La stampa 3D rivoluziona le suole delle scarpe fashion

Pubblicato il 22 marzo 2022
Prosilas Philipp Plein stampa 3D

Sin dall’inizio della sua avventura imprenditoriale nel 2003, Prosilas ha scelto di non specializzarsi in un settore produttivo particolare preferendo proporsi come service a clienti dei settori più diversi. Così, l’azienda capitanata da Vanna Menco ha mantenuto una flessibilità che si è dimostrata particolarmente vincente quando, nel passaggio da service di prototipazione ad alleato di produzione, è stata commissionata la suola di una scarpa per il brand del fashion Philipp Plein.

Quando è iniziata la collaborazione con Philipp Plein, nel 2020, Prosilas ha abilitato per la prima volta l’utilizzo del materiale gommoso TPU, creando una suola stampata tutta in 3D. L’obiettivo era quella di creare delle capsule collection di calzature estremamente ricercate, dedicate solo a una nicchia specifica della clientela del marchio, con sede a Lugano. Al centro del lavoro non c’era dunque un modello bensì il risultato che si voleva ottenere in termini di prestazioni, adeguando il materiale allo stile e alle preferenze.

Ovviamente, la suola è uno degli elementi cruciali di una calzatura e uno dei più stressati dall’utilizzo. È stato quindi condotto uno studio dettagliato e un profondo lavoro su design e processo per garantirne la replicabilità. Anche per questo motivo, Prosilas ha affiancato l’azienda che avrebbe poi realizzato la calzatura finale, affrontando e risolvendo insieme problematiche specifiche di lavorazione che abitualmente non riguardano chi realizza i prototipi.

Innanzitutto, si è riusciti ad ottenere una suola non piena, bensì a reticolato, completamente fuori dagli standard di un suolificio tradizionale. Si è trattato di un’occasione unica di innovare lo stile grazie alle possibilità offerte dalla stampa 3D. In questo modo, la strada è stata spianata per realizzare pezzi unici, impensabili (o infinitamente più costosi) quando tutto il procedimento di creazione deve passare da uno stampo iniziale.

In un tipo di lavoro come questo si crea un progressivo bagaglio di know how completamente nuovo ma spendibile in tutti gli esperimenti successivi. Così, ad esempio, per le scarpe Philipp Plein, sono state condotte diverse prove sulla tenuta dei colori delle suole, in particolare il bianco – che non deve ingiallire – e il nero – che non deve stingere, quindi non può essere verniciato.

Determinante l’approccio aziendale improntato al problem solving. “Non esistono porte chiuse”, spiega la CEO Vanna Menco, “In questo l’imprinting di mio padre è stato fondamentale, perché – continua – “adora spaccarsi la testa sui problemi” e non a caso guida ancora il reparto Ricerca e Sviluppo. Il nostro passaggio da fornitori ad alleati è stato reso possibile da un know how sviluppato per affiancare il cliente in tutte le fasi della produzione e mettere a sua disposizione l’abilità nella valutazione, oltre alla competenza nella stampa 3D. Così, siamo passati dalla consulenza in fase di prototipo alla consulenza per tutto lo sviluppo del prodotto, mettendo a disposizione anche le conoscenze su specifici passaggi, ad esempio il blend del materiale da utilizzare per ottenere un certo risultato.



Contenuti correlati

  • 3D Systems introduce nuovi materiali ad alte prestazioni

    3D Systems presenta Figure 4 Tough Clear e DuraForm PAx Black, due nuove materiali ad alte prestazioni progettati per soddisfare le esigenze di numerose applicazioni industriali e della stampa 3D. Entrambi i materiali sono stati sviluppati per...

  • I vantaggi della stampa 3D desktop per realizzare stampi a iniezione

    a cura di Marco Zappia, Channel Sales Manager per l’Italia di Formlabs La stampa 3D offre alle aziende molto più di prototipi e rappresentazioni fisiche di modelli CAD. La stampa 3D può complementare e migliorare le tecniche di...

  • 3D Systems e Fleet Space Technologies insieme per produrre antenne a microstriscia per i satelliti

    3D Systems annuncia la collaborazione con Fleet Space Technologies per produrre innovative antenne a microstriscia RF destinate alla costellazione satellitare Alpha. Il design esclusivo di Fleet Space Technologies e le competenze dell’Application Innovation Group (AIG) di3D Systems nel progettare...

  • Stampante 3D industriale Fuse 1+ 30W da Formlabs

    Formlabs annuncia il lancio della stampante 3D industriale Fuse 1+ 30W a sinterizzazione laser selettiva (SLS). Basata sul successo della stampante 3D SLS Fuse 1, la Fuse 1+ 30W integra componenti aggiornati, incluso un laser molto più potente, per rendere...

  • Ultimaker 3D
    Stampa 3D in metallo “smart” con Ultimaker S5

    Ultimaker ha ampliato la propria piattaforma con un Metal Expansion Kit, che rende la stampa 3D in metallo più accessibile e conveniente. Gli ingegneri che utilizzeranno il Kit potranno produrre applicazioni in grado di sopportare elevate sollecitazioni...

  • Formlabs-Marcus-Marienfeld-occhiali
    Occhiali originali e di alta qualità con le stampanti 3D di Formlabs

    Grazie alla scelta di materiali di alta qualità, talvolta insoliti, e alla meticolosa lavorazione artigianale, unita a idee sempre nuove, gli occhiali di Marcus Marienfeld AG si distinguono nettamente dalle montature tradizionali. Un’unicità che è il risultato...

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • 3D Systems DMP Factory 500
    3D Systems sviluppa il grande array di antenne per il satellite OneSat

    3D Systems è stata scelta da Airbus Defence and Space per produrre componenti critici per la novità assoluta del settore: il satellite OneSat. L’Application Innovation Group (AIG) di 3D Systems ha progettato una soluzione di produzione additiva...

  • Tech boys and girls: Manuela Galati

    Manuela Galati, 34 anni, ingegnere meccanico e perito industriale, è una ricercatrice del Politecnico di Torino. A lei, come a ogni ‘ragazza tecnologica’ della nostra rubrica, abbiamo chiesto di raccontarci il suo percorso e i suoi progetti…...

  • Tecnologia additiva HP per la produzione on-demand di occhiali e montature Raleri

    L’industria dell’occhialeria sta registrando una costante crescita grazie anche all’aumento della richiesta di diversi stili e finiture. Le innumerevoli possibilità in termini di design e la libertà di creazione garantite dalla stampa 3D, come ad esempio la...

Scopri le novità scelte per te x