Panasonic lancia gli interruttori di sicurezza per porte della serie SG-P con indicatori ad alta visibilità

Pubblicato il 8 maggio 2021

Panasonic ha sviluppato gli interruttori di sicurezza per porte della serie SG-P che consentono agli operatori di macchina di vedere “a colpo d’occhio” lo stato di apertura/chiusura delle porte dell’intera apparecchiatura di produzione.

SG-P consente di aumentare la sicurezza degli operatori durante la manutenzione nei siti di produzione, oltre a ridurre i tempi di fermo macchina, migliorando così la velocità operativa.

Fino ad ora, i lavoratori e le macchine hanno lavorato separatamente nei siti di produzione. Negli ultimi anni, gli ambienti in cui le persone e le macchine lavorano in cooperazione “riconoscendosi a vicenda” è in aumento, questo sta aumentando ulteriormente la consapevolezza della sicurezza negli stabilimenti.

Nella “produzione” ancora oggi vengono ancora utilizzati interruttori dei quali si possono facilmente disabilitare le funzioni di sicurezza. Questo è uno dei fattori che causano gravi incidenti ai lavoratori e agli operatori. SG-P è in grado di rilevare solo lo specifico attuatore accoppiato, impedendo la disabilitazione intenzionale degli interblocchi. Questo meccanismo disattiva il funzionamento della macchina non appena non sono soddisfatte determinate condizioni, migliorando la sicurezza degli operatori durante la manutenzione.

Con SG-P è stato risolto un altro problema operativo. Le macchine non possono essere azionate immediatamente per l’utilizzo di interruttori con indicatori di piccole dimensioni: l’avvio richiede tempo per controllare lo stato aperto / chiuso delle singole porte dell’intera attrezzatura di produzione. Per risolvere questo problema, Panasonic ha dotato gli interruttori di nuova concezione di un indicatore ampio e luminoso e configurato gli attuatori per l’illuminazione, consentendo agli operatori di identificare rapidamente le porte aperte. Questo riduce i tempi di fermo macchina e migliore la velocità operativa.

Principali caratteristiche:
1. Prevenzione della disabilitazione intenzionale degli interblocchi
Durante la manutenzione presso i siti di produzione, la disattivazione intenzionale degli interblocchi all’apertura delle porte delle apparecchiature può essere una delle principali cause di incidenti, poiché esiste il rischio che un’altra persona possa azionare la macchina senza accorgersi del lavoratore. I nuovi interruttori di sicurezza per porte di Panasonic prevengono la disattivazione intenzionale adottando un sistema RFID (* 1) che rileva solo l’attuatore associato all’interruttore. La sua conformità ai livelli codificati specificati nella ISO 14119 (* 2) aumenta la sicurezza dei lavoratori.
(* 1) Sistema per leggere e scrivere informazioni sui singoli attuatori utilizzando onde radio deboli
(* 2) Requisiti generali per la progettazione e la selezione dei dispositivi di interblocco associati ai ripari di sicurezza delle macchine

2. Indicatori ampi e luminosi mostrano lo stato aperto / chiuso delle porte dell’intera apparecchiatura.
Gli interruttori di sicurezza per porte di nuova concezione sono dotati di un ampio indicatore luminoso, nonostante siano abbastanza compatti da essere inseriti in un telaio quadrato in alluminio da 30 mm. Le porte aperte sono indicate con un’illuminazione rossa brillante, mentre le altre porte collegate alle porte aperte sono indicate con luci lampeggianti verdi per mostrare il loro stato non sicuro. Gli interruttori convenzionali, dotati di un piccolo indicatore, non sono facili da vedere dall’esterno quando montati all’interno delle porte, rendendo difficile per gli operatori identificare le porte aperte. Diversamente, l’indicatore di dell’interruttore di sicurezza SG-P è configurato per segnalare, consentendo il controllo dello stato dell’interruttore anche dall’esterno e, di conseguenza, la rapida identificazione delle porte aperte. Ciò riduce i tempi di fermo macchina, migliorando la velocità operativa.

