Low-code, AI e Workflow: le tre dimensioni del futuro del lavoro

Il low-code da solo non è sufficiente e i dipendenti da semplici esecutori diventano creatori di business

Pubblicato il 3 agosto 2021

Non solo dipendenti, ma creatori. Il cambio di definizione non è solo linguistico, ma segna una svolta epocale. Le persone all’interno dell’azienda non si limiteranno a svolgere un compito ben preciso, apportando magari delle migliorie a livello di pensiero o concetti, ma saranno in grado di poter creare direttamente quegli strumenti o applicazioni che renderanno concrete le loro intuizioni, andando a influenzare direttamente i processi di business e agendo in prima persona sul successo della propria organizzazione e della propria carriera.

Questo sarà possibile grazie all’intreccio di tre dimensioni tecnologiche: il low-code, l’intelligenza artificiale e i workflow.

Oggi si parla molto di low-code, ovvero la possibilità di poter creare app all’interno dell’azienda in maniera facile, senza capacità tecniche tipiche di un professionista IT. Il fenomeno è in costante crescita, tanto che Forrester Research, ad esempio, prevede che entro la fine di quest’anno il 75% degli sviluppatori utilizzerà questa tipologia di piattaforme di sviluppo.

Questa attività è già di per sé una piccola rivoluzione, un’ondata di ulteriore democratizzazione dell’IT che completa un cammino iniziato negli anni ’80 con il passaggio dal linguaggio binario dei microprocessori a quello MS-DOS e l’evoluzione successiva di interfacce sempre più user friendly basate su tastiere e display. Tutti siamo diventati un po’ esperti di IT negli anni, ma la capacità e la possibilità di creare applicazioni e contenuti propri rimarrebbe un’operazione isolata e incapace di portare valore aggiunto in assenza delle altre due dimensioni.

Per creare applicazioni servono strumenti semplici e alla portata di tutti, infatti, ma senza algoritmi in grado di eliminare le complessità e sostenuti dall’intelligenza artificiale e dal machine learning e senza i workflow, che accolgono queste applicazioni, non si potrebbero orientare i destini di un’organizzazione. Il low-code rimarrebbe solo un esercizio. I benefici dell’interconnessione delle tre dimensioni low-code, AI e workflow sono molteplici. Si va da una maggiore capacità di sviluppo a costi inferiori a un incremento decisivo della produttività, passando dalla possibilità di automatizzare un’idea di business in pochi minuti e all’annullamento del digital divide in azienda.

ServiceNow ha compreso da diverso tempo l’importanza di inserire il low-code all’interno di un ecosistema e lo ha messo al centro della sua piattaforma insieme all’AI e ai workflow, unendo così queste tre dimensioni e consegnando nelle mani delle persone uno strumento potente per la creazione di applicazioni di livello consumer che sostengono i processi IT, HR, Customer Service e business in generale. Questo permette alle organizzazioni di passare in pochi istanti dall’idea alla sua realizzazione e distribuzione sul campo, facendo risparmiare i tradizionali mesi di progettazioni e test di nuovi programmi e applicazioni. È come passare da una passeggiata a una corsa.

Il futuro sarà sempre più orientato in questa direzione. E un giorno, molto probabilmente, saremo in grado di creare app solo con l’utilizzo della voce, oppure disegnando. Un altro passo fondamentale nella democratizzazione della tecnologia e dalla sua libera associazione con la fantasia di ogni persona.



Contenuti correlati

  • Sistem Evo

    Le giovani aziende che si affacciano al mondo del mercato sono sempre più mosse da senso pratico, e dalle nuove sfide che offre la tecnologia moderna. Questo mese approfondiamo la conoscenza di ‘Sistem Evo’, la start-up che...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

  • Dalla parte dell’operatore

    IoT, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina, digitalizzazione, flessibilità e scambio dati. Come lo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in importanti alleati per la qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica ‘smart production’? Leggi l’articolo

  • Il futuro del lavoro è ibrido. Come avere successo?

    Settembre 2021, il pianeta continua a lottare per uscire da una pandemia globale che ha duramente messo alla prova il tessuto lavorativo e la sopravvivenza delle aziende. Le organizzazioni si muovono ormai a diverse velocità, a seconda...

  • Big Data e automazione dei processi, Acea si affida a Minsait

    Minsait, società del gruppo Indra, è stata scelta da Acea come partner tecnologico per la gestione digitale dei dati e per l’automazione dei processi. La multi-utility romana ha affidato a Minsait due nuovi contratti relativi alla fornitura...

  • Esperienze psichedeliche e coscienza

    Il risultato di un esperimento condotto sul racconto di stati di coscienza alterati potrebbe ribaltare i rapporti tra la macchina e l’essere umano Leggi l’articolo

  • o9 Solutions a supporto di Pirelli per il digital Integrated Business Planning

    Pirelli e o9 Solutions saranno partner per la trasformazione digitale dell’Integrated Business Planning aziendale. o9, piattaforma basata sull’intelligenza artificiale e machine learning, viene già utilizzata oggi dalla società di pneumatici per la pianificazione strategica di lungo periodo...

  • ServiceNow presenta le nuove soluzioni per il lavoro ibrido che permettono alle aziende di riaprire senza problemi

    ServiceNow, azienda leader nei workflow digitali, annuncia di aver apportato dei miglioramenti alla soluzione Workplace Service Delivery, con l’obiettivo di supportare i dipendenti e i responsabili della logistica in un ambiente di lavoro sempre più ibrido, che...

  • Droni intelligenti ispezionano gli impianti

    I recenti sviluppi nel campo della visione artificiale uniti alla possibilità di utilizzo in combinazione con gli aeromobili a pilotaggio remoto hanno trovato numerose applicazioni nel settore industriale. In particolare, l’utilizzo di droni intelligenti sarà fondamentale in...

  • Digital transformation per i sensori industriali e il T&M

    Strumenti di misura basati sulle tecnologie digitali sono ormai una realtà. Anche in versione indossabile e miniaturizzata, i sensori industriali sono protagonisti della nuova era digitale. In particolare, la strumentazione di test e misura occupa uno dei...

Scopri le novità scelte per te x

  • Sistem Evo

    Le giovani aziende che si affacciano al mondo del mercato sono sempre più mosse da senso pratico,...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il...