Report Zscaler ThreatLabz 2023 sulle minacce IoT e OT

Il report Zscaler ThreatLabz 2023 sulle minacce IoT e OT per le imprese rivela che i settori manifatturiero e dell'istruzione sono quelli maggiormente presi di mira, e che quest’ultimo registra un aumento di quasi il 1000% degli attacchi malware IoT

Pubblicato il 15 novembre 2023

Zscaler, esperto di sicurezza cloud, ha reso noti i risultati del report Zscaler ThreatLabz 2023 Enterprise IoT and OT Threat . Il report di quest’anno fornisce uno sguardo approfondito sull’attività dei malware in un periodo di sei mesi, analizzando circa 300.000 attacchi bloccati su dispositivi IoT protetti dalla piattaforma Zscaler Zero Trust Exchange. L’elevato numero di attacchi contro i dispositivi IoT rappresenta un aumento del 400% del malware rispetto all’anno precedente. La crescente frequenza degli attacchi malware che hanno come obiettivo i dispositivi IoT è una preoccupazione significativa anche per la sicurezza OT, in quanto la mobilità del malware può facilitare lo spostamento attraverso diverse reti, mettendo potenzialmente a rischio le infrastrutture OT critiche.

Sicurezza IoT

Il team ThreatLabz si è concentrato sulla comprensione delle attività e degli attributi dei dispositivi IoT attraverso il fingerprinting dei dispositivi e l’analisi del panorama delle minacce malware IoT. Poiché un numero sempre maggiore di settori, aziende e persone si affida a dispositivi connessi a Internet, aumenta la minaccia di malware e vulnerabilità di tipo “legacy”. Adottando un’architettura Zero Trust, le aziende possono ottenere visibilità sul traffico dei dispositivi IoT e ridurre al minimo i rischi per la sicurezza IoT.

“L’applicazione inefficace degli standard di sicurezza da parte dei produttori di dispositivi IoT, unita alla proliferazione di dispositivi “Shadow IoT” a livello aziendale, rappresenta una minaccia significativa per le aziende. Spesso i criminali informatici prendono di mira dispositivi ‘non gestiti e senza patch aggiornate’ per ottenere un punto d’appoggio iniziale nell’ambiente”, ha dichiarato Deepen Desai, Global CISO e Head of Security Research di Zscaler. “Per gestire queste sfide, incoraggio le aziende ad applicare i principi dell’approccio Zero Trust nella protezione dei dispositivi IoT e OT: mai fidarsi, verificare sempre e prevedere la violazione. Le aziende possono eliminare il rischio di spostamento laterale utilizzando processi di rilevamento e monitoraggio continui per segmentare questi dispositivi”.

Crescita costante degli attacchi

Con la costante adozione di dispositivi personali connessi e IoT, il report ha rilevato un aumento di oltre il 400% degli attacchi malware IoT rispetto all’anno precedente. La crescita delle minacce informatiche dimostra la persistenza dei criminali informatici e la loro capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni nel lanciare attacchi malware contro i dispositivi IoT.

Inoltre, la ricerca indica che i criminali informatici stanno prendendo di mira le vulnerabilità di tipo “legacy”, con 34 dei 39 exploit IoT più diffusi specificamente rivolti a vulnerabilità esistenti da oltre tre anni. Le famiglie di malware Mirai e Gafgyt continuano a rappresentare il 66% dei payload degli attacchi, creando botnet da dispositivi IoT infetti che vengono poi utilizzati per lanciare attacchi Distributed Denial-of-Service (DDoS) contro aziende redditizie. Gli attacchi DDoS distribuiti basati su botnet sono responsabili di perdite finanziarie per miliardi di dollari nei settori industriali di tutto il mondo. Inoltre, gli attacchi DDoS rappresentano un rischio per l’OT, in quanto possono interrompere processi industriali critici e persino mettere in pericolo vite umane.

L’industria manifatturiera è l’obiettivo principale – Il settore dell’istruzione riceve una lezione

Il settore manifatturiero e retail hanno rappresentato quasi il 52% del traffico di dispositivi IoT, con stampanti 3D, tracker di geolocalizzazione, dispositivi di controllo industriale, sistemi multimediali per autoveicoli, terminali di raccolta dati e terminali di pagamento che inviano la maggior parte dei segnali su reti digitali.

Tuttavia, la mole di traffico generata da tali dispositivi ha creato delle opportunità per i criminali informatici, e il settore manifatturiero fa registrare oggi una media di 6.000 attacchi malware IoT ogni settimana. Inoltre, questi considerevoli attacchi malware IoT possono interrompere i processi OT critici, che sono parte integrante di molti impianti di produzione industriale come l’automotive, manifattura pesante, la plastica e la gomma.

Questo crea sfide a lungo termine per i team di sicurezza delle aziende manifatturiere, ma dimostra anche che l’IoT industriale detiene un vantaggio sostanziale nell’adozione di dispositivi IoT unici (quasi il triplo rispetto ad altri settori). Questo aumento è fondamentale in quanto le aziende manifatturiere continuano ad adottare strumenti IoT per l’automazione e la digitalizzazione delle infrastrutture esistenti.

L’istruzione è un altro settore che ha subito un’attenzione notevole da parte dei criminali informatici nel 2023, con la diffusione di dispositivi Shadow IoT non protetti all’interno delle reti scolastiche che forniscono ai criminali informatici punti di accesso più facili. La ricchezza di dati personali archiviati nelle loro reti ha reso gli istituti scolastici bersagli particolarmente interessanti, rendendo vulnerabili studenti e amministrazioni. Infatti, il report ha rilevato che gli attacchi malware IoT nel settore dell’istruzione sono aumentati di quasi il 1000%.

