PeasyPay: la soluzione europea per i pagamenti biometrici

PeasyPay, una startup lanciata da EIT Digital, permette alle persone di pagare semplicemente mostrando il volto e il palmo della mano. Il sistema è stato lanciato per la prima volta a Budapest ed è attualmente in fase di sperimentazione a Guadalajara, in Spagna. La Slovenia e il Regno Unito seguiranno

Pubblicato il 18 settembre 2020

Niente portafoglio, smartphone o carta di credito. I consumatori europei potranno entrare in un negozio, scegliere quello che vogliono e pagare, senza portare con sé nulla di tutto questo. PeasyPay, una startup registrata in Ungheria, permette alle persone di pagare semplicemente mostrando il volto e fotografando il palmo di una mano, rendendo l’intero processo più semplice e veloce.

“Il sistema è composto da tre elementi” spiega Csaba Körmöczi, product leader di PeasyPay “un’applicazione per smartphone per il cliente (da utilizzare solo durante la registrazione), un’applicazione per smartphone per i commercianti e il terminale di pagamento”.
I profili digitali dei palmi e dei volti dei clienti vengono creati attraverso l’app (disponibile sia su Android che su iOS) scattando una foto con la fotocamera del cellulare. In seguito, gli utenti devono registrare i dati della loro carta di credito su un gateway di pagamento integrato e sicuro.

Il processo di pagamento vero e proprio in-store viene implementato utilizzando un’apposita macchina da punto vendita (POS), dotata di telecamere e software di riconoscimento facciale che scansiona i volti e i palmi dei clienti e li confronta con il modello biometrico creato in precedenza. In caso di corrispondenza, il pagamento è autorizzato e l’importo addebitato sulla carta di credito registrata nel gateway di pagamento del corrispondente conto PeasyPay.

La combinazione di scansione del viso e dei palmi risolve il problema della possible non corretta identificazione di un soggetto, dovuto al fatto che il grado di precisione dei sistemi di riconoscimento facciale può variare in modo significativo a seconda della persona, del software e della situazione.
PeasyPay è stata lanciata da EIT Digital all’interno della sua Innovation Factory, dove un certo numero di partner dell’organizzazione si uniscono per lanciare sul mercato un’azienda deep tech.
Il nome in codice del progetto è “Pay with a Smile” ed è all’interno del portafoglio Digital Finance della Innovation Factory. La partnership alla base dell’iniziativa comprende due partner spagnoli, Ci3 e Liberbank, due ungheresi, E-Group e OTP Bank, e lo sloveno AV Living Lab.

La soluzione PeasyPay è stata inoltre progettata per essere pienamente conforme a tutte le normative europee, in particolare al GDPR e alle leggi nazionali sulla protezione dei dati. Secondo le disposizioni del GDPR, il trattamento dei dati biometrici per scopi di identificazione univoca non è autorizzato, a meno che la persona interessata non abbia dato il proprio consenso esplicito per uno scopo specifico.
Un altro fattore che distingue la tecnologia della startup dalla concorrenza è che altre soluzioni di pagamento sono completamente dipendenti da un’infrastruttura e da un ecosistema proprietari, mentre PeasyPay si basa su un sistema aperto; qualsiasi banca e qualsiasi commerciante può aderire.
La soluzione PeasyPay è operativa a Budapest dal dicembre 2019 – con una pausa in primavera a causa della pandemia – in un caffè del secondo distretto della città.

OTP Bank e e-Group stanno unendo le forze per diffondere ulteriormente PeasyPay nella capitale ungherese: una campagna di marketing coinvolgerà i membri dell’industria alberghiera locale e del settore retail. Un test pilota di PeasyPay, destinato all’industria alimentare e della vendita al dettaglio della città, è attualmente in corso a Guadalajara, in Spagna. La sperimentazione è iniziata a luglio, in quattro piccoli negozi situati nel centro della città, ed è in corso di estensione ad altre attività commerciali. In totale, 25 negozi di prossimità (panetterie, macellerie, drogherie, caffè, librerie, tipografie ed erboristerie) parteciperanno al pilota spagnolo. Il piano è di rendere disponibile PeasyPay anche nei grandi magazzini.

