Michelin di affida a Ferretto Group per realizzare il suo nuovo magazzino in Messico

Si rafforza una partnership che ha portato l’azienda vicentina a operare in tre continenti con soluzioni automatiche mirate alle specifiche esigenze del cliente e un importante programma di service: sarà il quarto impianto realizzato in 5 anni per il colosso francese

Pubblicato il 16 ottobre 2021

Si consolida la collaborazione tra Ferretto Group e Michelin, colosso mondiale della produzione di pneumatici. L’azienda vicentina, tra i principali operatori italiani nel campo del magazzinaggio e della movimentazione dei materiali, realizzerà infatti per Michelin un nuovo magazzino in Messico dalle prestazioni elevate in grado di assicurare un flusso importante di materiale in/out. L’impianto va a rafforzare una partnership iniziata nel 2016, che in questi cinque anni ha visto Ferretto Group progettare e costruire già tre magazzini in Francia, Messico e Thailandia.

Con la nuova commessa, le quattro soluzioni logistiche arriveranno a sfiorare i 7.000 mq di superficie totale e una capacità complessiva di 15.000 unità di carico tra bobine, materia prima e semilavorati. Particolarità dei magazzini è la presenza di aree considerate in “ambienti esplosivi”: aspetto che ha richiesto lo sviluppo di soluzioni specifiche per garantirne la massima sicurezza.

“Una nuova sfida, ma anche un ulteriore passo di una collaborazione che rafforza la nostra dimensione internazionale e che, in questo caso, ci vede operare in tre diversi continenti” sottolinea il presidente Riccardo Ferretto. “Essere partner logistico di un colosso come Michelin è per noi motivo di orgoglio e una spinta a continuare con forza nella rotta tracciata da un piano industriale che punta sullo sviluppo e la crescita, a partire dall’investimento in innovazione ed efficienza dei processi”.

Nello specifico, il magazzino che verrà realizzato in Messico, i cui lavori inizieranno nei primi mesi del 2022, sarà completamente automatizzato, autoportante e raggiungerà i 30 metri d’altezza. Dotato di sei trasloelevatori a forcole in doppia profondità, servirà a stoccare materia prima e semilavorati in gomma. A caratterizzare il nuovo impianto – così come i precedenti – è l’attenzione dedicata alla sicurezza, in quanto alcune aree del magazzino stesso sono considerate in “ambiente esplosivo”: questo ha richiesto il rispetto di normative specifiche (NFPA hazardous classification Class II Div. 2 Group F T3) e la necessità di equipaggiare trasloelevatori e convogliatori con motori, cavi e componentistica elettrica speciali.

A seguito di una “thermal analysis”, Ferretto Group ha inoltre definito l’installazione di pannelli di copertura e pareti in lana di roccia con differenti spessori a seconda dell’esposizione al sole per assicurare una precisa finestra di temperatura e una percentuale massima di umidità all’interno dell’area di stoccaggio. L’intero sistema di magazzinaggio automatico è stato progettato per avere una ridondanza completa al fine di evitare fermi di produzione: interfacciandosi con le varie aree distribuite su più livelli, assicura un flusso di materiale in/out di circa 240 pallet/ora.

“Con Michelin” spiega il direttore generale Otello Dalla Rosa “abbiamo instaurato un rapporto che coinvolge tutte le nostre competenze: oltre a progettare e realizzare i magazzini con soluzioni mirate alle specifiche esigenze del cliente, forniamo anche il software di gestione e assicuriamo un programma di service attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In questo modo, affianchiamo il cliente non solo con le nostre soluzioni all’avanguardia, ma anche fornendogli tutte le competenze necessarie a garantire la massima efficienza del sistema”.

