Dispositivi IoT: un rischio per la sicurezza delle reti OT?

Pubblicato il 9 settembre 2021

Juniper Research prevede che saranno 83 miliardi le connessioni IoT esistenti entro i prossimi tre anni, con il settore industriale a rappresentarne oltre il 70%.

Se da un lato le tecnologie Internet of Things (IoT), come i sensori di asset management e i dispositivi di monitoraggio ambientale, offrono enormi vantaggi a infrastrutture critiche e al settore industriale in termini di riduzione dei costi e miglioramento della safety, danno anche luogo a problemi di sicurezza legati al fatto che molti operatori non dispongono ancora degli strumenti necessari per monitorarle e proteggerle.

Diamo un’occhiata a ciò che sta spingendo la rapida adozione dell’IoT, e ai problemi insiti nel garantire la sicurezza delle centinaia di migliaia di asset IoT presenti in rete.

Casi d’uso infiniti in ogni settore
I miglioramenti nell’automazione, comunicazione e analisi resi possibili dalla tecnologia IoT offrono valore a qualsiasi ambiente OT.

Per esempio, un recente rapporto di Microsoft rivela che i tre principali casi d’uso IoT nell’industria manifatturiera sono:
• migliorare l’automazione
• aumentare qualità e conformità
• migliorare la pianificazione della produzione

L’adozione di sensori IoT in vari punti del processo di produzione assicura maggiore visibilità sulle prestazioni delle macchine grazie al maggior volume e precisione dei dati impiegati per l’analisi predittiva. Questo approccio abilita l’identificazione preventiva dei problemi e la possibilità di evitare le interruzioni legate alla manutenzione.

L’energia è un altro settore ad alta intensità di risorse che fa ampio uso della tecnologia IoT. Sensori vengono utilizzati per monitorare la produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia, permettendo agli operatori di ottimizzare i consumi e di individuare e mitigare le interruzioni più velocemente. L’analisi dei dati consente anche di identificare le inefficienze operative e migliorare il customer service.

Ogni rete OT è una rete IoT
Non è possibile proteggere una rete OT senza salvaguardare i dispositivi IoT presenti.
I complessi ambienti operativi odierni nascono dal consolidamento di due ambienti separati: OT (i sistemi che monitorano e controllano i processi fisici) e IT (i sistemi che trasmettono, gestiscono e archiviano i dati). Un migliore collegamento tra le reti IT rivolte a Internet e quelle OT, pertanto, significa che l’autore di un eventuale attacco ha a sua disposizione una superficie molto più grande.

  • Vediamo alcune delle sfide che i team di sicurezza devono affrontare
    1 – Visibilità limitata delle risorse e dei comportamenti dell’IoT
    La maggior parte dei controlli di sicurezza e di monitoraggio della rete utilizzati negli ambienti OT non sono stati progettati per i protocolli o i dispositivi IoT, quindi forniscono una visibilità limitata sulle risorse IoT in rete.
    Un problema simile si verifica quando si utilizzano controlli di sicurezza progettati per le reti IoT al fine di monitorare gli ambienti OT. Questi strumenti spesso mancano di una comprensione dei protocolli OT o del comportamento dei dispositivi, impedendo di rilevare un comportamento anomalo o dannoso.
  • 2 – I dispositivi IoT hanno limitate funzionalità di sicurezza
    I dispositivi IoT, inoltre, sono tipicamente caratterizzati da problemi di sicurezza intrinseci, tra cui l’uso di password di default deboli, firmware vulnerabili e scarsa visibilità sulla catena di fornitura del software.
    Un sondaggio del 2020 condotto da Syniverse/Omdia ha rilevato che le tre principali preoccupazioni di sicurezza IoT sono:
    • Protezione contro malware/ransomware
    • Protezione contro il furto di dati/perdita finanziaria
    • Prevenzione della fuga accidentale di dati riservati/proprietà intellettuale
  • 3 – Monitoraggio e analisi su scala sono più difficili da realizzare
    Man mano che le risorse IoT vengono implementate su larga scala, il team di sicurezza potrebbe trovare quasi impossibile riuscire a monitorare dati provenienti da migliaia di nuovi dispositivi e analizzarli alla ricerca di un comportamento anomalo o malevolo. E, con l’adozione della tecnologia 5G, questo problema non potrà che aumentare.

