Sostenibilità e innovazione per il futuro della termotecnica

 
Pubblicato il 12 settembre 2014
Con la partecipazione di numerose personalità scientifiche di alto rilievo nazionale e internazionale e un elevato numero di partecipanti si sta svolgendo al Milano la 69esima edizione dei Congresso Annuale dell’ATI – Associazione Termotecnica Italiana. 
I più importanti atenei italiani hanno dato la propria adesione al Congresso, inviando oltre 130 memorie tecniche che consentono un significativo approfondimento del tema scelto per quest’anno: “L’innovazione termotecnica per uno sviluppo sostenibile e competitivo”. Il convegno sta offrendo una panoramica aggiornata sulle principali novità dei settore: con largo spazio dedicato alle innovazioni tecnologiche per il settore delle energie alternative e rinnovabili, all’efficienza energetica ed alle soluzioni sostenibili per la produzione e l’utilizzo di energia. Numerose le memorie afferenti anche al settore della meccanica, a dimostrazione della vitalità di un settore ancora importante per l’economia italiana.
Nell’evento di apertura del 10 settembre la tematica dell’energia e del clima è stata affrontata da tre documentati e stimolanti interventi di Luigi de Paoli, dell’Università Bocconi, di Ennio Macchi ed Ernesto Pedrocchi del Politecnico di Milano.
La giornata dell’11 settembre ha visto il Congresso entrare nel vivo con un fitto programma di incontri con la partecipazione di opinion leader ed esperti dei settore termotecnico. Dalle ore 9.00 alle 11.00 è in programma che vuole Una ampia discussione sull’importanza degli investimenti in innovazione, formazione e R&S per la ripresa dello sviluppo economico ed industriale nel nostro Paese è stata alimentata dalla conferenza “Nuove tecnologie, ricerca e formazione per la reindustrializzazione dell’Italia”, con i contributi di Fabrizio Onida, dell’Università Bocconi, di Franco Morganti, ingegnere e scrittore, e della Psicologa del lavoro Mariangela Tripaldi, moderati da Giuseppe Lanzavecchia dell’Università di Urbino.
La successiva conferenza “Clima ed Energia” ha fattoil punto sugli strumenti più avanzati per garantire uno sviluppo sostenibile non solo sotto il profilo ambientale, ma anche economico; sono intervenuti Michele Brunetti (ISAC‑CNR), Marzio Galeotti (IEFE, Bocconi), Giaripiero Celata (ENEA), Arturo Lorenzoni (Università di Padova) e Gianni Silvestrini (Kyoto Club) coordinati da Giovanni Battista Zorzoli.
Nel pomeriggio l’incontro “La strategia di accesso ai Fondi UE 2014-2020, i Programmi Operativi Nazionali e Regionali e il Fondo Crescita Sostenibile” ha esaminato la nuova programmazione finanziaria europea avviata con i bandi Horizon 2020 e i finanziamenti dedicati al settore ricerca e innovazione.
Successivamente e fino al termine dei lavori si sono avvicendate le sessioni tecniche parallele, con la presentazione di memorie ad alto contenuto di innovazione dedicate al settore termotecnico.
“Con questa edizione – ha dichiarato il presidente di ATI Lombardia Maurizio Brancaleoni- l’ATI vuole creare un collegamento ancora più stretto con l’attualità, offrendo una panoramica aggiornata sulle prospettive di crescita dei comparto. Il titolo scelto  riassume due tendenze ormai consolidate: da una parte c’è il bisogno di ridare competitività al nostro Paese, che continua a subire l’effetto negativo dell’instabilità politica, della corruzione e di un’economia ancora sostanzialmente stagnante, a dispetto delle previsioni. Dall’altra c’è il tema della sostenibilità, vísta come chiave per uno nuovo sviluppo sociale ed economico più consapevole, nel quale giocano un ruolo di primo piano la ricerca e l’innovazione tecnologica”.
Il Congresso è stato promosso e organizzato da ATI Sezione Lombardia con il sostegno di Auma Italiana, Foster Wheeler, KSB, Wártsilá, mcTER, Georg Fischer, Exergy, Icim, Italvalv e CTI.

Mario Gargantini



Contenuti correlati

  • ProgettistaPiù 2023: Energia nella sabbia

    Non esiste oggi tema più ‘caldo’ di quello dell’energia, non passa telegiornale in cui non se ne parli. Caldo o potremmo dire ‘bollente’, per usare una parola che riassume in sé un po’ tutte le sfaccettature della questione,...

  • ‘Comunità energetiche’: la nuova funzione di SPAC EasySol 23

    Le comunità energetiche sono un insieme di privati cittadini, aziende o enti pubblici che producono, distribuiscono e condividono energia pulita e rinnovabile. Quando le comunità energetiche utilizzano l’energia proveniente da fonti alternative come, ad esempio, il fotovoltaico,...

  • Incrementare la produzione di energia grazie alle rinnovabili: il progetto di MCE Lab

    In un periodo in cui l’indipendenza energetica è l’argomento di maggior attualità e terreno di scontro politico e tecnico, MCE Lab ha fatto un’analisi delle soluzioni concrete per incrementare la produzione di energia elettrica in Italia, con...

  • Pronti per progettare e realizzare l’automazione del futuro

    Con le innovative tecnologie sviluppate da WAGO, è possibile rendere più intelligenti e sostenibili gli edifici e le fabbriche, migliorando l’efficienza dei processi produttivi. Dal monitoraggio dell’energia alla connettività del controllo, ecco le più recenti proposte di...

  • Aumento dei prezzi dell’energia: tre tecnologie in aiuto ai produttori

    L’aumento dell’inflazione e le turbolenze sociopolitiche su scala internazionale hanno portato a un improvviso aumento del prezzo dei combustibili fossili. Ciò ha causato un picco delle bollette energetiche per i produttori di tutti i settori, con gravi...

  • Niente si spreca…

    Un uso efficiente dell’energia, con la possibilità di recuperare quella non utilizzata per il funzionamento della macchina, è il cuore di un’applicazione realizzata da Vipa Italia Leggi l’articolo

  • Corsa all’efficientamento energetico delle aziende italiane: l’analisi di Reichelt Elektronik

    Il 78% delle aziende intervistate su scala europea dichiara che l’aumento dei prezzi dell’energia ha già avuto un impatto notevole sulla redditività aziendale e soltanto il 10% di esse non ne è stato coinvolto. I dati emersi...

  • Tanti modi possibili per gestire e produrre l’energia

    La diffusione dei sistemi di accumulo può cambiare in modo radicale la fruibilità delle fonti di energia rinnovabili, che diventano meno intermittenti e più affidabili. Anche l’energia nucleare sta cambiando, con la ricerca che si concentra su...

  • Biogas 4.0: la trasformazione digitale dell’energia

    Gli impianti per la produzione di biogas sono una fonte di energia completamente naturale e rinnovabile. Come ottimizzare la gestione del processo? Leggi l’articolo

  • Immagini e suoni per sorvegliare l’energia

    Uno strumento di manutenzione di semplice uso permette di ridurre i consumi degli impianti e le emissioni di gas serra. Di seguito, si esamina in che modo l’utilizzo di una telecamera acustica industriale di Fluke nelle operazioni...

Scopri le novità scelte per te x