Altri progetti pilota sono previsti altrove. Nel Regno Unito, il sistema verrà utilizzato per consentire ai tassisti di pagare senza soluzione di continuità la tariffa per entrare nell’area di parcheggio dell’aeroporto di Glasgow. In Slovenia, il test avrà luogo in un ristorante.
Durante la fase di lancio, sarà possible scaricare PeasyPay solo dagli app store locali di Ungheria, Spagna, Slovenia e Regno Unito. Entro la fine dell’anno, l’app verrà lanciata a livello globale.

 



Contenuti correlati

  • Digi-Key Make: guida schede
    Guida alle schede 2021 di Digi-Key e Make: con app AR

    Digi-Key Electronics e Make: hanno reso disponibile la Guida alle schede 2021 corredata dall’app AR (realtà aumentata) di Digi-Key, scaricabile sia dall’App Store di Apple per dispositivi iOS che in Google Play Store per dispositivi Android. La...

  • Il modello di business di MindSphere World per il rilancio del sistema industriale in Italia: l’importanza dell’ecosistema

    Il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) presentato dal Governo prevede lo stanziamento di 23,89 miliardi di euro per l’innovazione tecnologica del sistema produttivo italiano, con l’intento primario di velocizzare la digitalizzazione dell’intero sistema Paese, condizione indispensabile per...

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che opera nel settore della robotica industriale impiegando tecnologie di intelligenza artificiale e Cloud Computing… Leggi l’articolo

  • Sistem Evo

    Le giovani aziende che si affacciano al mondo del mercato sono sempre più mosse da senso pratico, e dalle nuove sfide che offre la tecnologia moderna. Questo mese approfondiamo la conoscenza di ‘Sistem Evo’, la start-up che...

  • Architettura sì, ma tecnologica e green

    Abbiamo incontrato Raffaele Caruso, laureato in Architettura all’Università degli Studi di Roma La Sapienza, che ha realizzato una sua start-up, con il suo nome, di architettura tecnologica e green… Leggi l’articolo

  • Mariano Corso, Responsabile scientifico dell'Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità
    Healthcare, la sanità è sempre più connessa e smart

    La pandemia ha spinto la diffusione di strumenti digitali nel settore sanitario, accelerandone anche la conoscenza e l’uso da parte di cittadini, medici e strutture sanitarie nelle diverse fasi del percorso di cura. La spesa per la...

  • Trasformare le idee in progetto tramite il 3D

    La rubrica sulle start-up del panorama italiano nasce anche con l’intento di dare sostegno a quanti tra noi italiani, popolo di inventori, vogliano cimentarsi nella realizzazione delle loro idee e trasformarle in progetti concreti Leggi l’articolo

  • #iopagoifornitori: online il sito dedicato all’iniziativa oltre 650 le aziende aderenti

    L’obiettivo di #iopagoifornitori è quello di stimolare le imprese del sistema economico, in primis quello bresciano, a trovare con la controparte, in modo efficace e collaborativo, soluzioni comuni per far fronte alle eventuali difficoltà di liquidità, privilegiando...

  • Maggiore selezione per le startup agevolabili con tasso zero 

    Con il decreto ministeriale del 4 dicembre 2020 il Ministero dello Sviluppo Economico ha ridefinito la disciplina dei finanziamenti a tasso zero volta a sostenere la nuova imprenditorialità, con la creazione di nuove imprese a prevalente o totale partecipazione...

  • EatsReady, pronti alle sfide del mercato

    Abbiamo avuto il piacere di intervistare Olivia Burgio, managing director e cofounder di EatsReady (https://eatsready. com/it), la prima piattaforma che connette aziende, dipendenti e ristoranti per semplificare e migliorare l’efficienza della pausa pranzo… Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x