Gli Stati Uniti e il Messico sono i paesi più bersagliati

I risultati mostrano che gli Stati Uniti sono il bersaglio principale degli autori di malware IoT, con il 96% di tutto il malware IoT distribuito da dispositivi IoT compromessi negli Stati Uniti.

Nel 2023, il Messico ha registrato il maggior numero di infezioni, con il 46% di tutte le infezioni da malware IoT. In effetti, tre dei primi quattro paesi più colpiti (Messico, Brasile e Colombia) sono tutti paesi dell’America Latina.

Protezione dagli attacchi IoT/OT con Zscaler Zero Trust Exchange

La piattaforma Zscaler Zero Trust Exchange ha un approccio olistico alla sicurezza Zero Trust: verifica l’identità e il contesto, applica i controlli di accesso e le policy prima di connettere in modo sicuro un dispositivo ad un’applicazione, da qualsiasi luogo e su qualsiasi rete.

Zscaler protegge le reti aziendali utilizzando la piattaforma Zero Trust e sfruttando la soluzione Zscaler Internet Access™ (ZIA™), il cui accesso guidato dall’identità e la sicurezza completa basata sul rischio, proteggono lo scambio di telemetria tra i dispositivi IoT e le reti aziendali. Zscaler protegge la sicurezza delle reti aziendali con la piattaforma Zero Trust Exchange, che utilizza Zscaler Privileged Remote Access per fornire ai telelavoratori e ai fornitori di terze parti un accesso desktop remoto senza client ai sistemi di produzione RDP, SSH e VNC sensibili, senza dover installare un client su dispositivi non gestiti o accedere a “jump server” e VPN. Ciò significa che i dipendenti remoti o le terze parti possono accedere ai dispositivi OT e sottoporli a manutenzione senza compromettere la sicurezza della rete o dell’infrastruttura critica che alimenta.

(*) Metodologia
La metodologia di ricerca utilizzata per questo report comprende l’analisi dei log dei dispositivi provenienti da una moltitudine di fonti e settori verticali tra gennaio e giugno 2023. Il report utilizza dati provenienti dalle implementazioni dei clienti che si connettono al cloud di sicurezza globale di Zscaler, che elabora oltre 500 trilioni di segnali giornalieri e blocca 9 miliardi di minacce e violazioni di policy al giorno, con oltre 250.000 aggiornamenti di sicurezza quotidiani.



Contenuti correlati

  • L’industria che verrà… – versione integrale

    Il mondo dell’industria sta cambiando e si deve adeguare alle nuove tecnologie: visori, nuovi assistenti virtuali, app, AR, VR, AI… In un mondo che cambia, anche la tecnologia e l’utilizzo della tecnologia cambia. Le tecnologie immersive hanno...

  • Le infrastrutture critiche nazionali sono sempre più privatizzate: una protezione Zero trust è fondamentale

    Le infrastrutture critiche in tutto il mondo sono sempre più privatizzate. Ad esempio, i servizi di comunicazione per i consumatori e quelli satellitari (di cui più della metà sono già privati), i servizi ferroviari o i settori...

  • L’Italia è la nuova Silicon Valley d’Europa?

    Immagina un Paese a forma di stivale in Europa che possiede il potenziale per sfidare il dominio tecnologico della Silicon Valley. Incredibile, vero? L’Italia, culla della creatività L’Italia; il paese famoso per il suo ricco mosaico di arte,...

  • AI, sistemi aperti ed edge

    Come possiamo parlare di America senza menzionare Elon Musk! Nessuno riesce a capirlo fino in fondo; a tratti è straordinariamente brillante, come può dunque essere costato miliardi di dollari a se stesso e ai suoi investitori? Blaterando...

  • La convergenza IT/OT

    La convergenza tra Information Technology e Operational Technology è un percorso di trasformazione in continua evoluzione. Esaminiamo qui i driver chiave, le sfide e le prospettive future di tale convergenza nel panorama delle ‘fabbriche intelligenti’ La convergenza...

  • Soluzioni di cybersecurity per reti OT

    Prodotti e soluzioni che permettono di proteggere le reti OT (operations technology) industriali della fabbrica, i sistemi Scada e ICS da attacchi malevoli e dai cyber criminali Dalla teoria alla pratica: vediamo quali sono le soluzioni disponibili...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS, focalizzandoci sull’automazione dei sistemi di monitoraggio e sull’uso dell’intelligenza artificiale Le infrastrutture operative (OT), i sistemi di controllo industriale (ICS)...

  • È importante mettere in sicurezza un sistema embedded?

    Cercheremo di illustrare alcuni potenziali vettori di attacco, i metodi che potrebbero essere impiegati dagli hacker per compromettere un dispositivo IoT/IIoT, i metodi di cifratura asimmetrica e simmetrica e le tecniche di hashing Da quando i primi sistemi...

  • Rfid Global ad A&T 2024: acquisire il dato con l’Rfid per abilitare l’IoT

    Rfid Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi Rfid, NFC e Bluetooth Low Energy, sarà presente alla fiera A&T di Torino, l’evento dedicato alle tecnologie per l’industria (produzione e logistica) in scena al Lingotto dal 14 al...

Scopri le novità scelte per te x