SECO partecipa all’iniziativa Project Cassini, promossa da Arm

SECO partecipa all'iniziativa Project Cassini, promossa da Arm, e ha ottenuto la certificazione Arm SystemReady IR per il suo Single Board Computer SBC-C61

Pubblicato il 16 dicembre 2021

SECO, innovatore tecnologico e fornitore di soluzioni Internet of Things, ha annunciato di aver aderito a Project Cassini, un’iniziativa guidata da Arm, ottenendo la certificazione Arm SystemReady IR per il suo Single Board Computer SBC-C61 basato su microprocessore NXP i.MX 8M Mini.

SECO ha una profonda e comprovata esperienza nello sviluppo di dispositivi embedded, piattaforme di edge computing e soluzioni IoT e mette spesso a disposizione la sua competenza su progetti cross-industry e inter-comunitari di standardizzazione, sicurezza e di interoperabilità embedded.

Sulla base delle sue competenze software e sfruttando la partnership di lungo termine con Arm, SECO ha deciso di unirsi alla comunità dei partner di Arm coinvolti nel Progetto Cassini.

Si tratta di un’iniziativa aperta, basata su standard e orientata alla sicurezza creata da Arm, volta a garantire un’esperienza software nativa su cloud attraverso un ecosistema edge sicuro su Arm. Con Project Cassini, Arm e i suoi partner hanno creato un ecosistema di standard per lo sviluppo di piattaforme edge, consentendo una facile implementazione di software e applicazioni basati su cloud sul campo.

Punto chiave di Project Cassini, il programma di certificazione di conformità Arm SystemReady verifica che i dispositivi edge basati su Arm soddisfino requisiti hardware e firmware specifici, consentendo così ai sistemi operativi commerciali e comunitari di funzionare senza problemi.

SECO ha ora ottenuto la certificazione SystemReady IR per la sua piattaforma SBC-C61, un Single Board Computer (SBC) con microprocessori NXP i.MX 8M Mini. La certificazione SystemReady IR, per i dispositivi IoT edge che sono costruiti attorno a sistemi su chip (SoC) basati sull’architettura Arm A-profile, garantisce l’interoperabilità con Linux embedded e altri sistemi operativi embedded.

Ottenere la certificazione SystemReady IR significa che SBC-C61 di SECO implementa una serie di funzionalità hardware e firmware da cui può dipendere un sistema operativo (OS) non proprietario per distribuire l’immagine del sistema operativo.

Oltre a essere certificata SystemReady, SECO sta perseguendo lo status di PSA Certified per SBC-C61. PSA Certified è una certificazione di sicurezza leader del settore e un altro pilastro chiave di Project Cassini. I dispositivi certificati PSA soddisfano i principali obiettivi di sicurezza in linea con gli standard e i requisiti dei casi d’uso, il che consentirà a SECO di rafforzare ulteriormente le migliori pratiche di sicurezza.

SECO sta anche partecipando allo sviluppo di All Scenarios OS, un progetto volto a ridefinire il modo in cui un sistema operativo open source può essere eseguito su una varietà di dispositivi IoT, colmando il divario tra frammentazione tecnologica e mancanza di usabilità, prestazioni e sicurezza. Questo sistema operativo rispetta una serie di requisiti di standardizzazione e interoperabilità adottati dall’ecosistema Cassini.

“Con l’aumentare del numero di end-point perimetrali, e con essi della mole del flusso dati, la diversità tra i dispositivi può essere un ostacolo all’interoperabilità, soprattutto a livello di applicazione” ha affermato Mohamed Awad, vicepresidente, IoT e Embedded di Arm. “Aderendo all’iniziativa sostenuta da Arm SystemReady, SECO può sfruttare un ampio ecosistema software, che può aiutarla a stare al passo con le esigenze tecnologiche del mondo connesso in cui viviamo”.

“Per SECO e per i nostri clienti, il vantaggio di partecipare al Progetto Cassini è duplice. Innanzitutto, consente un’integrazione perfetta e quindi rapida dei nostri dispositivi certificati SystemReady in sistemi e reti più grandi, che possono essere utilizzati da un ampio ecosistema di partner in molti mercati diversi. In secondo luogo, essendo anche un fornitore di soluzioni software, SECO può diventare parte attiva di questo ecosistema aprendo la nostra offerta di software a terze parti”, afferma Marco Sogli, Head of software R&D & DevOps presso SECO. “Aderendo a Project Cassini, dimostriamo ancora una volta che in SECO standardizzazione, sicurezza e apertura sono principi essenziali”.



Contenuti correlati

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS, focalizzandoci sull’automazione dei sistemi di monitoraggio e sull’uso dell’intelligenza artificiale Le infrastrutture operative (OT), i sistemi di controllo industriale (ICS)...

  • È importante mettere in sicurezza un sistema embedded?

    Cercheremo di illustrare alcuni potenziali vettori di attacco, i metodi che potrebbero essere impiegati dagli hacker per compromettere un dispositivo IoT/IIoT, i metodi di cifratura asimmetrica e simmetrica e le tecniche di hashing Da quando i primi sistemi...

  • Rfid Global ad A&T 2024: acquisire il dato con l’Rfid per abilitare l’IoT

    Rfid Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi Rfid, NFC e Bluetooth Low Energy, sarà presente alla fiera A&T di Torino, l’evento dedicato alle tecnologie per l’industria (produzione e logistica) in scena al Lingotto dal 14 al...

  • RS Italia Ares
    Processi più efficienti e digitali per Ares grazie a RS Italia

    Ares, storica azienda italiana dell’illuminazione architetturale per esterni, ha scelto le soluzioni RS PurchasingManager e RS VendStock di RS Italia per semplificare il processo di acquisto e garantire la disponibilità dei DPI a supporto degli operatori. Fondata...

  • Seco rinforza la sua capacità produttiva in Cina con l’inaugurazione di un nuovo stabilimento

    Venerdì 12 gennaio, SECO ha tenuto l’evento ufficiale di inaugurazione della nuova sede della filiale in Cina, che ha coinvolto oltre 350 partecipanti, tra cui membri della dirigenza aziendale, rappresentanti del Governo cinese, clienti chiave e partner...

  • Analisi dei dati grazie al cloud IoT: ecco come Storm Reply supporta il Gruppo Eurogate

    Storm Reply, società specializzata in servizi di cloud computing, ha realizzato una soluzione cloud IoT per Eurogate, rinomata azienda di terminal container, per raccogliere e analizzare in cloud i dati operativi provenienti da macchinari e sistemi. Eurogate,...

  • Machinery Regulation (EU) 2023/1230 e nuove norme per la sicurezza funzionale

    In ambito sicurezza ci sono alcune novità di recente introduzione. Mentre si avvicina l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Macchine, anche le norme armonizzate ISO 13849 e IEC 62061, relative alla sicurezza funzionale nel mondo delle macchine,...

  • Agricoltura avanzata, coltivazione precisa e verticale

    Anche la produzione agricola sta diventando smart. L’intera filiera dell’agrifood si sta trasformando grazie a un insieme di tecnologie digitali come: Gps, Gis, sistemi di guida automatici, droni, smart sensor, sistemi meccatronici e robotici, modelli di supporto...

  • Manutenzione predittiva? Con IoT e AI

    Un fermo impianto imprevisto causa danni rilevanti alle imprese di tutti i livelli e dimensioni. È fondamentale quindi considerare la manutenzione predittiva basata su tecnologie avanzate come IoT e intelligenza artificiale Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS,...