SECO partecipa all’iniziativa Project Cassini, promossa da Arm

SECO partecipa all'iniziativa Project Cassini, promossa da Arm, e ha ottenuto la certificazione Arm SystemReady IR per il suo Single Board Computer SBC-C61

Pubblicato il 16 dicembre 2021

SECO, innovatore tecnologico e fornitore di soluzioni Internet of Things, ha annunciato di aver aderito a Project Cassini, un’iniziativa guidata da Arm, ottenendo la certificazione Arm SystemReady IR per il suo Single Board Computer SBC-C61 basato su microprocessore NXP i.MX 8M Mini.

SECO ha una profonda e comprovata esperienza nello sviluppo di dispositivi embedded, piattaforme di edge computing e soluzioni IoT e mette spesso a disposizione la sua competenza su progetti cross-industry e inter-comunitari di standardizzazione, sicurezza e di interoperabilità embedded.

Sulla base delle sue competenze software e sfruttando la partnership di lungo termine con Arm, SECO ha deciso di unirsi alla comunità dei partner di Arm coinvolti nel Progetto Cassini.

Si tratta di un’iniziativa aperta, basata su standard e orientata alla sicurezza creata da Arm, volta a garantire un’esperienza software nativa su cloud attraverso un ecosistema edge sicuro su Arm. Con Project Cassini, Arm e i suoi partner hanno creato un ecosistema di standard per lo sviluppo di piattaforme edge, consentendo una facile implementazione di software e applicazioni basati su cloud sul campo.

Punto chiave di Project Cassini, il programma di certificazione di conformità Arm SystemReady verifica che i dispositivi edge basati su Arm soddisfino requisiti hardware e firmware specifici, consentendo così ai sistemi operativi commerciali e comunitari di funzionare senza problemi.

SECO ha ora ottenuto la certificazione SystemReady IR per la sua piattaforma SBC-C61, un Single Board Computer (SBC) con microprocessori NXP i.MX 8M Mini. La certificazione SystemReady IR, per i dispositivi IoT edge che sono costruiti attorno a sistemi su chip (SoC) basati sull’architettura Arm A-profile, garantisce l’interoperabilità con Linux embedded e altri sistemi operativi embedded.

Ottenere la certificazione SystemReady IR significa che SBC-C61 di SECO implementa una serie di funzionalità hardware e firmware da cui può dipendere un sistema operativo (OS) non proprietario per distribuire l’immagine del sistema operativo.

Oltre a essere certificata SystemReady, SECO sta perseguendo lo status di PSA Certified per SBC-C61. PSA Certified è una certificazione di sicurezza leader del settore e un altro pilastro chiave di Project Cassini. I dispositivi certificati PSA soddisfano i principali obiettivi di sicurezza in linea con gli standard e i requisiti dei casi d’uso, il che consentirà a SECO di rafforzare ulteriormente le migliori pratiche di sicurezza.

SECO sta anche partecipando allo sviluppo di All Scenarios OS, un progetto volto a ridefinire il modo in cui un sistema operativo open source può essere eseguito su una varietà di dispositivi IoT, colmando il divario tra frammentazione tecnologica e mancanza di usabilità, prestazioni e sicurezza. Questo sistema operativo rispetta una serie di requisiti di standardizzazione e interoperabilità adottati dall’ecosistema Cassini.

“Con l’aumentare del numero di end-point perimetrali, e con essi della mole del flusso dati, la diversità tra i dispositivi può essere un ostacolo all’interoperabilità, soprattutto a livello di applicazione” ha affermato Mohamed Awad, vicepresidente, IoT e Embedded di Arm. “Aderendo all’iniziativa sostenuta da Arm SystemReady, SECO può sfruttare un ampio ecosistema software, che può aiutarla a stare al passo con le esigenze tecnologiche del mondo connesso in cui viviamo”.

