Più efficienti con il 4.0: opportunità e sfide per le imprese

Innovazione tecnologica e trasformazione digitale delle imprese al centro di un momento di confronto e approfondimento organizzato a Bologna dal Competence Center BI-REX e Intesa Sanpaolo

Pubblicato il 26 settembre 2022

Monitorare, accompagnare e guidare le PMI di Emilia-Romagna, Marche e non solo nel percorso verso l’Industria 4.0, l’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale  attraverso ricerche, momenti di confronto e iniziative volte alla diffusione delle best practice: questa la mission per la quale il Competence Center BI-REX e Intesa Sanpaolo hanno dato vita all’Osservatorio Industria 4.0 grazie al  quale si è tenuto a Bologna, presso la sede BI-REX, l’evento sul tema “Osservatorio, Soluzioni e Tecnologie Industria 4.0 per le imprese”.

L’evento si è aperto con la presentazione dei risultati della ricerca sui processi di trasformazione digitale delle aziende di Emilia-Romagna e Marche, condotta su oltre 300 aziende manifatturiere dalla Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, per fare il punto sulla diffusione delle tecnologie 4.0, evidenziando punti di forza e criticità, con particolare attenzione alle imprese che attivano e supportano la trasformazione digitale. Una presentazione cui è seguita la visita alla Linea Pilota BI-REX, per vedere in azione le tecnologie 4.0 e una serie di tavoli tematici con le imprese per favorire e pianificare i processi di trasferimento tecnologico.

A introdurre i lavori il Presidente BI-REX, Domenico Bambi, e la Direttrice Regionale Emilia-Romagna e Marche di Intesa Sanpaolo, Alessandra Florio.
A seguire Danilo Mascolo (Responsabile Innovation e Business Development DI-REX) e Stefania Bergamaschi (Direttrice Commerciale Imprese Emilia-Romagna e Marche Intesa Sanpaolo) hanno illustrato le azioni messe in campo dalle due realtà, singolarmente e congiuntamente, a supporto delle esigenze tecniche, finanziarie e consulenziali delle imprese.

A presentare l’analisi svolta in seno al panorama manifatturiero emiliano-romagnolo Giovanni Foresti, Serena Fumagalli e Sara Giusti, economisti della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo. Mentre a illustrare agli imprenditori e rappresentanti aziendali presenti la Linea Pilota BI-REX ha provveduto il responsabile della stessa, Francesco Meoni: la visita alla Linea,  fabbrica digitale del futuro che integra le tecnologie Industria 4.0 con quelle tradizionali in un ambiente interconnesso, ha consentito alle aziende partecipanti di toccare con mano le diverse macchine operative delle quattro diverse aree (Big Data, Additive Manufacturing, Robotica, Finitura & Metrologia) e di vedere dal vivo come si crea innovazione. Ultima parte dell’appuntamento dedicato ai tavoli tematici con le imprese, per favorire il trasferimento tecnologico, anche attraverso la predisposizione di appositi percorsi nel medio periodo.

“L’importante partnership con Intesa Sanpaolo si è arricchita oggi di un ulteriore elemento” ha affermato Bambi. “La realizzazione della seconda edizione dell’Osservatorio, importante strumento messo a punto con l’obiettivo di accompagnare le PMI nel loro percorso verso l’Industria 4.0, conferma il ruolo centrale giocato dal nostro Competence Center nel panorama nazionale, in qualità di centro di innovazione tecnologica altamente specializzato. In un contesto particolarmente complesso che obbliga sempre più il nostro tessuto produttivo ad implementare processi legati alla trasformazione digitale, è fondamentale fare networking con le imprese affinché possano essere informate, supportate ed indirizzate. Il nostro impegno ed i nostri sforzi spingono incessantemente verso questa direzione, allo scopo di aiutare l’intero sistema imprenditoriale a fare quel salto di qualità di cui vi è enormemente bisogno”.

