Robotica industriale: ricavi a 29 miliardi di dollari entro il 2030

Robot utilizzati in operazioni a distanza e piattaforme robotiche indipendenti dall'hardware le tendenze nascenti, con un enorme potenziale di crescita in futuro

Pubblicato il 25 novembre 2021

La pandemia globale e la mancanza di forza lavoro spingono l’adozione di soluzioni di robotica e l’automazione del lavoro, temi che continuano dunque a essere dominanti nelle agende delle aziende manifatturiere. Nel suo ultimo report (*), la società di ricerca dei trend tecnologici, ABI Research, indaga sulle ultime tendenze dell’industria della robotica che spingono ulteriormente l’adozione di soluzioni di automazione, in particolare l’uso di robot utilizzabili a distanza e di piattaforme hardware robotiche ‘agnostiche’.

Il Covid-19 ha portato a un significativo aumento della richiesta di soluzioni automatizzate nei settori del commercio e dell’industria. Come ci si aspettava, il 2021 è stato un buon anno per AMR (Automated Mobile Robots) e sUAS (Small Unmanned Arial Systems). A ogni modo, le richiesta del mercato va oltre questi due ambiti. I robot che possono essere impiegati a distanza stanno diventando sempre più richiesti, sulla spinta di applicazioni quali ma gestione dei materiali su grandi altezze, test non distrutivi e ispezione di infrastrutture critiche, così come nel campo delle costruzioni. Si prevede che i ricavi delle applicazioni di robotica da campo raggiungeranno i 29 miliardi di dollari entro il 2030.

“Il concetto di robot impiegati da remoto non è affatto nuovo” afferma Lian Jye Su, Principal Analyst, Industrial, Collaborative, & Commercial Robotics presso ABI Research. “I veicoli guidati da remoto sott’acqua (ROV) così come i piccoli sistemi aerei senza pilota (sUAS) ne sono gli esempi più comuni. A ogni modo, questi hanno scarsa destrezza e flessibilità e il loro impiego è spesso limitato a compiti specifici. Robot guidati da remoto più nuovi, come Guardian XT di Sarcos Robotics, sono dotati di grande agilità e modilità, elevata larghezza di banda e connettività 5G e possono essere equipaggiati con vari strumenti terminali. Inoltre, gli utenti finali li possono personalizzare per un’ampia gamma di operazioni complesse”.

Un altro trend nascente nel campo della robotica industriale è costituito dalle piattaforme di robotica ‘agnostiche’ dal punti di vista hardware. Dal momento che gli utenti finali sono alla continua ricerca di hardware robotico più sofisticato per automatizzare più flussi di lavoro, richiedono lo sviluppo di diverse tipologie di robot. Sfortunatamente, la maggior parte, se non tutti, di questi robot vengono da fornitori diversi. “Al momento, la maggior parte dei robot sono pensati per operare come dispositivi indipendenti. Il panorama frammentato dei robot impiegati nell’automazione dei flussi di lavoro rende davvero complicato riuscire a gestirli tutti da un unico software, come un sistema WMS (Warehouse Management System), o una piattaforma cloud comune” spiega Su.

Gli utenti finali sono alla ricerca di piattaforme software che facilitino il roll out su larga scala tramite uno sviluppo comune, un rapido onboarding, orchestrazione e manutenzione. Le piattaforme hardware robotica ‘agnostiche’ puntano a risolvere la sfida offrendo una piattaforma unica che possa essere adattata a tutti i robot. Fra i soggetti chiave in questo ambito figurano Augmentus, Energid, Formant.AI, Freedom Robotics, Intrinsic e MOV.AI. Oltre alle funzionalità prima citate, offrono anche template per la pianificazione del movimento, ambienti di simulazione realtime, integrazione di ML (Machine Learning) e sincronizzazione del digital twin di tutti i tipi di robot e componenti. Con questo sviluppo, il mercato del software per la robotica in maturazione crescerà di 17 volte entro i prossimi dieci anni.

