Stampanti Rfid di Sato: adatte per etichette di qualunque forma e spessore

Etichettatura nella supply-chain: oltre 70.000 articoli da identificare e tracciare, sei diverse tipologie di tag e un solo modello di stampante

Pubblicato il 23 gennaio 2023

Ottomila eventi in un anno, fornendo tavoli, sedie, divani, tovaglie, frigoriferi, forni, casse di bicchieri, piatti e posate con una movimentazione di 3.200.000 pezzi in un anno e un totale di 70.000 oggetti etichettati e identificati univocamente. Sono i numeri che contraddistinguono la movimentazione logistica di Smacrent, società che si occupa di noleggio arredi e attrezzature professionali per banqueting e catering, con la possibilità di personalizzare allestimenti e scenografie in funzione del tipo di evento.

Gestire in modo efficiente questa attività e verificare di volta in volta che tutta l’attrezzatura noleggiata rientri in magazzino pronta per l’evento successivo richiede un’organizzazione logistica precisa ed accurata. È un caso in cui la tecnologia Rfid UHF, grazie alla possibilità di identificare univocamente ogni oggetto e tracciarne la movimentazione con letture massive e precise dei tag, è di grande aiuto per ottimizzare i tempi di gestione e controllo delle uscite e dei rientri degli allestimenti. Il progetto a cui si fa riferimento è stato realizzato da Tenenga, azienda specializzata in soluzioni di identificazione, tracciabilità, rintracciabilità.

Smacrent dispone di un ampio catalogo di arredi, lampade, attrezzature da cucina, pedane per pavimentazione, ombrelloni e tendostrutture, oltre naturalmente a piatti, bicchieri, posate e tovagliato. Una grande varietà di oggetti, a ciascuno dei quali è necessario assegnare un codice univoco al quale associare tutte le informazioni che lo caratterizzano. Il magazzino è organizzato con cinque gate di uscita, dove le etichette di tutti gli oggetti sono lette per verificare che esca tutto quanto richiesto per un determinato evento, e tre gate di ingresso dove le etichette sono lette per verificare che tutti gli allestimenti di un determinato evento siano restituiti.

L’etichettatura è una fase critica dei processi di logistica, è infatti il momento in cui si associano al codice univoco Rfid del tag le informazioni di dettaglio sul contenuto del package e dell’oggetto da identificare. Un semplice disallineamento della stampante può generare errori, ad esempio associando l’ID univoco del tag a un contenuto non corretto, rischiando di vanificare tutti i successivi sforzi di tracciatura. Le stampanti intelligenti SATO, che possono essere calibrate e configurate per diverse tipologie di etichette, in un unico passaggio leggono il codice univoco Rfid e aggiornano il tag con le informazioni sull’oggetto da etichettare garantendo massima precisione e rapidità.

Elemento distintivo del progetto sviluppato per Smacrent è che si tratta di oggetti fra loro disomogenei, da cui la necessità di utilizzare etichette diverse: per il tovagliato devono essere resistenti al lavaggio, per gli oggetti in plastica si usano etichette adesive in materiale sintetico, per gli oggetti in metallo ci sono le etichette MOM-Mounting On Metal, con spessore fino a 1,3 mm. Per questo motivo è stata scelta la stampante intelligente CL4NX di SATO, in grado di stampare in modo rapido e preciso etichette RFID di qualsiasi dimensione.

“Con l’acronimo Rfid – Radio Frequency Identification si fa riferimento a diverse tipologie di TAG e diverse tipologie di etichette. L’uso di Rfid UHF (Ultra High Frequency) è oggi consolidato nel settore della logistica in quanto permette la lettura massiva delle etichette per rendere più efficienti i processi”, afferma Gabriele Brusa, Technical Support Manager di Sato Italia. “Le nostre stampanti Rfid sono dotate di doppia antenna per poter gestire TAG di diverse dimensioni e i nostri servizi di assistenza tecnica sono finalizzati a soddisfare le esigenze di configurazione e messa a punto del sistema”.