“Per SECO e per i nostri clienti, il vantaggio di partecipare al Progetto Cassini è duplice. Innanzitutto, consente un’integrazione perfetta e quindi rapida dei nostri dispositivi certificati SystemReady in sistemi e reti più grandi, che possono essere utilizzati da un ampio ecosistema di partner in molti mercati diversi. In secondo luogo, essendo anche un fornitore di soluzioni software, SECO può diventare parte attiva di questo ecosistema aprendo la nostra offerta di software a terze parti”, afferma Marco Sogli, Head of software R&D & DevOps presso SECO. “Aderendo a Project Cassini, dimostriamo ancora una volta che in SECO standardizzazione, sicurezza e apertura sono principi essenziali”.



Contenuti correlati

  • Box PC fanless IP20 da Seco per applicazioni industriali di alta qualità

    SECO aggiunge alla sua famiglia di soluzioni boxed Smart Edge Dorado, un box PC fanless IP20 basato sul processore per applicazioni Rockchip RK3399 progettato specificamente per applicazioni industriali di fascia alta Il processore Rockchip RK3399 di Dorado,...

  • Se la supply chain diventa smart…

    Si parla sempre più di Digital Supply Chain, cioè di sistemi integrati dove la digitalizzazione dell’intera catena logistica diventa oggettivo fattore di vantaggio per fornitori, produttori, clienti. Tra gli strumenti tecnologici che possono aiutare imprese grandi e...

  • Un’agricoltura più intelligente

    La presenza di reti affidabili è alla base dello smart farming, ovvero dell’impiego di sistemi agricoli ottimizzati, dove la gestione e la pianificazione delle attività è più efficiente e produttiva Leggi l’articolo

  • I tre pilastri della fabbrica intelligente: efficienza, interconnessione e sicurezza

    Dalla raccolta del dato alla sua elaborazione, dall’analisi dei dati alla distribuzione delle informazioni utili a supportare i processi di business: fare digital transformation in un contesto manifatturiero è una sfida che richiede una profonda conoscenza dei...

  • Un esempio tangibile

    Nel Competence Center Made, pensato per far toccare con mano alle imprese l’innovazione applicata al mondo dell’industria, Italtel ha realizzato un’infrastruttura di rete e di sicurezza hybrid multi-cloud, zero trust e scalabile Leggi l’articolo

  • Mercato IoT oltre i 7 miliardi di euro

    Il 2021 è stato un anno importante per l’Internet of Things in Italia. Si registra una forte crescita del mercato, +22% rispetto al 2020, che raggiunge 7,3 miliardi di euro, al di sopra dei livelli pre-Covid (valeva...

  • Macchinari e processi più intelligenti con la piattaforma IoT di Storm Reply

    Storm Reply, specializzata nella progettazione e nell’implementazione di soluzioni e servizi in cloud e AWS Premier Consulting Partner, ha supportato Schenck Process nello sviluppo di ConiQ Cloud, una piattaforma IoT, modulare e serverless. ConiQ Cloud è una...

  • Ubiquicom Synchro
    Soluzioni avanzate Ubiquicom per il tracking in tempo reale

    Ubiquicom, scale up milanese ed eccellenza dell’Rtls (Real-Time Locating Systems), inserita nel 2021 come unica azienda italiana nel “Magic Quadrant for Indoor Location Services, Global” di Gartner, ha partecipato per la prima volta a Sitl Parigi. Per...

  • Gestire l’acqua con intelligenza

    Le utility dispongono oggi di un vasto panorama di soluzioni connesse e intelligenti che permettono una gestione più accorta della risorsa idrica Leggi l’articolo

  • Reply Select vjumi
    Reply realizza una piattaforma IoT di manutenzione predittiva per autofficine

    Reply ha sviluppato vjumi, una soluzione IoT che digitalizza le attività post-vendita e la comunicazione dei veicoli, per Select AG, azienda tedesca che opera nel commercio all’ingrosso di autoricambi. La soluzione consente una comunicazione digitale, integrata e...

Scopri le novità scelte per te x