrà esibito all’innovation lab di Altran.

“Dopo mesi di chiusure a livello globale a causa della pandemia, la gente vorrà sentirsi sicura quando ritornerà al lavoro, scuola e nello stare vicino alle altre persone. Sono lieto che la nostra collaborazione con Altran possa aiutare durante questa pandemia da Covid-19 con il primo orologio da polso con LRP e radio UWB per distanziamento sociale” afferma Roger Wendelken, Senior Vice President, a capo del dipartimento MCU, IoT and Infrastructure in Renesas. “Renesas prevede di ampliare l’offerta ad altri casi d’uso in futuro come il controllo accessi, monitoraggio della logistica delle merci e servizi di localizzazione come il geofencing”.

“Questa progetto è stata unico e vantaggioso, ci ha permesso, grazie alla collaborazione con Renesas, di lanciare sul mercato il primo orologio da polso con LRP e radio UWB per distanziamento sociale” dichiara Scott Houghton, Presidente di Altran Semiconductor & Electronics, Dipartimento Industrial & Consumer. “Siamo entusiasti di introdurre questa piattaforma anche in altri mercati; la sua architettura, il consumo ridotto e l’accuratezza la rendono perfetta sia in ambiti Covid e non-Covid, per le nostre applicazioni verticali”.

 



Contenuti correlati

  • Liftt investe 500.000 euro in Aria Sensing, la start up italiana che rivoluziona la sensoristica

    Il venture capital torinese LIFTT annuncia l’investimento di 500.000 euro in Aria Sensing, start up bresciana che ha brevettato un radar integrato in grado di intercettare qualunque movimento o presenza umana, a partire dal respiro o dal...

  • ProgettistaPiù 2023: una tecnologica ‘seconda pelle’

    Inventare, realizzare e validare robot indossabili innovativi, gli esoscheletri, sia per supportare gli operatori nel loro lavoro quotidiano, soprattutto quando si tratta di attività rischiose o faticose, oppure ai fini riabilitativi o ancora per potenziare specifici movimenti....

  • Automotive: gli effetti della guerra sul settore

    Dopo gli effetti della pandemia causata da Covid-19, ora l’automotive è alle prese con le difficoltà dovute alla guerra tra Russia e Ucraina Leggi l’articolo

  • Catene del freddo per trasporto di medicinali

    Molti biomateriali, ad esempio per le terapie cellulari e genetiche (CGT) e per i vaccini mRNA altamente efficaci contro il Covid-19 e l’Ebola, richiedono temperature estremamente basse in tutte le fasi della catena di distribuzione, sia per...

  • Gli occhiali intelligenti del futuro nascono a Milano

    EssilorLuxottica e il Politecnico di Milano danno vita al primo Smart Eyewear Lab, un centro di ricerca congiunto per progettare gli occhiali intelligenti del futuro. L’accordo di collaborazione prevede un investimento di oltre 50 milioni di euro....

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • Gli sviluppi tecnologici del diritto societario

    Nella pubblicazione viene affrontato il tema dell‘introduzione delle tecnologie digitali negli assetti organizzativi e nei meccanismi di corporate governance interrogandosi anche sul corretto equilibrio tra benefici attesi e rischi potenziali Leggi l’articolo

  • Robotica contro il Covid-19

    Il sistema robotico Agamede è stato progettato per accelerare la diagnosi del virus Sars-CoV-2. Grazie alla combinazione di AI e automazione, è in grado di analizzare 15.000 singoli campioni al giorno Leggi l’articolo

  • Realizzare un robot

    Grazie alla modularità e flessibilità il ROS-Tube è una soluzione progettata su misura per la specifica realtà industriale, gestibile e implementabile senza stravolgimenti dei metodi produttivi Leggi l’articolo

  • Tecnologia elettronica per lo sport

    C’è spazio per la tecnologia elettronica nel mondo sportivo durante l’allenamento delle gare, per esempio nel nuoto? Sì, gli atleti usano un cardiofrequenzimetro collegato a un computer, così in tempo reale è possibile verificare come l’atleta stia...

Scopri le novità scelte per te x