Lavoro a distanza: quanto piace lo smart working agli italiani?

Pubblicato il 20 ottobre 2020
smart working

Lavorare da casa è stata un’esigenza dettata dal lockdown vissuto con la pandemia ma, secondo lo studio Workforce of the Future di Cisco, le persone intervistate vogliono mantenere i molti aspetti positivi che sono emersi da questo nuovo modo di lavorare.  La maggiore autonomia (65% in Italia; 63% il dato Emear) e il lavorare bene con i team distribuiti (66% in Italia e coincidente con il dato Emear) sono i due principali benefici.

Workforce of the Future, uno studio commissionato da Cisco e svolto su un campione di 10.000 intervistati in 12 paesi della dell’Europa, Medio Oriente e Russia, ha delineato le aspettative dei dipendenti nei confronti dei datori di lavoro a partire dal 2021. Dallo studio emerge chiaramente che per i dipendenti quello che stiamo vivendo è un momento di svolta che sfida le consuetudini culturali relative al luogo di lavoro.

Sebbene solo il 10% degli intervistati in Italia (15% il dato Emear) lavorasse da casa stabilmente o parzialmente anche prima del lockdown, oggi una stragrande maggioranza spera di mantenere l’autonomia guadagnata.  In ogni caso, l’87% degli intervistati (in linea con il dato Emear), vuole una maggiore autonomia nel definire come e quando lavorare in ufficio – un mix tra lavoro in presenza e lavoro a distanza.

Riflettendo sugli ultimi sei mesi, il 62% degli intervistati (66% il dato Emear) oggi apprezza maggiormente i vantaggi e le sfide del lavoro a distanza. I cambiamenti sono stati positivi, lo conferma il fatto che i responsabili aziendali hanno mostrato una maggiore fiducia nei propri team (il 33% in Italia; il 39 il dato Emear).

Gli intervistati sono riusciti a conciliare meglio la vita lavorativa con quella personale, con il 61% (56% il dato Emear) che è riuscito a fare più esercizio fisico quotidianamente. Similmente, il 48% (58% il dato Emear) vuole continuare a non viaggiare e a utilizzare quel tempo per essere più produttivo.

“Scorrendo i dati della ricerca, mi ha colpito che nonostante le aspettative siano molto elevate non tutti hanno fiducia nel fatto che vengano accolte: il 41% dei lavoratori pensa che il suo datore, dopo la pandemia, non adotterà un’organizzazione del lavoro ibrida – e il 33% non sa rispondere al riguardo” commenta Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia. “Gli intervistati ci parlano di benefici importanti, di desiderio di autonomia, di essere protagonisti del proprio lavoro: le aziende italiane hanno il dovere di ascoltare queste esigenze e di trasformare l’esperienza dell’emergenza in una opportunità per il futuro, con un cambiamento culturale profondo. Con le tecnologie giuste, con le competenze necessarie, con la fiducia si può cambiare il mondo del lavoro mettendo al centro davvero le persone in modo che siano più soddisfatte e produttive”.

Se avessero la possibilità di essere CEO per un giorno, gli intervistati darebbero priorità all’integrazione di metodologie di comunicazione e collaborazione efficaci.

Perché ciò avvenga, secondo l’83% degli intervistati (78% il dato Emear), le aziende devono fornire ai dipendenti la stessa tecnologia a casa e in ufficio. Infatti, il 66% degli intervistati (65% il dato Emear) concorda sul fatto che durante il lockdown un aspetto positivo è stato quello di poter collaborare in modo efficiente pur non essendo nella stessa stanza.

Secondo gli intervistati, le priorità nell’allocazione del budget 2021 dovrebbero essere: investire in tecnologie che permettano di essere più produttivi (42% il dato italiano, 39% quello Emear), dotare gli uffici di tecnologie che rendano più sicuro lo spazio di lavoro da un punto di vista sanitario (31% il dato italiano, 38% quello Emear), aumentare la formazione per lo sviluppo competenze digitali (30% il dato italiano, 32% quello Emear), e incrementare la sicurezza informatica (29% il dato italiano, 30% quello Emear).



Contenuti correlati

  • Le nuove possibilità di smart e remote working

    Il lavoro agile si sta qualificando come principale paradigma del nuovo approccio alla gestione delle imprese di ogni tipo. È causa ed effetto di una nuova visione del lavoro che restituisce alla persona flessibilità e autonomia nella...

  • Mese della sicurezza: ecco la Guida Cisco

    Una “guida” firmata Cisco per rendere Internet un posto più sicuro per tutti. Nello specifico 6 consigli utili, pubblicati in concomitanza con il mese della sicurezza, per far fronte agli attacchi di tipo ransomware messi in atto...

  • Parte “IT Girls” il progetto di formazione di VEM sistemi

    VEM sistemi è lieta di presentare IT Girls, un percorso formativo gratuito altamente qualificante e certificato da Cisco, pensato per avvicinare le giovani alle professioni ICT, particolarmente richieste nel mercato del lavoro. Si tratta di un corso...

  • Il futuro del lavoro è ibrido

    Lo smart working totale imposto dalla pandemia è stato una vera e propria rivoluzione anche per le reti giunte al loro banco di prova Leggi l’articolo

  • 3CX e Snom, una combinazione di successo

    3CX, produttore della pluripremiata soluzione per le telecomunicazioni aziendali, e Snom Technology, marchio premium di telefoni IP per l’uso professionale, intrattengono da oltre dieci anni in una partnership tecnologica e strategica: i prodotti di entrambi i vendor...

  • A SPS Italia 2022, la strategia net-zero di Cisco

    Parliamo di ESG, ovvero di aspetti ambientali, sociali e di governance aziendale. Oggi più che mai, infatti, l’attenzione del pubblico è catalizzata dai temi della sostenibilità, dell’inclusione sociale e dell’etica aziendale. L’automazione in questo scenario può fare molto, sia...

  • Mettere in sicurezza il perimetro aziendale: Bardiani Valvole ha scelto Sophos

    Bardiani Valvole, realtà italiana che opera nel settore della metalmeccanica alimentare, ha scelto Sophos come partner strategico per la cybersecurity. Ha messo così in sicurezza il proprio perimetro aziendale h 24, 7 giorni su 7, attraverso il...

  • Brescia mobilità trasporto pubblico
    Trasporto pubblico intelligente a Brescia grazie all’IoT

    Brescia Mobilità, la società che sviluppa e gestisce l’intero sistema di mobilità sostenibile di Brescia e del suo hinterland, è un’azienda in grado di fornire servizi tecnologicamente avanzati ai propri utenti. Questo grazie al supporto di Project...

  • Super Bowl sicuro grazie alla tecnologia Cisco

    Grazie alla collaborazione fra Cisco e la National Football League – la maggiore lega professionistica nordamericana di football americano (NFL) – il match finale del Super Bowl LVI disputato il 14 febbraio si è svolto senza attacchi...

  • La privacy condizione essenziale per le aziende secondo il Data Privacy Benchmark Study 2022

    La privacy è diventata una condizione essenziale per ogni tipologia di business. A sancirlo è il Data Privacy Benchmark Study 2022, il report annuale di Cisco dedicato alle pratiche sulla privacy adottate dalle aziende di tutto il...

Scopri le novità scelte per te x