Sul Green Pass, Siemens Italia accelera: richiesta per entrare in sede dal 27 settembre

Il 27 settembre 2021 Siemens introdurrà in Italia l’utilizzo della certificazione verde Covid-19, Green Pass, per accedere alle sedi di Milano e delle filiali

Pubblicato il 13 settembre 2021

“Abbiamo deciso di introdurre il Green Pass, anticipando le decisioni che Governo e parti sociali stanno valutando, coerentemente con tutte le misure anti Covid adottate da febbraio 2020, per continuare a garantire la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e al contempo mantenere la continuità del business. Così ci prepariamo al futuro per i nostri collaboratori, clienti, partner e fornitori” dichiara Pierfrancesco De Rossi alla guida di Siemens SpA come Presidente e CEO ad interim. “Lo smart working, la nostra modalità di lavoro dal 2018, consentirà comunque a chi non accede alle sedi di lavorare da remoto”.

“A questo punto del percorso, il perseguimento delle nostre priorità si riflette nel positivo andamento del business e nella rafforzata fiducia dei nostri collaboratori che abbiamo rilevato a intervalli regolari con indagini interne tra cui una recentissima e una commissionata all’Istituto di Ricerche Piepoli” continua De Rossi. “I risultati ci dicono non solo che la salute e la sicurezza rappresentano il fattore di maggiore attenzione oggi per le aziende ma anche e soprattutto che i nostri collaboratori ci riconoscono un ruolo di tutela del loro benessere fondamentale, e questo è oggi per noi l’elemento di fiducia chiave della nostra organizzazione”.

Pierfrancesco De Rossi, Presidente e CEO ad interim di Siemens SpA

Siemens adotterà la certificazione verde Covid 19 “Green Pass” (in linea con la definizione del Governo) per l’accesso agli uffici di Milano e delle altre sedi a partire da lunedì 27 settembre 2021. La misura prevederà deroghe per casi specifici, come ad esempio i siti produttivi. La decisione presa dal management di Siemens è il risultato di un percorso virtuoso intrapreso dall’inizio della pandemia.

Di questo percorso virtuoso l’organizzazione del lavoro è il prerequisito. Lo smart working, che in Siemens è l’unica modalità di lavoro per la generalità dei collaboratori, ratificata da un accordo sindacale del 2017, ha permesso di far lavorare da remoto durante il lockdown circa 3.000 persone. Negli ultimi 18 mesi c’è stata un’ulteriore evoluzione verso un modello di lavoro innescato dal “New Normal”: anche su questo fronte, infatti, il management ha accelerato, lanciando un progetto pilota di trasformazione dello spazio virtuale e fisico, che sta portando al lavoro ibrido, mix di attività in presenza e da remoto.

Tra le misure di salute e sicurezza più importanti che hanno accompagnato la decisione di introdurre il Green Pass ci sono: un solido protocollo che ha permesso ai collaboratori di poter godere di luoghi di lavoro sicuri fin dall’inizio della pandemia, la campagna di screening sierologico, l’adesione all’iniziativa promossa da Confindustria con l’implementazione della campagna vaccinale Siemens per la propria popolazione aziendale, una propria campagna di informazione e comunicazione scientifica interna su Covid-19 e i relativi vaccini a cui ha aderito la maggioranza dei collaboratori. La raccolta dei certificati e la mappatura vaccinale promossi recentemente evidenzia che oltre il 90% dei collaboratori di Siemens SpA e Siemens Mobility in Italia ha già completato il percorso vaccinale.

Oltre 1.000 collaboratori hanno partecipato ad attività di e-learning che prevedevano anche temi legati al worklife balance e al lavoro ibrido; sul fronte esterno le numerose iniziative e corsi di formazione che Siemens ogni anno destina a scuole tecniche e Università sono stati resi disponibili online e l’offerta di webinar, seminari ed eventi per clienti e distributori è stata trasformata in un ricchissimo carnet virtuale con centinaia di iniziative alcune delle quali prodotte attraverso la creazione, nella sede di Milano, di un vero e proprio studio digitale Siemens.

Il rigoroso protocollo sanitario, implementato in tutte le sedi e già valutato positivamente da ATS (Azienda per la Tutela della Salute) lo scorso dicembre, è in continuo aggiornamento. Per finire, l’azienda ha intrapreso il percorso per l’acquisizione della certificazione ISO 45005:2020 general guidelines for safe working during Covid 19 pandemic.



Contenuti correlati

  • Un nuovo trasduttore estensimetrico veloce per aree pericolose

    Turck Banner Italia ha ampliato il suo portafoglio di interfacce con un trasduttore estensimetrico veloce per applicazioni di misurazione della forza in aree pericolose. Il nuovo dispositivo, denominato IMX12-SG, ha una funzione di ripetitore e può essere...

  • Soluzione di accesso remoto sicuro OT di Zscaler e Siemens

    Nell’attuale contesto ibrido che caratterizza sia l’ambito professionale che quello economico, è più forte che mai l’esigenza di un’automazione di fabbrica, di una maggiore produzione e di un personale agile per gli ambienti OT. Contemporaneamente, le fabbriche...

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • 3CX e Snom, una combinazione di successo

    3CX, produttore della pluripremiata soluzione per le telecomunicazioni aziendali, e Snom Technology, marchio premium di telefoni IP per l’uso professionale, intrattengono da oltre dieci anni in una partnership tecnologica e strategica: i prodotti di entrambi i vendor...

  • Più sicurezza dai guasti

    Basf ha rinnovato la sottostazione elettrica del suo impianto di Beaumont, in Texas, grazie all’aiuto di Schneider Electric Leggi l’articolo

  • Garantire mobilità e sicurezza dei dipendenti

    Grazie alle nuove tecnologie di comunicazione Ascom, il gruppo EDF sta migliorando la sicurezza dei dipendenti nei suoi gruppi di impianti idraulici Leggi l’articolo

  • Industry 4.0: l’89% delle aziende è colpito da attacchi cyber e subisce milioni di perdite

    Nell’ultimo anno l’89% delle organizzazioni nei settori elettrico, oil&gas e manifatturiero ha subito un attacco cyber che ha danneggiato la produzione e la fornitura di energia. Il dato emerge da “The State of Industrial Cybersecurity”, l’ultimo studio...

  • Potenziare la sicurezza migliora il business

    Pregis, azienda italiana che opera nel settore del food service, si è affidata a next-generation firewall, DNS Security e Cortex XDR di Palo Alto Networks per proteggere la propria infrastruttura, evitare downtime e supportare le proprie attività...

  • Innovazione e ricerca, la Lombardia prima in europa nel campo della cybersicurezza

    È stato firmato nell’Aula Magna del Politecnico di Milano, l’accordo di collaborazione tra Politecnico di Milano, Regione Lombardia, Aria, Intesa Sanpaolo e il I Reggimento Trasmissioni dell’Esercito per la nascita di una rete di comunicazione quantistica a...

  • Gli sviluppi tecnologici del diritto societario

    Nella pubblicazione viene affrontato il tema dell‘introduzione delle tecnologie digitali negli assetti organizzativi e nei meccanismi di corporate governance interrogandosi anche sul corretto equilibrio tra benefici attesi e rischi potenziali Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x