“Siamo orgogliosi di questa collaborazione con BI-REX per rispondere tempestivamente alle esigenze delle imprese e ove possibile anticiparle. La crisi pandemica prima e le incertezze provocate dall’aumento del costo dell’energia poi hanno impresso alle trasformazioni già atto in termini di innovazione una accelerazione che le rendono improcrastinabili per le nostre aziende” ha rimarcato Florio. “In questo frangente complicato, come prima banca del Paese storicamente radicata in Regione, c’è il nostro massimo impegno per essere accanto al tessuto economico regionale sia sul fronte delle urgenze che degli investimenti strategici. Da un lato siamo al fianco delle imprese nel superare questa fase, anche con un recente plafond di 2 miliardi di euro per far fronte ai costi dell’energia e favorire gli investimenti in energie rinnovabili, che si aggiunge a quello da 10 miliardi dello scorso giugno, e dando la possibilità di sospendere le rate dei finanziamenti fino a 24 mesi. Dall’altro continua l’impegno del Gruppo per favorire, con linee finanziarie dedicate e consulenza specializzata, gli investimenti in sostenibilità, innovazione tecnologica e digitalizzazione”.

OSSERVATORIO 4.0: INNOVAZIONE TECNOLOGICA E TRASFORMAZIONE DIGITALE – A cura della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo

PROCESSI PIÙ EFFICIENTI CON IL 4.0

Di seguito i principali risultati dell’indagine a cui hanno aderito 308 imprese dell’Emilia-Romagna e delle Marche. Più di metà delle imprese adotta tecnologie 4.0, con punte superiori al 70% per le imprese più grandi e attive nei settori dell’elettronica ed elettrotecnica. Anche tra le imprese più piccole emerge però un buon grado di diffusione del 4.0: quasi la metà dichiara infatti di adottare almeno una tecnologia 4.0. Tra le tecnologie più adottate si osservano differenze settoriali, che riflettono le specificità di ciascuna specializzazione produttiva.

Nell’industria spicca l’adozione di robotica (66% per la metalmeccanica, 53% per elettronica ed elettrotecnica), magazzini automatizzati (circa 30%), stampa 3D e cloud computing (circa 20%), mentre nei servizi si segnala il maggior utilizzo di Intelligenza Artificiale (29%), Big Data (17%) e IoT (29%). Più trasversale invece il ricorso alla cybersecurity.

Un’impresa su due adotta più di una tecnologia e ben il 10,3% delle imprese adottanti ne impiega almeno 5. Si tratta di un fenomeno recente, che ha avuto un’accelerazione a partire dal 2017, grazie a efficaci interventi di politica industriale, e ha favorito lo sviluppo di smart factory, con l’impiego cioè di tecnologie 4.0 soprattutto nei processi di produzione e di R&S.
Gli obiettivi raggiunti grazie all’adozione di tecnologie 4.0 sono relativi all’efficientamento dei processi e alla produttività, in particolare sono collegati all’automazione dei processi, il loro monitoraggio e l’aumento della velocità di produzione e della produttività.

Le tecnologie 4.0 hanno consentito anche una riduzione dei costi e sostenuto la connettività interna dei processi. L’adozione del 4.0 è stata accompagnata da formazione degli addetti in produzione o da impiego di personale esterno specializzato, ed ha avuto un impatto rilevante sia sulla struttura organizzativa che sui modelli di business, soprattutto per i soggetti più evoluti in chiave 4.0. Il processo di implementazione delle tecnologie 4.0 è stato promosso prevalentemente dai proprietari/titolari delle imprese, ma emerge il ruolo determinante di figura dedicate nei player di maggiori dimensioni.

