La piattaforma Avalon di Sensia semplifica la trasformazione digitale nel settore Oil & Gas

La piattaforma di automazione e digitalizzazione può aiutare le aziende a trarre valore dalle proprie risorse alla velocità, nella quantità e con il budget che rispondono meglio alle loro esigenze

Pubblicato il 22 agosto 2022

Le aziende del settore Oil&Gas saranno in grado di digitalizzare le loro attività in modo molto più semplice e in base alle loro esigenze attraverso l’uso della nuova piattaforma di digitalizzazione e automazione Avalon di Sensia, una joint venture di proprietà di Rockwell Automation e Schlumberger. La piattaforma cloud native fornisce alle aziende del settore Oil&Gas una soluzione preconfigurata e scalabile per implementare strategie digitali. In questo modo, si possono risparmiare tempo, denaro e problemi rispetto alla creazione di una piattaforma digitale personalizzata, selezionando e integrando di tecnologie di diversi fornitori.

La piattaforma Avalon è una versione aggiornata e rebranded della piattaforma ConnectedProduction di Sensia. La sua funzione continua ad essere la stessa, aiutare le aziende del settore Oil & Gas a risolvere le principali problematiche mediante il collegamento digitale delle loro attività. Tuttavia, la piattaforma è anche stata migliorata per ridurre gli ostacoli della digitalizzazione.

Queste nuove e migliorate funzionalità possono aiutare le aziende nelle attività dall’upstream al downstream:

  • Scalabilità in base alle esigenze. La piattaforma Avalon utilizza moduli che permettono agli utenti di iniziare il loro piccolo o grande percorso di digitalizzazione sulla base di fattori come il budget e le esigenze aziendali. Ad esempio, possono inizialmente focalizzarsi su quegli asset che richiedono maggiori interventi di miglioramento e, quindi, aggiungere moduli al fine di espandere il processo di digitalizzazione ad altre risorse.
  • Semplice implementazione. Per implementare una piattaforma di digitalizzazione creata con tecnologie di fornitori diversi possono essere necessari alcuni giorni, ma la piattaforma Avalon può essere realizzata in poche ore. Tutto questo è possibile perché la piattaforma automatizza gli aspetti del processo di installazione.
  • Riduzione dei costi CAPEX. Un modello Platform as a service (PaaS) permette agli utenti di pagare la piattaforma all’utilizzo usando i budget OPEX. In questo modo, si evita il problema di pagare con fondi CAPEX le iniziative digitali.

“Molte aziende del settore Oil&Gas desiderano digitalizzare le loro attività, ma non sono sicure di quale sia l’approccio migliore”, ha dichiarato Saed Adeli, Product Manager di Sensia. “La piattaforma Avalon costituisce una buona base di partenza. Riduce il rischio e il lavoro offrendo tutte le risorse necessarie per digitalizzare, sia che si inizi con una sola risorsa, sia se si tratti dell’intera azienda. Non sono necessarie diverse piattaforme dati, licenze, accordi di servizio o roadmap tecnologiche che possono creare difficoltà nel corso del tempo, e questo ottimizza i processi richiesti per la realizzazione di una strategia digitale di successo nel settore Oil&Gas”.

La piattaforma Avalon è aperta e neutrale nei confronti dei fornitori e permette agli utenti di implementarla senza la necessità di modificare l’infrastruttura esistente e sfruttare gli investimenti già realizzati nel loro percorso digitale. Inoltre, è possibile migrare le attuali app sulla piattaforma o personalizzarle al suo interno per una specifica visualizzazione o esigenze di avvisi e segnalazione di dati.

La piattaforma è cloud agnostica e gli utenti possono implementarla nel modo che risulta migliore per la loro strategia digitale. Può essere ospitata on-premise o su un cloud pubblico o di Sensia. Gli utenti possono anche partire con una opzione cloud e successivamente migrare a un’altra opzione.
Le misure di sicurezza informatica presenti nella piattaforma aiutano gli utenti a proteggere i loro dati e le loro operatività. Queste misure, come i dati crittografati e la limitazione degli utenti e dei servizi a un minimo di permessi necessari, sono applicati in base a un approccio alla sicurezza a livelli di difesa in profondità.



Contenuti correlati

  • Cybersecurity per l’OT nel 2023: è tempo di passare ai fatti

    Ormai è universalmente noto che le operations che non sono in grado di sostenere tempi prolungati di inattività fisica, come le infrastrutture critiche, l’industria produttiva o le strutture iperconnesse, rappresentano bersagli particolarmente redditizi per i criminali informatici....

  • Le parole chiave per il 2023: Metaverso Industriale, AR/MR, AI e lavoro ibrido sono i trending topic secondo TeamViewer

    Prediction #1: Metaverso Industriale La digitalizzazione del lavoro è stato un tema centrale negli ultimi decenni, ma la digitalizzazione dei processi dei lavoratori cosiddetti frontline (o in prima linea), che si stima costituiscano circa l’80% della forza...

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

  • Flexible Manufacturing Digital Roadshow: lo smart manufacturing secondo Omron

    In questa video intervista tratteremo di innovazione. Durante infatti le tre giornate dell’evento Flexible Manufacturing Digital Roadshow, organizzato da Omron presso la sede di Omron Automotive Electronics Italy a Frosinone, è stato possibile sperimentare le tecnologie e le soluzioni...

  • L’innovativo gateway AS-Interface 3

    L’interfaccia AS-i si è affermata da tempo come soluzione semplice ed economica per l’integrazione di sensori e attuatori sul campo. Ma da quasi 20 anni non sono state apportate modifiche a uno dei componenti più importanti del...

  • Boom per la Digital Transformation in UE: entro il 2027 si sfioreranno i 900 miliardi di dollari di fatturato

    Digitalizzazione e digital transformation vanno di pari passo con gli investimenti: questo è il concetto che emerge da una serie di ricerche condotte sulle principali testate internazionali dell’universo economico. Le prime conferme in merito giungono da Maximize Market...

  • Clusit diventa partner di Cyber 4.0

    Non esiste digitalizzazione senza sicurezza: questa tesi, alla base delle attività di sensibilizzazione, divulgazione e formazione erogate da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, è anche il pilastro su cui si basa la neo avviata collaborazione...

  • Affrontare il futuro con l’agritech

    Quando si parla di connettività, tecnologie IoT e 5G, ma anche digitalizzazione e blockchain, si pensa all’industria di nuova generazione. Tuttavia, le nuove tecnologie hanno già fatto il loro ingresso anche nel settore agricolo Leggi l’articolo

  • Come cambiare le carte in tavola?

    Rapidità e affidabilità, queste le caratteristiche che rendono vantaggiosi e performanti i cambi di produzione, oltre ad aiutare i produttori a ridurre gli errori e a sfruttare una pianificazione proattiva delle risorse. Le proposte di ServiTecno Leggi...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x