Perché il protocollo TSN sarà ben presto un requisito irrinunciabile per il settore manifatturiero

Le Connected Industries del futuro si appoggeranno ad attività reattive basate completamente sui dati. Le reti industriali avanzate che incorporano il protocollo TSN (Time sensitive Networking) sono fattori abilitanti chiave per questi sistemi. Selezionarle consentirà alle aziende di godere di alta velocità e comunicazioni affidabili per le applicazioni Industry 4.0. Christian Bergdahl, Product Marketing Manager in HMS Industrial Networks, un membro di CLPA (CC-Link Partner Association), spiega perché questa tecnologia rappresenti veramente una svolta e come l’azienda stia preparandosi a lanciare i suoi primi prodotti compatibili con TSN.

Pubblicato il 14 maggio 2021

Le Connected Industries del futuro saranno molto produttive, flessibili e reattive, grazie alla loro capacità di sfruttare il potere dei dati, che può offrire in tempo reale una comprensione esclusiva di quello che sta succedendo in produzione. Questo consentirà alle aziende di utilizzare processi automatici per verificare che le attività fluiscano senza problemi in ogni momento, massimizzando la propria efficienza. La spina dorsale di tali sistemi saranno le reti, che connettono ogni parte all’interno di un impianto o di un’azienda per condividere informazioni chiave. Per supportare le funzioni di Industry 4.0, queste infrastrutture devono poter garantire che l’enorme volume di dati generati venga trasmesso con grade affidabilità e puntualità. La transizione verso la larghezza di banda gigabit supporta ulteriormente questi requisiti.

Il TSN può garantire ulteriore supporto e aiutare le aziende a creare attività basate sui dati. Christian Bergdahl – Product Marketing Manager di HMS Industrial Networks – spiega: “La caratteristica più evidente di questa tecnologia è la sua capacità di trasformare l’Industrial Ethernet standard in un sistema di comunicazione in tempo reale, con jitter e latenza estremamente bassi. Costituisce quindi la tecnologia di rete chiave per supportare le più recenti soluzioni basate sui dati e le applicazioni Industry 4.0. A loro volta, queste sono essenziali per aiutare le aziende a potenziare la produttività creando reparti di produzione reattivi e flessibili.”

Ben più che semplice determinismo
Christian continua: “Il TSN renderà deterministico l’industrial Ethernet fin dalla progettazione, garantendo le basi per la convergenza delle reti. Di fatto, la tecnologia è in corso di definizione tramite le specifiche IEEE 802.1, che configureranno una soluzione comune e unificata. Il risultato sarà che ogni utente potrà avvalersi di una rete molto reattiva ed affidabile, che per sua natura supporterà l’interconnessione, senza alcuna dipendenza dalle soluzioni specifiche di un produttore. In definitiva, questo garantisce apertura e interoperabilità tra dispositivi e sistemi di automazione, semplificando la creazione di impianti ed imprese perfettamente connesse.”

Inoltre, il protocollo TSN è in grado di avvicinare le diverse componenti di un’azienda, come i settori OT (livello produttivo) e IT (livello informatico). “Questa tecnologia era stata originariamente sviluppata per il trasferimento di flussi audio e video nelle applicazioni commerciali. Solo successivamente si è pensato di utilizzarla per supportare i sistemi di automazione industriale. Di conseguenza, le applicazioni TSN risentiranno degli sviluppi in un altro segmento, dando forma e facendo convergere il futuro della tecnologia e delle aziende stesse”, ”, aggiunge lo specialista HMS Industrial Networks. Questo futuro univoco avrà un ruolo fondamentale anche nello spingere l’adozione del protocollo TSN.

Nessun dubbio sull’accettazione di TSN
I costruttori di sistemi di automazione e gli utenti finali sono molto percettivi e ben consapevoli del potenziale del protocollo TSN, specialmente per quanto riguarda la sua capacità di fornire un percorso unificato verso l’interoperabilità. Di conseguenza, molte aziende stanno attivamente pianificando l’adozione di questa tecnologia. Inoltre, è un concetto ormai accettato che il TSN diventerà irrinunciabile entro breve/medio termine. In effetti, non ci sono dubbi sul fatto che le innovative soluzioni Industrial Ethernet si diffonderanno sempre più; si tratta solo di definire quando – e le aziende sono già pronte ad agire.

Attualmente, la creazione di soluzione basate su TSN è in fase di decisa crescita ed è sicuramente un momento molto interessante per gli esperti di tecnologia. Christian Bergdahl commenta: “I fieldbus e l’Ethernet convenzionale sono tecnologie ormai affermate da molti anni. Con l’avvento dell’innovazione portata dal TSN, i tecnici si trovano ad affrontare una nuova sfida mentre sviluppano nuovi prodotti con capacità avanzate. L’impegno e la motivazione di tutti questi team sono di grande ispirazione per tutti.”