IL RUOLO DI UNIVERSITA’ E COMPETENCE CENTER

soggetti determinanti nell’adozione delle tecnologie 4.0 sono risultati i fornitori di tecnologie (nel 79% dei casi) e quelli di impianti e di macchinari (60%). Al terzo posto i consulenti (23%), seguiti dai clienti (13%). Per le imprese più evolute, spicca il ruolo delle Università e dei Competence Center, mentre per le aziende ICT e dei servizi assume rilevanza anche la relazione con start-up. Se per la maggior parte dei soggetti la relazione riguarda l’acquisto di tecnologia, è interessante sottolineare come per le imprese ad alta digitalizzazione, sia importante la collaborazione per progetti innovativi, soprattutto con le Università e i Competence Center.

Le imprese che adottano tecnologie 4.0 non effettuano un mero processo di acquisto di soluzioni tecnologiche ma, soprattutto quando interagiscono con clienti e Università, attivano processi di co-creazione tra l’impresa e gli altri attori coinvolti. Le imprese manifestano un buon grado di apprezzamento dei partner tecnologici; alcune criticità emergono però nei tempi e nei costi di implementazione.



Contenuti correlati

  • Quello che c’è da sapere sull’Intralogistica 4.0

    Una delle sfide di Industria 4.0 riguarda l’evoluzione del settore dell’intralogistica. Solo ponendo al centro dell’innovazione processi digitalizzati, interazione uomomacchina e tecnologie abilitanti si può essere competitivi sui mercati globali, garantendo la massima sicurezza per gli operatori....

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • Nozomi Networks OnePass
    Nozomi Networks OnePass integra hardware e software per la sicurezza OT e IoT

    Nel contesto del proprio impegno per l’innovazione nell’adozione di soluzioni di cybersecurity a livello industriale e ICS, Nozomi Networks introduce OnePass, la prima offerta del mercato che integra completamente hardware e software as-a-service per la sicurezza OT...

  • Verso la ‘Gigabit society’

    La strategia italiana per la banda ultra-larga, chiamata ‘verso la Gigabit society’, definisce le azioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi di trasformazione digitale, nel solco delle indicazioni europee in cui visione, obiettivi e modalità sono espressi per...

  • Red Hat e Intel collaborano per promuovere l’innovazione edge per i sistemi Industry 4.0

    Oggi le imprese raccolgono volumi crescenti di dati dalle fonti più svariate: macchine, dispositivi IoT, sensori, solo per citarne alcuni. Perché questi dati vengano trattati in maniera efficace e portino alla definizione di operazioni aziendali intelligenti, è...

  • Lectra Pinko
    Lectra supporta la transizione digitale di Pinko

    Pinko, brand italiano di moda entry-to-luxury che conta oltre 280 boutique e più di 1.000 negozi multimarca in tutto il mondo, ha scelto Lectra, protagonista dell’Industria 4.0 nei settori fashion, automotive e arredamento, per supportare la digitalizzazione...

  • Packaging 4.0 ready

    Il cuore di Industria 4.0 è la connettività. Sfruttando i gateway/router Ewon Cosy 131 e Flexy 205, le macchine di Cama Group sono in grado di assicurare evidenti benefici all’utilizzatore finale, oltre che al costruttore Leggi l’articolo

  • Tutto sotto controllo con una app

    Rexroth e Techmass hanno unito le forze per mostrare come sia possibile integrare impianti produttivi e sistemi gestionali in un’ottica di Industria 4.0 Leggi l’articolo

  • IGE+XAO nell’Industria 4.0

    Come è possibile agevolare, velocizzare e ottimizzare tutti i processi del ciclo di vita dei prodotti elettrici dall’offerta, alla progettazione, alla produzione e al collaudo? Ecco la risposta di IGE+XAO Leggi l’articolo

  • Digitale: pronti ad accelerare?

    La crescita in Italia del mercato del digitale, dopo una forte impennata nel 2021, vive un momentaneo rallentamento dovuto alle incertezze del quadro macro-economico. Tuttavia, le stime a medio termine indicano una fortissima accelerazione della trasformazione digitale,...

Scopri le novità scelte per te x