mcT: una giornata all’insegna del cambiamento

Cambiano le abitudini, cambiano le esigenze: nascono nuove opportunità di business. A San Donato si è fatto il punto sulle tecnologie per il petrolchimico e la safety&security

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 1 dicembre 2014

Si è svolta giovedì scorso al Crowne Plaza Hotel di San Donato, alla porte di Milano, la manifestazione “mcT petrolchimico”, dedicata al mondo dell’industria di processo, in concomitanza con “mcT Safety & Security”. Molte le aziende presenti nell’area espositiva, che hanno consentito al visitatore di farsi un’idea il più possibile completa dell’offerta di mercato per il settore: dai dischi di rottura alle soluzioni di monitoraggio, dall’equipaggiamento di sicurezza (incluse le scarpe antinfortunistiche) alla sensoristica di controllo… Tre le tavole rotonde che si sono svolte durante la mattina, una dedicata alle “Tecnologie per il petrolchimico e per il settore energetico” con particolare focus sull’uso di protocolli industriali nell’ambito del processo (con casi esemplificativi illustrati da rappresentanti di ENI), le altre due rivolte ai temi della sicurezza funzionale e informatica.

Punto nodale, a nostro parere, il tema del cambiamento. Luca Bordot di ENI, per esempio, ha descritto il sistema di monitoraggio utilizzato da ENI in un data center, per la gestione degli impianti di condizionamento, ventilazione, power ecc… sottolineando come il sistema si sia rivelato fondamentale non solo per intervenire tempestivamente sui guasti, ma anche e soprattutto per prevenirli. Grazie inoltre alla rilevazione di specifici parametri, il sistema consente di ‘scovare’ i guasti ‘nascosti’. Bordot ha quindi sottolineato come in un anno l’indice PUE (Power Usage Effectiveness) dell’impianto sia passato da 1,5 a 1,15: “L’impianto non è cambiato, ma è cambiato il modo in cui viene usato”.

Ed è cambiato anche, nel tempo, il modo in cui le aziende percepiscono il problema della sicurezza informatica legata alle apparecchiature per il manufacturing. “Siamo passati dal parlare di ‘awareness’ al trattare di ‘solution'” ha sottolineato Sinclair Koelemij di Honeywell, considerando la sensibilità che le aziende dimostrano per i test (FAT e SAT) per la cyber security. Christian Hornkvist di Sandvik infine ha illustrato come l’azienda sia riuscita dal 2010 a oggi a innalzare l’attenzione e l’accettazione delle regole legate alla sicurezza funzionale da parte dei propri addetti facendo cultura. “Il cambiamento in alcuni è avvenuto subito, sono i follower più entusiasti, ma la maggioranza ha cominciato a seguire le direttive solo dopo un po’ di tempo e ora ci attendiamo che altri colleghi via via inizino a seguirci; siamo anche consapevoli che alcuni continueranno a ignorare le regole. Proprio come succede con i pop-corn che si cucinano al microonde: alcuni esplodono subito, i più solo dopo un po’, alla fine rimarranno sempre alcuni grani di mais inesplosi…”.

L’importante è continuare però a ‘fare cultura’, senza scoraggiarsi, per ‘far esplodere’ quanti più pop-corn è possibile, coltivando la cultura del cambiamento: eventi e manifestazioni servono anche a questo.

Ilaria De Poli



Contenuti correlati

  • Clusit diventa partner di Cyber 4.0

    Non esiste digitalizzazione senza sicurezza: questa tesi, alla base delle attività di sensibilizzazione, divulgazione e formazione erogate da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, è anche il pilastro su cui si basa la neo avviata collaborazione...

  • Un processo per produrre cibo dall’aria

    Partendo soltanto da aria, acqua ed energia elettrica, la start-up finlandese Solar Foods ha messo a punto un processo biologico per produrre in modo sostenibile delle proteine adatte all’alimentazione umana. Il processo si basa su un singolo...

  • Direttiva NIS2: un “new normal” per la cybersecurity europea

    Il 10 novembre il Parlamento Europeo ha approvato, a larga maggioranza, la Direttiva NIS2 (Network and Information System Security). Si tratta del primo tentativo di rafforzare il livello globale di cybersicurezza tra i 27 Paesi e di...

  • Micon 5 Safety: micro-pulsante con sistema di contatti a due canali da Rafi

    I pulsanti a corsa breve della serie MICON 5 realizzati da RAFI sono ora disponibili anche nella versione MICON 5 SAFETY con sistema di contatti a due canali. Con una superficie di base di soli 5,1 x...

  • Programmi di security awareness, tre errori comuni commessi dalle aziende

    Nonostante budget importanti e risorse sempre più significative investite nella cybersecurity, le violazioni sono ancora frequenti e sempre più impattanti. Quando si analizzano questi incidenti, c’è un fattore comune: la tecnologia di difesa è minata dall’azione umana,...

  • Smart factory sempre più a rischio di subire attacchi informatici: il caso dei CNC

    I progressi tecnologici della Quarta Rivoluzione Industriale hanno reso più efficienti i macchinari legati alla produzione, ma hanno anche messo i costruttori e gli utilizzatori di macchine utensili nel mirino dei cybercriminali. Il dato emerge da “The...

  • Protocollo d’Intesa tra l’Autorità Garante e Clusit

    Nella cornice di Security Summit Streaming Edition, con l’intervento di Agostino Ghiglia in rappresentanza del Collegio, è stato presentato oggi il Protocollo di Intesa siglato dal Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Pasquale Stanzione,...

  • Nuove barriere ottiche di sicurezza Schmersal certificate ATEX per zone 2 G/D

    Schmersal presenta sul mercato una novità di grande rilevanza per chi, operando in ambienti a rischio di esplosione, non può permettersi di scendere a compromessi. Si tratta delle nuove barriere fotoelettriche di sicurezza ATEX serie EX-SLC ed...

  • Metaverso e security: il punto debole potrebbero essere le autenticazioni biometriche

    I dati biometrici esposti rappresentano un rischio per le procedure di autenticazione in diversi scenari digitali, incluso il metaverso. Il dato emerge da “Leaked Today, Exploited for Life: How Social Media Biometric Patterns Affect”, l’ultima ricerca Trend Micro. “Alcuni sostengono che...

  • I rischi della convergenza

    La convergenza IT-OT ha aumentato i rischi di attacchi cyber al mondo produttivo, con la necessità da parte delle aziende di dotarsi di difese efficaci: le self-defending network sono reti in grado di proteggersi da sole Leggi...

Scopri le novità scelte per te x