Ultimo appuntamento con la Carta delle Idee di UR

Competenza e sicurezza al centro del dibattito. La formazione garantisce ambienti di lavoro più sicuri e un uso più consapevole delle tecnologie

Pubblicato il 24 maggio 2022

Si è concluso oggi il percorso a tappe di comunicazione e valorizzazione della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa di Universal Robots. L’appuntamento odierno – il quarto – ha posto al centro del dibattito 2 temi strettamente connessi alla robotica collaborativa e alla proposizione tecnologica e culturale UR: sicurezza e competenza.

La casa danese ne ha dibattuto con Domenico Appendino, presidente SIRI e autore della Carta delle Idee, Luciano Di Donato, tecnologo ed esperto di sicurezza nei sistemi automazione e produzione in forza all’Inail, Michele Rinieri, CEO di AdVolo, system integrator ed esperto di analisi del rischio nelle integrazioni robotiche, e Paolo Bassetti, master trainer UR presso il centro di formazione torinese.

Nei precedenti 3 appuntamenti la Carta delle Idee ha affrontato temi come l’implementazione della robotica al di fuori della fabbrica e in ambiti inusuali (agricoltura, edilizia, medicale), l’educational, ovvero l’uso della robotica collaborativa come tool didattico per incrementare soft skill e capacità di calcolo computazionale e problem solving negli alunni delle scuole e, infine, il ruolo dei centri di competenza e di ricerca nel ridurre il gap tecnologico che ancora separa molte PMI dalle forme più avanzate di automazione.

“UR non è soltanto un attore tecnologico” commenta Gloria Sormani, country manager Italy di Universal Robots “ma anche culturale. Con la Carta abbiamo voluto dare un contributo al dibattitto pubblico all’interno del Paese su temi che sono all’ordine del giorno dell’agenda politica: industry 4.0, formazione dei lavoratori, sicurezza, automazione nei settori extra industriali. Lasciamo al decisore e agli organi preposti alla ricerca e formazione il nostro modesto contributo. Idee e tecnologie sono sul piatto”.

Domenico Appendino ha fornito un esauriente panoramica dello stato dell’arte della diffusione della robotica nel mondo e in Italia, rilevando come, al crescere della base robotica installata, diminuisca la disoccupazione. La robotica, grazie alla sua capacità di incrementare produttività e ridurre spese e scarti, dà un contributo positivo al tasso occupazionale. A patto che sia accompagnata da una formazione efficace nel preparare i lavoratori a sfruttarne i benefici.

Se nel 2025 il World Economic Forum stima che la metà dei lavori attuali verrà svolto da robot, con una perdita di 75 milioni di posti di lavoro – stima altrettanto che automazione e robotica ne creeranno altri 133 milioni, con mansioni diverse e più qualificate e con un saldo positivo di 58 milioni.

Luciano Di Donato ha ricordato invece che, nonostante lo sviluppo di interfacce uomo/macchina sempre più evolute, il numero di infortuni (anche con esito fatale) è ancora troppo alto. Se grazie all’interfaccia l’interazione fra operatore e macchinario viene ridotta, come è possibile che si verifichino ancora così tanti infortuni? La risposta sta, almeno in parte, nella cattiva programmazione dei cicli di manutenzione e nella scarsa formazione degli operatori. Una macchina dotata di avanzati sistemi di auto diagnostica comunicherà con l’operatore di turno il guasto che la rallenta. Ma se l’operatore non è sufficiente formato per intervenire si creano le condizioni perché gli infortuni si ripetano.

Formazione e sicurezza sono strettamente connessi” commenta ancora Gloria Sormani. “L’idea contenuta della nostra Carta (portare la formazione sulla robotica collaborativa all’interno del CCNL dei metalmeccanici) è stata avanzata dal sindacato UILM, proprio perché si tratta di una tecnologia in grado di garantire sicurezza nei processi e veicolare competenze strategiche. Formazione e sicurezza vanno visti di pari passo, perché la prima assicura la seconda e i cobot sono lo strumento per raggiungerle entrambe”.