Come colmare le lacune di sicurezza IoT?
È necessario rilevare e monitorare il comportamento di tutti gli asset OT, IoT e IT collegati alla propria rete OT e una strategia di sicurezza OT/IoT basata sul cloud può aiutare a realizzarlo.
La potenza del SaaS permette di scalare rapidamente man mano che nuovi dispositivi IoT vanno online. E consente di riunire facilmente tutte le tecnologie di sicurezza essenziali, compresa la valutazione delle vulnerabilità, il monitoraggio dei rischi e il rilevamento delle anomalie e delle minacce.

Fonte foto: Pixabay_methodshop

Sergio Leoni, Regional Sales Director, Nozomi Networks



Contenuti correlati

  • Come si stanno evolvendo i DCS

    La digitalizzazione dell’industria richiede una nuova generazione di Distributed Control System (DCS) in grado di stare al passo con gli sviluppi mantenendo la sicurezza dei processi, l’affidabilità e le prestazioni di produzione. L’autore, Roy Tanner, strategic product...

  • Nuovo ufficio a Stoccolma per Wibu-Systems, dedicato alla regione scandinavo-baltica

    Wibu-Systems, i principali proponitori tedeschi della protezione digitale, della gestione licenze e delle soluzioni di cyber sicurezza, stanno riconoscendo gli eccezionali progressi compiuti dalle nazioni scandinave e prospicienti il Mar Baltico verso società improntate alla digitalizzazione. Con...

  • aidr lombardia data breach
    Cybersecurity: come difendersi dai data breach

    di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia Sentiamo (sempre più) spesso parlare di data breach e la richiesta che ne deriva, quasi naturalmente, riguarda la possibilità di evitarlo o, quanto meno, di contenerlo. La...

  • Trend Micro protegge ASP Asti dalle minacce informatiche

    Secondo gli ultimi dati, l’Italia è il quarto Paese al mondo più colpito dalle minacce a tema Covid, ma crescono anche i malware, le minacce zero-day e gli attacchi phishing ai dipendenti. In questo contesto, ASP S.p.A,...

  • Ripensare la gestione del rischio

    Come si può affrontare correttamente il rischio, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie digitali, per consentire alle organizzazioni pubbliche e private di potenziare la resilienza Leggi l’articolo

  • Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT
    Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT

    Nozomi Networks e Stormshield, player europeo nel mercato della cybersecurity, annunciano una partnership tesa a migliorare la sicurezza degli asset sensibili nelle reti OT. Le aziende industriali si trovano infatti sempre più spesso a dover proteggere i...

  • Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41
    Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41

    Omron presenta l’interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41 per ridurre il rischio di disattivazione dei dispositivi di interblocco, per un sito di produzione sicuro e senza problemi. Alcuni incidenti industriali sono stati causati...

  • UDOO KEY ha superato il goal di 10.000 dollari in 90 minuti

    UDOO KEY, la piattaforma AI più flessibile al mondo, è una nuovissima soluzione AI-first basata su Raspberry Pi RP2040 e ESP32. Abilita applicazioni di machine learning nei linguaggi di programmazione e librerie più popolari, tra cui TinyML,...

  • Smart factory sotto attacco: ecco quanto costa un fermo impianto

    Quanto costa un fermo macchina in un impianto industriale? Che disservizio porta la mancata erogazione del servizio? Quanto può costare la non sicurezza? Il video “Attack at an Industrial Facility” offre una risposta a queste domande. GUARDA IL VIDEO...

  • 10 anni di crescita per Automation24

    Lo shop online specializzato in automazione industriale celebra il suo decimo anniversario e continua il suo percorso di crescita siglando nuove partnership che allargano il suo orizzonte alla strumentazione di processo e ai prodotti per la sicurezza...

Scopri le novità scelte per te x