Multi Physics Box: il sensore di condition monitoring di Sick

Vibrazioni, urti, temperature: il sensore di monitoraggio delle condizioni MPB10 è una soluzione salvaspazio, facile da integrare, versatile ed economica per il monitoraggio delle condizioni di azionamenti, motori, pompe, sistemi di trasporto e altri componenti critici della macchina

Pubblicato il 9 settembre 2023

Il sensore Multi Physics Box (MPB in breve) per Condition Monitoring di SICK è la prima soluzione sensoristica dell’azienda progettata specificamente per il condition monitoring. Il compatto MPB monitora simultaneamente vibrazioni, urti e temperature su azionamenti, motori, pompe, sistemi di trasporto e altri componenti critici.

I cambiamenti di stato vengono rilevati in anticipo, il che consente di evitare in modo mirato potenziali guasti e fermi di macchine e processi. ‘MPB offre opzioni di montaggio flessibili e può essere parametrizzato rapidamente e facilmente tramite Sopas e IO-Link. I valori limite per vibrazioni, urti e temperatura possono essere regolati individualmente e, in riferimento alle soglie di vibrazione previste da ISO 10816-3, ‘MPB offre, anche, la possibilità di impostare i corrispondenti allarmi. I valori misurati del Multi Physics Box forniscono – una valida base di dati per applicazioni correlate al monitoraggio delle condizioni e alle soluzioni digitali.

Il guasto di azionamenti, motori, pompe e ventole è generalmente preceduto dal presentarsi di vibrazioni e variazioni di temperatura. Il sensore Multi Physics Box è stato dotato dei parametri più importanti per il rilevamento dei guasti: temperatura, vibrazioni e shock.

Rilevamento delle deviazioni per evitare guasti

Il sensore per il condition monitoring MPB10 garantisce la trasparenza perché rende visibili i cambiamenti nelle caratteristiche relative alla disponibilità di motori, azionamenti e macchine, facendo così luce sullo stato attuale della macchina precedentemente invisibile., MPB10 viene semplicemente avvitato a un componente della macchina o fissato mediante una piastra di adattamento. Il Sopas Engineering Tool di SICK consente una facile parametrizzazione tramite IO-Link e fornisce una visualizzazione dei valori limite configurabili individualmente per vibrazioni, urti e temperatura.

Durante il funzionamento, il sensore MPB10 ottiene i valori misurati per tutte e tre le variabili di condizione. Questi sono pre-elaborati e interpretati nel sensore stesso e forniscono quindi un’indicazione precoce di potenziali guasti e guasti della macchina. Ciò consente la pianificazione tempestiva e mirata delle misure di manutenzione in base alle condizioni e riduce al minimo i costi di assistenza, esercizio e tempi di fermo in modo efficiente. Se viene superato un valore limite preimpostato, il sensore emette un avviso tramite un’uscita di commutazione o IO-Link.

MPB10 supporta anche il monitoraggio dei valori limite di vibrazione e l’emissione di allarmi multistadio secondo ISO 10816-3.

Condition monitoring stand-alone o fornitore di dati per un servizio cloud: entrambi sono possibili MPB10, con un alloggiamento in acciaio inossidabile resistente e salvaspazio e- grado di protezione IP68, è dotato di due elementi Mems (Micro-Electro-Mechanical Systems) di misurazione su tre assi, in grado di registrare vibrazioni fino a ± 8 g e urti fino a 200 g. Per il monitoraggio termico, il sensore è classificato per temperature di contatto da -40 °C a +80 °C.

Ciò significa che -MPB è adatto anche per condizioni ambientali difficili nel luogo in cui è installata la macchina, sia nel funzionamento autonomo e integrato in un controllore della macchina, tramite un’uscita di commutazione e IO-Link, sia come fornitore di dati e base per la digitalizzazione delle macchine, soluzioni applicative o servizi cloud.

Ampia gamma di applicazioni industriali 

Il Condition Monitoring (CM), la manutenzione predittiva, la digitalizzazione e le soluzioni app e cloud sono un obiettivo importante di quasi tutti i settori industriali innovativi. I sensori CM della famiglia di prodotti MPB di SICK sono destinati a queste aree e fungono da fornitori di valori misurati e dati. Nella Factory Automation vengono utilizzati per monitorare motori, servoazionamenti, assi e altre risorse, fornendo allo stesso tempo dati per la digitalizzazione di macchine e possibili nuovi modelli di business.

Nella Logistics Automation i sensori CM possono essere utilizzati per monitorare i motori di nastri trasportatori, trasportatori a rulli, smistatori, montacarichi, trasferitori, navette e macchine automatiche per la movimentazione di pallet. Il rilevamento tempestivo di stati critici e la prevenzione tempestiva di potenziali guasti contribuiscono in modo significativo a garantire l’elevata disponibilità del flusso di materiale intralogistico.

Anche la Process Automation offre un’ampia gamma di applicazioni per le soluzioni di sensori CM. Ventole di raffreddamento, soffianti, pompe, frantoi, laminatoi e nastri trasportatori sono asset spesso soggetti a condizioni operative difficili e possono trarre vantaggio dal rilevamento tempestivo di danni a motori, azionamenti o cuscinetti.

Indipendentemente dal settore, i sensori CM, come MPB, offrono la possibilità di aumentare i tempi di attività delle macchine e migliorarne la produttività. Allo stesso tempo, fungono anche da punto di ingresso per la digitalizzazione e la base per soluzioni digitali.



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x

  • Sensori, sempre più intelligenti

    Industria 4.0, digitalizzazione e IIoT stanno facendo rapidamente evolvere il mondo dei sensori, che diventano sempre più...

  • Osservare per poter agire

    Quanto sono importanti i servizi di monitoraggio per le infrastrutture critiche aziendali? Come indicato dagli analisti la...