Michele Rinieri ha chiarito natura e perimetro di un’analisi del rischio su un’applicazione robotica. Un’attività che va condotta olisticamente, considerando ogni elemento coinvolto: l’uomo, il robot, gli end effector e l’ambiente di lavoro con le sue caratteristiche di ampiezza e struttura, che devono essere coerenti con l’applicazione che si va sviluppando.

Paolo Bassetti ha infine fornito una chiara disanima dell’offerta formativa UR, dai tool digitali ai corsi in classe, dalle simulazioni agli strumenti di alfabetizzazione robotica offerti gratuitamente, come webinar, ebook e white paper. Con oltre 130.000 diplomati (di cui 3.700 ogni anno in uscita dalle classi dei training center autorizzati) l’Academy UR è un ecosistema unico che parla 16 lingue e offre diverse possibilità di approcciare la robotica collaborativa, dalla semplice introduzione alla formazione specifica di alto livello su temi evoluti.



Contenuti correlati

  • Valorizzare la diversità nelle discipline STEM per restare al passo col progresso

    Risolvere le sfide più complesse della società moderna richiede la possibilità di attingere a un pensiero quanto più innovativo possibile. E per far sì che siano in molte persone a beneficiarne, abbiamo la necessità di una maggiore...

  • RS Group annuncia la nascita di RS Safety Solutions

    RS, marchio di RS Group plc, fornitore omnicanale globale di prodotti e servizi a valore aggiunto, annuncia la nascita del nuovo marchio RS Safety Solutions, che combina le competenze del Gruppo nel settore dei dispositivi di protezione...

  • Ufficialmente aperte le iscrizioni per i Campionati di Automazione Siemens

    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per i Campionati di Automazione Siemens, ex OlimpiadiAutomazione, il concorso nazionale riservato a docenti e studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e degli Istituti Tecnici Superiori (ITS). Cambia il nome ma non...

  • La robotica Staubli al servizio della produzione farmaceutica

    A causa della sua natura altamente regolamentata, l’industria farmaceutico-medicale in passato è stata lenta nell’adottare soluzioni di robotica e automazione. Attualmente, invece, è proprio questa natura regolatoria che sta guidando il settore verso un’automazione sempre più spinta,...

  • Clusit diventa partner di Cyber 4.0

    Non esiste digitalizzazione senza sicurezza: questa tesi, alla base delle attività di sensibilizzazione, divulgazione e formazione erogate da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, è anche il pilastro su cui si basa la neo avviata collaborazione...

  • Saldare con i cobot conviene

    Carenza di manodopera e necessità di stare al passo con gli ordini hanno spinto MT Solar ad ‘assumere’ un robot collaborativo UR10e di Universal Robots in grado di gestire il lavoro ripetitivo di saldatura e i cambi...

  • Vodafone collabora con IBM nello sviluppo della tecnologia Quantum Computing

    Il Gruppo Vodafone ha annunciato una collaborazione con IBM sul Quantum Computing, in particolare per la sicurezza informatica quantistica e per lo sviluppo di potenziali casi d’uso quantistici nelle telecomunicazioni. Il Gruppo Vodafone ha annunciato una collaborazione...

  • Micon 5 Safety: micro-pulsante con sistema di contatti a due canali da Rafi

    I pulsanti a corsa breve della serie MICON 5 realizzati da RAFI sono ora disponibili anche nella versione MICON 5 SAFETY con sistema di contatti a due canali. Con una superficie di base di soli 5,1 x...

  • CodeMeter al centro della gestione licenze della piattaforma di automazione B&R

    Nel perseguire la loro missione, affinché il mondo dell’automazione industriale diventi gradualmente più sicuro, Wibu-Systems, gli specialisti leader a livello mondiale nel campo della protezione dei beni digitali e della gestione licenze, estendono una collaborazione tecnologica di...

  • Programmi di security awareness, tre errori comuni commessi dalle aziende

    Nonostante budget importanti e risorse sempre più significative investite nella cybersecurity, le violazioni sono ancora frequenti e sempre più impattanti. Quando si analizzano questi incidenti, c’è un fattore comune: la tecnologia di difesa è minata dall’azione umana,...

Scopri le novità scelte per te x