2 – Gli indicatori mostrano lo stato di apertura / chiusura delle porte
La struttura master-slave consente di risparmiare cablaggio, consentendo di collegare in serie fino a 30 unità.
È possibile collegare fino a 29 interruttori slave (sub), a un interruttore standard, che funge da dispositivo master, consentendo il collegamento in serie di un massimo di 30 unità. Il collegamento viene effettuato solo delle uscite del dispositivo master, eliminando così la necessità di collegamento delle singole uscite degli slave, risparmiando così il cablaggio necessario per il montaggio dell’intero sistema sul macchinario.



Contenuti correlati

  • Come si stanno evolvendo i DCS

    La digitalizzazione dell’industria richiede una nuova generazione di Distributed Control System (DCS) in grado di stare al passo con gli sviluppi mantenendo la sicurezza dei processi, l’affidabilità e le prestazioni di produzione. L’autore, Roy Tanner, strategic product...

  • Ripensare la gestione del rischio

    Come si può affrontare correttamente il rischio, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie digitali, per consentire alle organizzazioni pubbliche e private di potenziare la resilienza Leggi l’articolo

  • Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT
    Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT

    Nozomi Networks e Stormshield, player europeo nel mercato della cybersecurity, annunciano una partnership tesa a migliorare la sicurezza degli asset sensibili nelle reti OT. Le aziende industriali si trovano infatti sempre più spesso a dover proteggere i...

  • Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41
    Omron: interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41

    Omron presenta l’interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41 per ridurre il rischio di disattivazione dei dispositivi di interblocco, per un sito di produzione sicuro e senza problemi. Alcuni incidenti industriali sono stati causati...

  • Smart factory sotto attacco: ecco quanto costa un fermo impianto

    Quanto costa un fermo macchina in un impianto industriale? Che disservizio porta la mancata erogazione del servizio? Quanto può costare la non sicurezza? Il video “Attack at an Industrial Facility” offre una risposta a queste domande. GUARDA IL VIDEO...

  • 10 anni di crescita per Automation24

    Lo shop online specializzato in automazione industriale celebra il suo decimo anniversario e continua il suo percorso di crescita siglando nuove partnership che allargano il suo orizzonte alla strumentazione di processo e ai prodotti per la sicurezza...

  • La corretta manutenzione delle scaffalature industriali

    La corretta manutenzione delle attrezzature e dei luoghi di lavoro è essenziale per lavorare in sicurezza e più agevolmente. Inoltre, l’uso di utensili e arredi ergonomici rende qualsiasi attività più facile e leggera. Tuttavia, la varietà delle attrezzature presenti...

  • La serie a 2 galleggianti di F.lli Giacomello e il suo multiuso
    La serie a 2 galleggianti di F.lli Giacomello e il suo multiuso

    La serie Rapid Level di F.lli Giacomello comprende il RL a 2 galleggianti che può essere impiegato per liquidi sporchi, acqua, petroli, olii refrigeranti e tollera la presenza di particelle metalliche anche ferrose, grazie al galleggiante che...

  • Codemeter e Javascript condividono il principio di versatilità universale

    CodeMeter, la famiglia di soluzioni ideata da Wibu-Systems per la protezione dei beni digitali, la gestione licenze e la sicurezza degli endpoint, diventa ancora più universale e versatile con AxProtector JavaScript, uno strumento dedicato alle applicazioni JavaScript,...

  • Arriva il social network dedicato alla security

    Trend Micro si contraddistingue da sempre per il suo impegno nel condividere il proprio know how e le proprie competenze tecniche con le organizzazioni e le aziende, con l’obiettivo di fare squadra e rispondere alle minacce cyber...

Scopri le novità scelte per te x

  • Come si stanno evolvendo i DCS

    La digitalizzazione dell’industria richiede una nuova generazione di Distributed Control System (DCS) in grado di stare al...

  • Ripensare la gestione del rischio

    Come si può affrontare correttamente il rischio, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie digitali, per consentire alle...