“Un’altra importante funzionalità di queste piattaforme è la loro compatibilità e il supporto ROS (Robot Operating System) e ROS 2. I pacchetti software ROS sono stati ampiamente adottati dall’industria. La compatibilità con ROS è critica per gli sviluppatori di robotica  e di applicazioni in quanto minimizza il tempo che si deve spendere per le operazioni di riprogettazione e riconfigurazione e assicura una più rapido time-to-market” conclude Su.

(*) Fonte ABI Research – “Nascent Trends in Robotics: Teleoperation, Platformization, and Consolidationapplication analysis report

Fonte foto Pixabay_geralt



Contenuti correlati

  • Ultimo appuntamento con la Carta delle Idee di UR

    Si è concluso oggi il percorso a tappe di comunicazione e valorizzazione della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa di Universal Robots. L’appuntamento odierno – il quarto – ha posto al centro del dibattito 2 temi strettamente...

  • Epson amplia la gamma di robot Scara di fascia alta

    Epson ha ampliato la gamma di innovativi robot Scara con l’aggiunta di due nuovi modelli: GX4 e GX8. Estremamente compatti e versatili, questi robot stabiliscono nuovi standard prestazionali: sono progettati per ottimizzare produttività, velocità e precisione in...

  • Soluzioni intelligenti e sistemi di misura Heidenhain a SPS ltalia 2022

    Heidenhain e i marchi AMO, Numerik JENA, RENCO e RSF presentano dal vivo a SPS Italia 2022 (Pad. 3 Stand F039) una selezione di nuove soluzioni per la robotica e i sistemi medicali anticipate durante il proprio Virtual Show...

  • Doppio riconoscimento per il design Motoman GP4 e Motoman SG400 Scara vincono il premio Red Dot

    Compatto e veloce, Motoman GP4 di Yaskawa ha 6 assi e un carico utile di 4 kg. Con velocità fino a 1.000 °/s, il nuovo Motoman GP4 è agile ed estremamente veloce. La sua eccellente ripetibilità di +/-...

  • A SPS Italia 2022 riflettori puntati sulla Total Solution Yaskawa

    In occasione di SPS Italia 2022 (Parma, 24-26 maggio), Yaskawa dà appuntamento ai visitatori al Pad 5 stand E26 con uno stand studiato appositamente per ospitare rappresentanze dell’intero mondo Yaskawa: non solo le divisioni Robotics e Drives, Motion...

  • Elite Robots presenta al mondo la nuova CS Series

    Elite Robots, azienda cinese attiva nel settore della robotica, annuncia il lancio dell’ultimo arrivo nella sua famiglia di robot collaborativi, la nuova CS Series, che sarà presentata in anteprima mondiale in una serie di importanti fiere dell’automazione...

  • Reinventare il modo di lavorare

    Una nuova generazione di cobot sta migliorando il lavoro manuale rendendolo meno pericoloso, faticoso e noioso, ma richiede un’implementazione attenta e una riqualificazione del personale Leggi l’articolo

  • Progettazione ed efficienza sostenibili al centro della proposta di Siemens a Ipack-Ima 2022

    Con il motto “Making the difference in Packaging Industry”, Siemens è stata ancora una volta tra i grandi protagonisti di uno tra gli eventi più importanti nel settore del Packaging e del Processing: partecipa infatti a Ipack-Ima...

  • MIR-Mobile Industrial Robots a Ipack-IMA 2022: Davide Boaglio

    Automazione Oggi intervista Davide Boaglio, Area Sales Manager Italy, Greece and Malta di MIR – Mobile Industrial Robots in occasione di Ipack-IMA 2022. Boaglio ci illustra le proposte di robotica, in particolare i nuovi AMR, pensati da...

  • Oil&Gas goes digital

    Un sistema messo a punto con i prodotti di Siemens impiega manipolatori completamente automatizzati per gestire l’intero processo di trivellazione senza intervento umano, rivoluzionando l’industria dell’Oil&Gas Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x