Sviluppo proattivo di soluzioni TSN
Una sfida in grado di stimolare la rivoluzione del TSN potrebbe dare forma anche a un’eccellente collaborazione tra vendor di prodotti per l’automazione, secondo Christian Bergdahl. “Poiché un elemento chiave del TSN è l’interoperabilità, gli specialisti devono essere disponibili a collaborare a stretto contatto per sviluppare sistemi adatti e soluzioni di migrazione. All’interno di una tale infrastruttura, le reti esistenti dei principali attori nel mondo dell’automazione, come CLPA, sono sulla strada giusta ed hanno un vantaggio competitivo.

“Essere associati a CLPA ha sempre offerto notevoli vantaggi. Il TSN sta evidenziando alcuni benefici veramente unici. Oltre a poter contare su una comunità di esperti di automazione, possiamo essere i primi a sviluppare dispositivi compatibili con TSN utilizzando le specifiche di CC-Link IE TSN. Si tratta della prima tecnologia di rete che incorpora l’innovativo standard TSN rilasciato sul mercato. Offrendo già da subito soluzioni con TSN, possiamo evidenziare il nostro ruolo e potenziare la nostra accettazione nel settore dell’automazione, specialmente in Asia, dove le tecnologie CLPA sono standard di fatto. Il primo prodotto HMS che arriverà sul mercato a metà del 2021 sarà l’Anybus CompactCom per CC-Link IE TSN, che consentirà ai produttori di dispositivi di implementare con facilità la nuova tecnologia.

Christian Bergdahl, Product Marketing Manager in HMS Industrial Networks, un membro di CLPA (CC-Link Partner Association)



Contenuti correlati

  • L’automazione: un’opportunità unica di carriera

    L’ automazione esiste da decenni, ma nella maggior parte dei casi è stata adottata in modo limitato, assicurando una produttività più elevata a specifici ambiti aziendali piuttosto che facilitando una trasformazione sistematica. Negli ultimi 15 anni qualcosa...

  • I robot alla conquista delle PMI

    La metà delle PMI italiane sta pianificando l’introduzione di robot in azienda, mentre il 14% li ha già introdotti. Questi i risultati di una ricerca effettuata da fruitcore robotics, azienda di deep-tech nata in Germania nel 2017,...

  • Johnson Controls e Accenture: due OpenBlue Innovation Center basati su AI

    Accenture e Johnson Controls collaboreranno alla realizzazione e alla gestione di due nuovi OpenBlue Innovation Center, che supporteranno lo sviluppo di prodotti e servizi a marchio JCI per i sistemi di controllo degli edifici che utilizzano tecnologie...

  • La nuova soluzione software digital twin di Schneider Electric

    EcoStruxure Machine Expert Twin di Schneider Electric è una soluzione software digital twin scalabile per gestire l’intero ciclo di vita della macchina. Questo software permette ai costruttori di macchine di creare modelli digitali di macchine reali, per poterle...

  • Il manifatturiero adotta l'intelligenza artificiale. Lo dice Google Cloud
    La soluzione per l’analisi dei dati Altair Unlimited

    Altair, tra i leader nel settore della scienza computazionale, dell’HPC (High Performance Computing) e dell’intelligenza artificiale (AI), è entusiasta di annunciare il lancio dell’appliance Altair Unlimited per l’analisi dei dati, una soluzione “chiavi in mano” che democratizzerà...

  • Rinnovato il board di Ucimu-Sistemi per Produrre per il 2022-23

    Chiamata a rinnovare le cariche sociali, l’assemblea dei soci di UCIMU-Sistemi per Produrre, ha confermato Barbara Colombo alla presidenza della associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazioneper il biennio 2022-2023. Barbara Colombo (FICEP, Gazzada...

  • Schneider Electric nomina Silvia Olchini Vice Presidente Secure Power

    Silvia Olchini è il nuovo Vice Presidente della divisione Secure Power di Schneider Electric Italia; la manager ha assunto questo ruolo a partire dal 1 luglio 2022. La nomina arriva dopo l’esperienza in Schneider Electric nella Business...

  • ABB apre un campus di innovazione e formazione presso B&R in Austria

    ABB ha inaugurato il suo nuovo campus per l’innovazione e la formazione presso la sede di B&R a Eggelsberg, in Austria, centro globale per l’automazione di macchine e fabbriche del gruppo. Il campus creerà fino a 1.000...

  • Pharma 4.0: il ruolo centrale della robotica e dell’automazione

    Nel biomedicale e nelle produzioni altamente regolamentate, sono sempre più utilizzati robot capaci di operare in ambienti sterili, o a contaminazione controllata, e capaci di sopportare cicli intensivi di sanificazione. Un esempio sono le soluzioni robotiche di...

  • Macchine utensili. Ottimo il 2021, il 2022 ancora in crescita secondo Ucimu

    Il 2021 è stato un anno decisamente positivo per l’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ha registrato incrementi a doppia cifra per tutti i principali indicatori economici: produzione, export, consegne sul mercato interno...

Scopri le novità scelte per te x