MISE: Digital Transformation per le PMI

Digital Transformation: arriva il bando MISE per le PMI. Dal 15 dicembre 2020 le imprese italiane potranno richiedere di accedere ai contributi e ai finanziamenti per lo sviluppo di progetti di implementazione di strumenti digitali e tecnologie abilitanti del Piano Nazionale Impresa 4.0

Pubblicato il 26 ottobre 2020

Il Decreto direttoriale 9 giugno 2020 disciplina l’intervento agevolativo sulla Digital Transformation istituito all’articolo 29, commi da 5 a 8, del Decreto Crescita. I fondi stanziati ammontano a 100 milioni di euro, per sostenere la trasformazione digitale e tecnologica dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese.

Questo attraverso l’implementazione di:

  • Tecnologie abilitanti individuate dal Piano Nazionale Impresa 4.0, (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, Industrial Internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics).
  • Tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate a:
    – ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
    – software;
    – piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
    – altre tecnologie (sistemi elettronici per lo scambio di dati, blockchain, intelligenza artificiale, Internet of Things ecc.).

Per ottenere le agevolazioni del MISE, i progetti devono prevedere la realizzazione di:

  • attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione.

Bando MISE: tutte le principali agevolazioni
“Con il decreto direttoriale 1 ottobre 2020 sono stati definiti, i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazioni, i punteggi, le condizioni e le soglie minime di ammissibilità delle stesse domande, nonché criteri per la determinazione e la rendicontazione delle attività e dei costi ammissibili, gli oneri informativi a carico dei soggetti proponenti e gli ulteriori elementi utili a definire la corretta attuazione dell’intervento agevolativo.”

Nello specifico, le agevolazioni previste dal bando MISE Digital Transformation sono concesse sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili pari al 50%:

  • 10% sotto forma di contributo;
  • 40% come finanziamento agevolato.

Le PMI beneficiarie dovranno poi restituire il finanziamento agevolato senza interessi a partire dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali per un periodo massimo di 7 anni.

A chi si rivolge il bando MISE Digital Transformation
Secondo il DL, per partecipare al bando MISE e beneficiare delle agevolazioni, le PMI devono:

  • essere iscritte come attive nel Registro delle imprese;
  • operare in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • aver conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 100.000,00;
  • disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese;
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Per presentare domanda è necessario seguire le istruzioni indicate nel decreto direttoriale del 1° ottobre 2020 dal Ministero dello Sviluppo Economico.



Contenuti correlati

  • Grandi imprese in difficoltà, domande per finanziamenti dal 20 settembre

    Il decreto direttoriale Mise dello scorso 3 settembre ha fissato le modalità di accesso alle agevolazioni previste per le grandi imprese che si trovano in situazione di temporanea difficoltà a causa dell’emergenza Covid e le cui domande...

  • Vectra AI: servizi di AWS in crescita così come i rischi alla sicurezza
    Vectra AI: servizi di AWS in crescita così come i rischi alla sicurezza

    Rapida diffusione dei servizi di AWS e una crescente fiducia nei loro confronti ma rivelano, allo stesso tempo, pericolosi profili di rischio a livello di sicurezza all’interno di molte organizzazioni. E’ questo quanto si evince dai risultati...

  • Piattaforme cloud industriali per ridisegnare la gestione degli asset

    Nel mondo dell’automazione, le piattaforme industrial IoT (IIoT) aiutano a migliorare i processi decisionali nell’amministrazione delle risorse, e a controllare con maggior efficienza impianti e infrastrutture. La pandemia da Covid-19 ha inoltre contribuito ad accrescere il divario...

  • MTConnect, lo standard libero e aperto per i costruttori di macchine utensili

    MTConnect è un protocollo di comunicazione che consente di estrarre dati e informazioni da macchine a controllo numerico e apparecchiature di produzione. Di fatto è uno standard che consente a differenti dispositivi di fornire informazioni in un...

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Stefano Venturi HP Italia Cefriel
    HPE promuove lo sviluppo di un cloud sostenibile basato su XaaS

    Indagare il ruolo e l’impatto dei nuovi modelli di Cloud, basati sull’Everything-as-a-Service (XaaS), nel migliorare la competitività e la crescita dell’Italia che permette la trasformazione di imprese e di Istituzioni. È quanto si prefigge di analizzare lo...

  • Industrial smart working

    Bisogna senz’altro distinguere tra smart working e lavoro da remoto. In ambito industriale si preferisce parlare di lavoro agile, di una diversa organizzazione dei tempi, degli spazi e delle modalità di esecuzione del lavoro. Col pieno utilizzo...

  • Transizione 4.0, per le PMI lombarde sarà potenzialmente a costo zero

    La transizione digitale, in particolar modo quella legata alle tecnologie di Industria 4.0, potrebbe essere nei prossimi 7 anni a costo zero per molte PMI lombarde. È quanto emerge dalla stima effettuata dal Centro Studi CNA Lombardia,...

  • Scott Russell SAP trasformazione digitale
    Trasformazione digitale e post-pandemia, quali prospettive per le aziende?

    Durante l’ultimo decennio, la sfida più importante per le aziende è stata quella di non perdere il treno del digitale. La pandemia e le sue conseguenze, come il lavoro da remoto e la resilienza delle catene di...

  • Quando la robotica diventa amica

    Da un anno a questa parte, gli ambienti produttivi e intralogistici stanno subendo numerose mutazioni e aggiornamenti di layout, dettati anche dalle esigenze di distanziamento fisico. Ad oggi non è più possibile utilizzare schemi tradizionali per i...

Scopri le novità scelte per te x