L’UE rilascia il Water Security Plan, obiettivo cybersecurity nei sistemi di approvvigionamento idrico

Pubblicato il 24 gennaio 2022

La protezione delle infrastrutture critiche deve diventare una priorità per gli operatori e le istituzioni: la consapevolezza è fondamentale, ma secondo Chris Grove Product Evangelist di Nozomi Networks è necessario identificare strumenti e processi adeguati.

Il Centro comune di ricerca della Rete europea di riferimento per la protezione delle infrastrutture critiche (Erncip) ha rilasciato il suo Water Security Plan, sotto forma di un manuale che si occupa dell’attuazione delle misure di sicurezza per contrastare possibili azioni ostili contro l’integrità fisica e informatica dei sistemi di approvvigionamento idrico.

Il manuale fornisce una base dettagliata per la creazione e l’implementazione di un piano di sicurezza per i sistemi di acqua potabile, supportando gli operatori dei servizi idrici con le informazioni e gli strumenti necessari oltre a indicare una serie di elementi chiave per adottare misure specifiche per migliorare la protezione del sistema idrico da minacce pericolose.

Si tratta di un importante passo avanti verso la protezione delle infrastrutture critiche, come riconosce Grove.

“Il Water Security Plan Implementation Manual for Drinking Water Systems adotta un approccio in qualche modo nuovo e coordinato per migliorare la posizione di sicurezza dell’approvvigionamento idrico dell’UE, unendo i rischi tecnici a quelli fisici, affrontando il problema e prendendo in considerazione entrambi.

Alcune delle raccomandazioni potrebbero essere affrontate più efficacemente sfruttando approcci basati su standard esistenti, come ISO, IEC, ISA o altre best practice di cybersecurity, accanto ai loro corrispondenti standard del mondo fisico.

Un’area di interesse in cui il piano entra nel dettaglio è relativa ai sensori di traffico di rete. Si tratta di un’indicazione non del tutto centrata però, poiché il traffico di rete in sé, in termini di volume e flusso, non è così importante dato che lo sono maggiormente i comandi effettivi, il flusso di valori (non pacchetti), i valori effettivi e il contesto dei parametri di controllo industriale che vengono impostati. Gli operatori che seguono i consigli del piano potrebbero alla fine andare a caccia di fantasmi, poiché più persone sul posto significa più volume di rete, tra molti altri fattori.

L’obiettivo della sezione è avere immediata visibilità di un’anomalia o di una falla che colpisce i sistemi di controllo industriali e che potrebbe influenzare la produzione di acqua, non la forma e le caratteristiche del traffico generale della rete.  Molti attacchi non generano un volume sufficiente per essere rilevati in questo modo, invece, l’analisi dei protocolli fino ai livelli di payload, l’ispezione del dialogo tra gli apparati e l’audit delle infrastrutture che controllano i processi industriali potrebbero essere le aree in cui investire energie in modo più efficace.

Nel complesso, il piano rappresenta comunque un passo nella giusta direzione e potrebbe essere di beneficio per gli operatori delle strutture idriche non ancora consapevoli delle misure da adottare per garantire la sicurezza dei sistemi idrici pubblici. In particolare, è apprezzabile la possibilità citata di distribuire la responsabilità di mitigazione del rischio tra i suoi costituenti, raccomandando loro di tenere una scorta di acqua potabile di due settimane, cosa che minimizzerebbe l’impatto di un evento, dando agli operatori il tempo di ripristinare.”

Le reti idriche rappresentano un’infrastruttura critica per ogni città e nazione, e come tale devono essere protetti contro attacchi fisici e cyber. Meno di un anno fa, in Florida è stato sventato un attacco informatico che avrebbe di fatto avvelenato il sistema idrico di una città di 15mila abitanti.

 



Contenuti correlati

  • TrendMicro ransomware Italia
    Italia bersaglio del ransomware: colpito il 58% delle organizzazioni

    Il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi tre anni e il 57% del campione ha visto almeno un’altra azienda all’interno della propria supply chain cadere vittima dei cybercriminali. Il dato...

  • Come colmare il gap tra sicurezza e innovazione

    Il concetto di sicurezza è tradizionalmente visto come un ostacolo all’innovazione. I team DevOps vogliono essere liberi di esplorare la propria creatività e abbracciare tecnologie cloud-native, come Docker, Kubernetes, PaaS e le architetture serverless, ma la sicurezza...

  • Scuola e digitalizzazione: il primo Privacy Debate Championship

    Mostrare immagini molto personali o intime di sé è un diritto che va regolamentato e protetto? Non pagare un servizio online ma cedere i propri dati è uno scambio accettabile? Un’AI può essere meglio di una persona...

  • Security Summit 2022: appuntamento a Verona il 4 ottobre

    Attualità dei rischi cyber e nuovi scenari globali e le implicazioni nel Triveneto: questo il tema che raduna manager, professionisti ed imprenditori per il prossimo appuntamento di Security Summit il 4 ottobre presso l’hotel Crowne Plaza Verona...

  • Trend Micro: l’80% delle aziende italiane si sente esposto ad attacchi ransomware, phishing e in ambito IoT

    Il 31% delle aziende italiane afferma che la valutazione del rischio è la principale attività nella gestione della superficie di attacco ma il 54% ritiene che i propri metodi di valutazione del rischio non siano abbastanza sofisticati....

  • Trend Micro ransomware
    Più sicurezza per l’Industrial IoT

    Trend Micro ha raggiunto un ulteriore traguardo nella messa in sicurezza dei progetti IoT e dell’Industry 4.0, in seguito alla firma di un accordo con Pro-face by Schneider Electric. L’Industry 4.0 rappresenta una convergenza radicale delle tecnologie...

  • Il 5G privato vola grazie alla security

    La prospettiva di una maggiore sicurezza e privacy guida lo sviluppo dei progetti di reti wireless 5G private. Lo rivela “Security Expectations in Private 5G Networks: A journey with partners”, l’ultimo studio Trend Micro, tra  i leader...

  • Rockwell Automation sarà presente all’Automation Instrumentation Summit 2022

    Nel corso dell’edizione 2022 dell’Automation Instrumentation Summit, l’imperdibile appuntamento internazionale che si terrà a Milano nell’ultima settimana di settembre, Rockwell Automation illustrerà come le aziende, adottando una serie di best practice e implementando strategie che tengano conto...

  • Clusit premia le migliori tesi del 2021

    “Innovare la sicurezza delle informazioni” è il leit motiv che accompagna dalla prima edizione, 17 anni fa, il Premio Tesi di Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica. Istituito proprio con l’obiettivo della ricerca e dell’aggiornamento continuo...

  • Cybersecurity: un bersaglio in movimento

    L’espansione della superficie di attacco dei sistemi industriali e l’evoluzione delle minacce informatiche richiedono una continua revisione del programma e delle policy di cybersecurity Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x