T6 completa la gamma di robot SCARA di Epson

Pubblicato il 4 luglio 2018

Epson arricchisce con un nuovo modello la sua gamma di robot di produzione entry-level particolarmente compatti e versatili. Il nuovo arrivato, SCARA T6, è perfetto per la manipolazione automatica dei materiali, è dotato di controller integrato ed è pensato per garantire facilità di installazione e praticità di utilizzo.

Questo modello, una versione più potente dell’apprezzato T3, garantisce una maggiore produttività grazie a un superiore carico utile pari a 6 kg. È quindi ottimo per i clienti che desiderano introdurre nelle loro attività un robot della serie T che trasporti componenti di peso e dimensioni maggiori o più componenti alla volta.

I robot della serie T consentono di automatizzare le operazioni di carico/scarico delle macchine di test e altre semplici procedure che prima venivano svolte manualmente perché non esistevano alternative convenienti. Un unico robot della serie T può essere utilizzato al posto di vari robot ad asse singolo (meno costosi) che occupano molto spazio e richiedono complicate operazioni di regolazione e manutenzione. Questo significa più spazio a disposizione, meno tempo per la configurazione e tempi di inattività ridotti.

Grazie al fatto che il controller è integrato, non è necessario svolgere attività di preparazione e di installazione interna dei cavi. Così il sistema sarà più facile e rapido da configurare e riutilizzare. Ora che il controller non occupa più spazio aggiuntivo, l’intero sistema risulta più compatto. Di conseguenza i produttori potranno impiegare lo spazio dei loro stabilimenti in modo più efficace e costruttivo. Grazie ai motori senza batteria, gli utenti non saranno più costretti ad acquistare nuove batterie e sostituire e smaltire quelle vecchie. Gli utenti possono ridurre i costi di gestione e i tempi di interruzione dell’attività. Porte I/O per pinze o altri utensili che semplificano il cablaggio sono posizionate all’estremità del braccio del robot e hanno un voltaggio di 24 V. La configurazione risulta quindi più semplice, perché le porte agevolano il cablaggio, l’alimentazione e altre connessioni agli utensili.

Il design prevede un condotto dei cavi ridotto nella parte superiore del robot per una maggiore stabilità. Un condotto più breve è sinonimo di stabilità, con scarse vibrazioni perfino durante il funzionamento e maggiore semplicità di instradamento dei cavi. Alimentazione monofase da 100 a 240 VAC ed efficienza energetica superiore del 50%. Mentre i robot della serie LS hanno alimentazione monofase da 200 a 240 VAC, la serie T supporta tensioni da 100 a 240. I robot della serie T possono essere installati in laboratori e altri ambienti in cui è presente solo tensione a 100 VAC. Questi robot garantiscono anche un eccezionale risparmio, con un consumo di corrente dimezzato rispetto ai modelli precedenti grazie a un uso più efficace dell’energia elettrica.

Volker Spanier, Responsabile delle soluzioni robotiche Epson per l’area EMEAR, spiega: “In quanto azienda leader nel settore delle tecnologie e grazie a una presenza di oltre 30 anni nel mercato della robotica in Europa, Epson continua ad ampliare la sua gamma di robot efficienti, compatti e di precisione che coniugano l’eccellenza tecnologica e una conoscenza approfondita delle esigenze dei clienti.”



Contenuti correlati

  • Omron Robotics and Safety Technologies: partnership strategica con Lowpad per i robot mobili

    Omron Robotics and Safety Technologies e Lowpad annunciano una collaborazione strategica per espandere la linea di robot mobili Omron con l’offerta di prodotti a basso profilo di Lowpad. Omron è attiva nel settore dei robot mobili autonomi...

  • Un fedele amico dell’uomo

    I robot che camminano rappresentano l’integrazione di moltissime innovazioni nel campo della robotica che li rende adatti a svariate applicazioni. Uno sguardo al futuro per scoprire dove questi compagni meccanici stanno prendendo piede Insegnare ai robot a...

  • Robot calibrati e precisi con Keba

    Da quando i robot industriali sono stati introdotti negli Anni 50, sono cambiate in modo radicale sia le specifiche di progetto che i metodi di realizzazione. Originariamente, il loro impiego era focalizzato ad assolvere compiti ripetitivi di...

  • Automazione igienica, flessibile e salvaspazio

    I robot Stäubli, nello stabilimento della tedesca BMI, sono stati utilizzati nella linea di confezionamento per blocchi di formaggio a pasta dura Per produrre 35.000 tonnellate di formaggio a pasta dura all’anno sono necessari circa 350 milioni...

  • Ucimu: un 2023 complessivamente in positivo e un 2024 di tenuta

    2023 ancora positivo per l’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ottiene un nuovo record di produzione; si allunga così il trend favorevole che dovrebbe trovare conferma anche nel 2024. Questo, in sintesi, quanto...

  • Omron Industrial Part Feeder
    Smistamento efficiente dei componenti con l’Industrial Part Feeder di Omron

    Omron aggiunge al suo ampio portafoglio di soluzioni robotiche l’industrial Part Feeder (iPF). Progettato appositamente per lo smistamento efficiente dei componenti, iPF semplifica i processi di produzione, come assemblaggio, imballaggio, smistamento e ispezione, nei diversi settori industriali....

  • Sfida in Realtà Aumentata: Epson supporta MOV>ON Challenge

    È partito l’innovativo progetto MOV>ON Challenge in collaborazione tra Epson e il LABoratorio d’Impresa 5.0 di Verona: la nuova sfida è rivolta a 250 ragazzi di 4° e 5° superiore dell’Istituto Salesiano Don Bosco e prevede lo...

  • Scegliere il sensore di forza/coppia dei robot: integrato o autonomo?

    Di Klajd Lika, CEO, Bota Systems  I sensori di forza/coppia stanno acquisentdo sempre più popolarità nelle applicazioni robotiche – la tendenza è ormai evidente. A fare la differenza è l’impiego diffuso dei robot in contesti eterogenei, dove...

  • I cobot verso il futuro dell’automazione, secondo reichelt elektronik

    I cobot rappresentano gli strumenti di automazione per eccellenza, e possono rivoluzionare la vita quotidiana per organizzazioni di qualsiasi dimensione. Fino ad oggi i costi di acquisto e le complessità relative all’implementazione ne hanno resa complicata l’integrazione,...

  • Epson amplia la gamma di robot Scara di fascia alta

      Epson amplia la gamma degli innovativi robot Scara con l’aggiunta dei due nuovi modelli GX10 e GX20. Sulla scia del successo delle serie GX4 e GX8, i due nuovi robot Scara, compatti e versatili, sono progettati per ottimizzare...

Scopri le novità scelte per te x