“Ci occupiamo da anni di ideare, progettare, sviluppare e integrare sistemi di identificazione in grado di rendere intelligente qualsiasi tipo di processo e di servizio. Nella nostra esperienza i clienti non sono sempre consapevoli della varietà di Rfid disponibili e di dove e come utilizzare i TAG. Per questo motivo tutti i nostri progetti sono preceduti da uno studio di fattibilità e un preventivo di costi”, afferma Ubaldo Montanari, presidente e CEO di Tenenga, che prosegue: “Il progetto sviluppato per Smacrent ha permesso di ottimizzare i tempi di gestione garantendo un controllo accurato che tutti gli allestimenti, a evento concluso, rientrino in magazzino. Anche in questo caso la fase consulenziale sulla scelta della tecnologia Rfid e delle stampanti da utilizzare è stata essenziale”.



Contenuti correlati

  • Nel magazzino del futuro

    Flessibile, interconnesso, smart: nel magazzino 4.0 di Cadel sono state applicate le soluzioni di automazione SEW-Eurodrive in partnership con LCS Il modello della Smart Factory 4.0 spinge sempre di più verso una collaborazione tra imprese capace di...

  • Gestire al meglio il magazzino con le soluzioni VMI di RS Italia

    Quando si parla di MRO, ovvero l’insieme delle attività che mirano a garantire la manutenzione, la riparazione e il corretto funzionamento di attrezzature, macchinari e risorse che sono normalmente utilizzate all’interno del processo di produzione, la gestione...

  • PwC: nel 2028 il mercato dell’AI nel settore alimentare varrà 43,4 miliardi di dollari

    Sono queste alcune evidenze della ricerca realizzata dal Team Innovation di PwC Italia sugli usi e le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale Generativa nell’industria alimentare. PwC stima che il valore del mercato dell’AI nell’industria alimentare mondiale raggiungerà $43,4 miliardi...

  • Siemens, Universal Robots e Zivid collaborano per l’approvvigionamento intralogistico

    Siemens, Universal Robots (UR) e Zivid hanno unito le forze per creare una soluzione innovativa che ottimizza l’automazione del magazzino e risolve le sfide persistenti delle attività di gestione intralogistica. Il trio ha presentato questa soluzione in...

  • Intralogistica Italia scalda i motori: arrivano i primi temi dell’edizione 2025

    La logistica corre ed è in continuo mutamento, non tanto nelle logiche, quanto nelle tecnologie che la determinano e che richiedono sempre più multidisciplinarietà. Per questo, a un appuntamento fieristico come Intralogistica Italia, servono una serie di...

  • Bonfiglioli: la soluzione giusta per ogni esigenza di intralogistica

    Bonfiglioli ha potenziato la sua presenza a LogiMAT con due stand: il primo, nel Padiglione 10, dove erano presenti soluzioni per macchine mobili da intralogistica e il secondo nel Padiglione 7, in cui ha presentato le sue...

  • Rilevamento RFID per controllare la produzione

    I nuovi lettori RFID industriali di wenglor sono pensati per il rilevamento automatico a breve distanza, in modo affidabile, sicuro e preciso. La comunicazione in radiofrequenza e senza contatto rende possibile il controllo dei processi di produzione,...

  • Lenze lancia il motorullo più potente sul mercato

    Grazie al suo design innovativo e unico, il motore del motorullo o450 MDR a bassa tensione, presentato da Lenze, ha meno perdite negli avvolgimenti e genera quindi meno calore all’interno del rullo. Questo porta a una maggiore...

  • Due offerte per la logistica di magazzino

    Con la soluzione LogiDrive, NORD offre ai clienti del settore della logistica di magazzino due soluzioni di azionamento ottimizzate per questa specifica tipologia di applicazione. LogiDrive Advanced e LogiDrive Basic sono azionamenti entrambi caratterizzati da peso ridotto...

  • Scanner indossabile Bluetooth di Datalogic per i settori logistica e produzione

    Datalogic, attiva a livello mondiale nei mercati dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale, presenta la serie CODiScan, un innovativo scanner indossabile Bluetooth, progettato per migliorare l’efficienza nei settori di trasporti e della logistica, vendita al dettaglio...

Scopri le novità scelte per te x