La trasparenza tra i protocolli CC-Link IE e Profinet rivoluziona l’interoperabilità globale tra macchinari

Pubblicato il 8 giugno 2017

CLPA e PI sono i creatori dei principali protocolli di rete rispettivamente per l’Asia e l’Europa, e stanno offrendo ai costruttori di macchinari la totale interoperabilità tra CC-Link IE e Profinet. Questa rivoluzionaria specifica è stata presentata lo scorso anno durante la fiera SPS/IPC/Drives ed è stata accolta con grande favore quale primo risultato della collaborazione tra le due organizzazioni che supportano le differenti tecnologie di rete.

La maggiore flessibilità e interoperabilità per gli utenti finali sono i principi base che ispirano la nuova partnership, il cui goal è contribuire al raggiungimento degli obiettivi di Industry 4.0, ovvero un flusso trasparente di informazioni tra diverse macchine e diversi sistemi. Le aziende acquistano i propri macchinari di produzione in tutto il mondo, quindi la nuova specifica intende eliminare le situazioni nelle quali una macchina potrebbe non essere in grado di comunicare con un’architettura di protocollo diversa. Un’integrazione così completa aumenterà la trasparenza tra macchine e reti, a tutto vantaggio della connettività. Questi vantaggi vengono ottenuti grazie a un dispositivo di ‘accoppiamento’, che consente di scambiare facilmente informazioni tra i due protocolli.

I primi prodotti hardware in grado di supportare questa specifica sono attesi sul mercato

Fumihiko Kimura, Presidente CLPA, e Karsten Schneider, Presidente PI. 

nel 2017. Dal primo annuncio della collaborazione nel 2015, lo sviluppo della specifica ha richiesto meno di un anno, il che dimostra l’efficacia della collaborazione tra CLPA e PI mirata a soddisfare le necessità degli utenti. Entrambe le organizzazioni sono convinte di come la realizzazione dei vantaggi offerti da Industry 4.0 richieda la collaborazione tra leader tecnologici del settore.

John Browett, General Manager di CLPA-Europe, commenta: ‘Il principale obiettivo della collaborazione con PI è quello di offrire agli utenti finali e ai costruttori di macchine la massima flessibilità per operare sul mercato globale. Siamo entusiasti di aver annunciato la specifica per il dispositivo di accoppiamento a solo un anno dal primo annuncio della nostra collaborazione, come del resto avevamo pianificato. Stiamo ora lavorando con diverse aziende partner per creare al più presto i dispositivi hardware veri e propri. Questo ci consentirà di offrire direttamente al settore maggiore trasparenza di comunicazione’.

Karsten Schneider, Presidente di PI, aggiunge: ‘Ritengo che CLPA e PI siano realmente agendo quale modello ispiratore per la collaborazione mirata a fare della visione di Industry 4.0 una realtà. La collaborazione è una componente fondamentale dell’IoT industriale: per questo la stretta cooperazione tra diverse organizzazioni, come nel nostro caso, può offrire realmente tali vantaggi agli utenti finali’.



Contenuti correlati

  • La birra si affida all’IIoT

    Grazie alle soluzioni di PTC e alle funzionalità cloud offerte da Microsoft Azure, Carlsberg è stata in grado di sviluppare, scalare e distribuire una serie di applicazioni IIoT lungo tutti i suoi 28 stabilimenti dislocati nel mondo....

  • Piattaforme IIoT, orientarsi tra soluzioni proprietarie e open source

    Le infrastrutture e le piattaforme di gestione per la IoT industriale costituiscono una fondamentale leva d’innovazione per realizzare la quarta rivoluzione industriale. Non sempre, però, è semplice individuare la soluzione giusta. Di seguito qualche indicazione utile nella...

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • I consumi di potenza in progetti IoT/IIoT

    Qual è il fabbisogno energetico di un tipico dispositivo connesso in modalità wireless? Come si misurano i consumi? Come prevedere, in maniera accurata, quale sarà la durata della batteria? Leggi l’articolo

  • L’indissolubile unione tra reale e virtuale

    La tecnologia del digital twin, integrata ad altre soluzioni come l’IIoT, può portare grandi benefici a livello sia di produzione, grazie alla possibilità di eseguire simulazioni illimitate di macchinari e sistemi, sia di prodotto, aiutando a comprendere...

  • Lorawan nell’industria

    Lo standard Lorawan è una specifica Lpwan (Low Power Wide Area Network) derivata dalla tecnologia LoRa e standardizzata a cura della LoRa Alliance. Recentemente emersa nel settore dei sistemi di comunicazione nel contesto dell’Internet of Things (IoT),...

  • Abilitatore di tecnologie per l’Industria 4.0: Profibus, Profinet, IO-Link e… Omlox

    Il comparto dell’automazione è il contesto di riferimento in cui opera il Consorzio PI Italia, e proprio per questo l’incontro è stato aperto da un’indagine, elaborata da EMG Different, società milanese di ricerca, che si è rivolta...

  • Reti per l’idrogeno

    L’emergente comparto dell’idrogeno rappresenta un ambito dalle grandi potenzialità per l’impiego delle reti Profibus e Profinet Leggi l’articolo

  • CodeMeter al centro della gestione licenze della piattaforma di automazione B&R

    Nel perseguire la loro missione, affinché il mondo dell’automazione industriale diventi gradualmente più sicuro, Wibu-Systems, gli specialisti leader a livello mondiale nel campo della protezione dei beni digitali e della gestione licenze, estendono una collaborazione tecnologica di...

  • Un appuntamento dedicato alla comunicazione industriale organizzato dal Consorzio PI Italia

    Il 17 novembre, presso il Museo dell’Alfa Romeo di Arese, sarà una giornata tutta dedicata ai protocolli di comunicazione industriale con l’evento del Consorzio PI Italia. L’Associazione dal 1994 raggruppa sul territorio nazionale le aziende che condividono...

Scopri le novità scelte per te x