Red Hat compra Codenvy assicurandosi un tool di sviluppo cloud-native

Pubblicato il 2 giugno 2017

Red Hat acquista Codenvy e si porta in casa il fornitore di tool di sviluppo cloud-native che semplificano la creazione di applicazioni moderne basate su container.

Con l’integrazione di Codenvy nell’offerta di piattaforme applicative e developer tool esistente, comprese Red Hat JBoss Middleware e Red Hat OpenShift, Red Hat continua a offrire soluzioni che permettono agli sviluppatori di realizzare applicazioni per ambienti hybrid cloud. Red Hat vuole integrare Codenvy in OpenShift.io, l’ambiente di sviluppo hosted recentemente annunciato per la creazione di servizi hybrid cloud su OpenShift. La transazione è soggetta alle condizioni di closing e si prevede non avrà impatto sul primo trimestre di Red Hat che si chiude il 31 maggio 2017, o sull’anno fiscale che si conclude il 28 febbraio 2018.

Da sempre i software engineer dedicano più tempo a gestione e altre attività che non alla codifica. Spesso gli sviluppatori si trovano a lavorare su diversi progetti contemporaneamente, ma in linguaggi diversi. A mano a mano che un maggior numero di organizzazioni IT passa alla delivery continua di applicazioni moderne cloud-native grazie a DevOps e container, gli sviluppatori si avvalgono di tool come quelli di Codenvy per realizzare applicazioni complesse con meno incoerenze tra ambienti in modo più rapido. Codenvy e Red Hat collaborano per accelerare lo sviluppo applicativo cloud-native e questa soluzione è già integrata in Red Hat OpenShift, la piattaforma applicativa container di Red Hat. Oggi, con Codenvy all’interno del portafoglio Developer, Red Hat vuole rendere Eclipse Che e Codenvy centrali per la sua strategia di tooling ed estendere e integrare la tecnologia di workspace management su tutti gli strumenti e le piattaforme. OpenShift.io, che comprende Eclipse.io, offre gli strumenti e gli ambienti di sviluppo necessari per aiutare le imprese a mantenere il vantaggio competitivo in un mercato in costante trasformazione.

Codenvy è l’offerta basata su Eclipse Che, l’ambiente di sviluppo integrato cloud (IDE) e developer workspace server open source. La soluzione associa runtime, progetti e un IDE in un tool di sviluppo cloud-native che permette a svariati sviluppatori di collaborare nello stesso workspace. L’approccio Codenvy consente di affrontare le sfide legate workspace developer localhost e permette di contribuire a un progetto senza dover installare alcun software. Basato su Linux container, Codenvy abilita uno startup immediato e offre scalabilità elastica per creare e gestire milioni di workspace accessibili via browser senza creare, mantenere e gestire ambienti di sviluppo.



Contenuti correlati

  • Red Hat e Intel collaborano per promuovere l’innovazione edge per i sistemi Industry 4.0

    Oggi le imprese raccolgono volumi crescenti di dati dalle fonti più svariate: macchine, dispositivi IoT, sensori, solo per citarne alcuni. Perché questi dati vengano trattati in maniera efficace e portino alla definizione di operazioni aziendali intelligenti, è...

  • Ingombro ridotto per un assemblaggio veloce

    Beckhoff risponde con un sistema di trasporto lineare XTS alla richiesta di Eclipse di poter contare su una nuova linea di assemblaggio con ingombro ridotto e un aumento ulteriore della produttività Leggi l’articolo

  • Lectra Pinko
    Lectra supporta la transizione digitale di Pinko

    Pinko, brand italiano di moda entry-to-luxury che conta oltre 280 boutique e più di 1.000 negozi multimarca in tutto il mondo, ha scelto Lectra, protagonista dell’Industria 4.0 nei settori fashion, automotive e arredamento, per supportare la digitalizzazione...

  • Uniti nel cloud

    Zanini Auto Group ha scelto di passare al cloud affidandosi alla consulenza e alla gestione offerta da Infor Leggi l’articolo

  • Siemens accelera l’innovazione all’edge dei suoi stabilimenti produttivi con Red Hat OpenShift

    Siemens ha adottato Red Hat OpenShift di Red Hat, la principale piattaforma Kubernetes enterprise del mercato, per migliorare la disponibilità, le prestazioni e la sicurezza delle applicazioni mission-critical nel suo stabilimento di Amberg, in Germania. Il sito...

  • Maggiore sicurezza con OPC Suite Extended dataFEED di Softing

    Con l’integrazione di OPC UA Reverse Connect nella sua OPC Suite Extended dataFEED V5.22, Softing consente una comunicazione sicura tra i componenti OPC UA in OT e IT separati da firewall o DMZ. La soluzione all-in-one permette la comunicazione...

  • Con Simcenter Cloud HPC Siemens estende la possibilità di accedere alla simulazione avanzata

    Siemens Digital Industries Software ha aggiunto alla propria soluzione Siemens Xcelerator as a Service (XaaS) potenti capacità di simulazione ad elevate prestazioni, scalabili e fruibili on-demand, grazie al lancio del software Simcenter Cloud HPC. Nell’ambito della consolidata...

  • Il Cloud compie 25 anni

    Ricorre in questi giorni il 25° compleanno del cloud, invenzione che ha dato impulso alla quarta rivoluzione industriale. La prima persona a utilizzare il termine “cloud computing” in ambito accademico fu il professor Ramnath Chellappa durante una...

  • Servizi digitali per le prestazioni ottimali degli asset

    Essere in grado di rilevare e risolvere rapidamente i guasti delle macchine è fondamentale per l’efficienza, sia per gli utenti finali che per i costruttori di macchine. Con un nuovo portale OEM white label, Lenze offre un...

  • Automazione e strumentazione pronte per la filiera idrogeno

    Nello scenario della riduzione dei gas serra, un ruolo interessante potrebbe essere l’impiego di idrogeno come combustibile, purché naturalmente si riesca a produrlo a costi ragionevoli e da fonti rinnovabili. In questo ambito le tecnologie di misura...

Scopri le novità scelte per te x