La partnership comprende infatti anche un importante programma di service: questo prevede, tra le altre cose, l’assistenza continuativa da remoto e una serie di cicli di “maintenance preventivo” effettuati in loco della durata di alcune settimane ciascuno. Durante questa sessione di manutenzione ordinaria i tecnici di Ferretto Group vengono affiancati dal maintenance team del cliente, con l’obiettivo di formare la squadra locale fino al raggiungimento della totale autonomia. Nel programma rientrano poi anche altre attività indispensabili per far funzionare il sistema al pieno delle sue potenzialità: dall’affiancamento nello studio del progetto – in modo da individuare il sistema più efficiente rispetto alle specifiche esigenze – al training nelle fasi di start-up, commissioning e ramp-up produttivo.



Contenuti correlati

  • Più benessere per i lavoratori con la piattaforma di analisi avanzata ProGlove Insight

    ProGlove ha presentato nuove capacità di analisi dei processi per migliorare i flussi di lavoro e le funzionalità dedicate al benessere dei lavoratori nella sua piattaforma di analisi avanzata ProGlove Insight. Questa estensione è parte del progetto...

  • Automazione per la catena del freddo

    L’emergenza sanitaria ha modificato le abitudini dei consumatori, aggiungendo nuova complessità alla filiera produttiva e distributiva alimentare. Per venire incontro alle nuove esigenze del mercato e fare chiarezza sulla crescente offerta di soluzioni per l’automazione nella gestione...

  • La metamorfosi degli AMR

    La ripresa delle attività produttive industriali sta accelerando grazie alla crescente automazione dei processi. Questo è un trend prevedibile, logica conseguenza dei processi di digitalizzazione spinti dall’introduzione del concetto e dei fondi per l’Industria 4.0. Sono numerosi...

  • I/O Blocks Turck Banner controlla i moduli del trasportatore a rulli

    Turck Banner Italia, tra i principali fornitori di sensoristica, illuminatori e segnalatori industriali, sistemi bus e sicurezza, opera con innovative tecnologie nel mondo dell’intralogistica e le sue soluzioni risolvono spesso situazioni progettuali critiche. Gli impianti di movimentazione...

  • Vodafone Industrial Connect
    Digitalizzazione del manifatturiero italiano con Vodafone Industrial Connect

    Vodafone Business, Cisco e Alleantia collaborano per aiutare ad accelerare il processo di transizione digitale delle imprese italiane. Da questa collaborazione nasce Vodafone Industrial Connect, una soluzione IoT chiavi in mano progettata per digitalizzare gli impianti di...

  • igus sew cavo ibrido
    Erogazione di energia e dati nel cavo ibrido unico igus per motori SEW

    Ingombro ridotto, compattezza e velocità: sono questi i requisiti dei motori di nuova generazione. Per allinearsi con questa tendenza, sono sempre di più i produttori di azionamenti che scelgono la tecnologia ibrida per risparmiare spazio. Anche igus...

  • Le nuove sfide del magazzino: i risultati dell’indagine dell’Osservatorio Intralogistica 2021

    Arrivato alla sua terza edizione, l’Osservatorio Intralogistica ha presentato i risultati della nuova ricerca condotta nei mesi scorsi su un campione di oltre 90 supply chain manager. I dati raccolti quest’anno riflettono il livello di maturità raggiunto dalla...

  • Garnet si affida a FasThink per innovare i processi di logistica e produzione

    Garnet, importatore e distributore di componenti elettrici ed elettromeccanici per i mercati dell’automazione, robotica e automotive, ha affidato a FasThink l’innovazione dei propri processi di logistica e produzione, con l’obiettivo di ridurre i rischi legati agli errori...

  • Rafforzare la logistica interna

    TE Connectivity è un fornitore globale Tier2 del settore automotive con uno stabilimento di produzione nella città di Esztergom, nel nord-ovest dell’Ungheria. L’azienda ungherese è una consociata di TE Connectivity con sede negli Stati Uniti, che serve...

  • Terranova e il sistema HMI

    Il gruppo Terranova si propone come partner strategico per la misura di livello di parchi serbatoi dedicati allo stoccaggio di fluidi per mezzo del sistema di monitoraggio, configurazione e programmazione remota HMI marchiato Valcom. HMI visualizza in...

Scopri le novità scelte per te x