La mobilità del futuro è sostenibile, intelligente e automatizzata

Pubblicato il 6 maggio 2021
mobilità sostenibile Indra

Indra sta guidando il progetto spagnolo RDI Mobility 2030, che mira a rendere una realtà la nuova mobilità intelligente, automatizzata e sostenibile superando gli attuali limiti tecnologici per la diffusione massiccia di veicoli elettrici, connessi e autonomi sulle strade, e facilitando la loro integrazione nel nuovo paradigma di mobilità come servizio.

Il progetto permetterà di progredire nella realizzazione di una mobilità sostenibile per il futuro, che sarà più sicura e più rispettosa dell’utente e dell’ambiente attraverso lo sviluppo di nuovi sistemi di bordo dei veicoli, tecnologie infrastrutturali e sistemi di regolazione, analisi, funzionamento e controllo del traffico, con una visione a 360°.

In questo modo, contribuirà al raggiungimento degli obiettivi della mobilità sostenibile per il 2030, sia in Spagna che a livello internazionale, come quelli inclusi negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Infatti, tra gli indicatori quantitativi che misureranno il successo del progetto, sono stati fissati obiettivi specifici, come la riduzione dei tempi di viaggio del 15% o il miglioramento dell’efficienza dei veicoli dell’8%, e le prestazioni di altri sei parametri relativi alla mobilità grazie alla tecnologia all’avanguardia sviluppata in ciascuno dei sei scenari di validazione e valutazione.

Inoltre, grazie all’uso di tecnologie digitali avanzate, come l’IoT, i sistemi di trasporto cooperativi (C-ITS), l’intelligenza artificiale, il deep learning e i big data, è possibile, tra le altre cose, sviluppare soluzioni innovative per rilevare qualsiasi comportamento anomalo in un veicolo autonomo, facilitare il parcheggio autonomo, prevedere le condizioni del traffico, abilitare nuovi metodi di pagamento del pedaggio con tecnologia intelligente e migliorare la gestione dell’autonomia, la ricarica induttiva/wireless e la pianificazione intelligente di flotte e percorsi di veicoli elettrici.

Il progetto, con un budget di 9 milioni di euro e una durata di tre anni, è finanziato dalla prima call del programma Center for the Development of Industrial Technology (CDTI) Science and Innovation Missions, destinato a sostenere intense iniziative strategiche di settore per l’innovazione aziendale in ricerca & sviluppo, con grande rilevanza per le sfide future della Spagna, e in linea con alcuni obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, come la mobilità sostenibile e intelligente.

Indra coordinerà il lavoro delle sette aziende che compongono il consorzio del progetto che, oltre a Indra stessa, sono: Sacyr, Iberdrola, Ficosa, Wall Box Chargers e Disid Corporation, tutte leader nei loro rispettivi settori, così come i dieci centri di ricerca e università partecipanti che provengono da tutta la Spagna.

Indra distribuirà anche la sua piattaforma In-Mova Space per l’integrazione e lo sfruttamento di tutti i dati di trasporto generati nel progetto Mobility 2030. In-Mova Space promuove una mobilità più sostenibile e collaborativa, e facilita lo sviluppo di nuovi modelli di business nel campo della mobilità intelligente.

Tra le linee di ricerca in cui Indra parteciperà ci sono la Intelligent Traffic Technology (ITS) che permetterà il funzionamento sicuro dei veicoli connessi accanto a quelli non connessi, così come i Cooperative intelligent transport systems (C-ITS) che facilitano la comunicazione con i veicoli connessi e autonomi. I sistemi C-ITS faciliteranno la gestione delle infrastrutture e la distribuzione dei veicoli con un livello 4 avanzato di automazione. Indra svilupperà anche nuovi sistemi di previsione del traffico, basati su tecniche di deep learning, includendo l’auto connessa stessa come fonte di informazioni aggiuntive.

Inoltre, l’azienda utilizzerà l’intelligenza artificiale e sistemi Lidar avanzati per la localizzazione dei veicoli nei sistemi di controllo degli accessi, per sviluppare soluzioni per monitorare la guida dei veicoli connessi e autonomi, per rilevare e avvisare la rete di veicoli e il centro di controllo di qualsiasi comportamento insolito o inaspettato derivante da hack o malfunzionamenti. In questo modo, la guida autonoma dell’intera rete sarà arricchita e sarà possibile prevenire scenari di rischio per la sicurezza stradale dal centro di controllo.

Le tecnologie sviluppate nell’ambito del progetto permetteranno lo sviluppo di sistemi avanzati di qualificazione del traffico e di pedaggio per veicoli connessi e convenzionali, che prenderanno in considerazione le diverse caratteristiche di mobilità e consentiranno un modello di tariffazione per promuovere l’uso di veicoli meno inquinanti.

Attraverso l’uso di tecnologie avanzate, come le telecamere 3D per il rilevamento accurato della geometria del veicolo, la connettività del veicolo con l’infrastruttura per il rilevamento del numero di passeggeri, le emissioni, la distanza di viaggio e molto altro, il progetto aiuterà a spostare in avanti l’attuazione di un modello di tariffazione, non solo orientato al veicolo, ma anche ai passeggeri stessi. L’obiettivo è quello di essere in grado di integrare questo costo nella mobilità dei passeggeri in città, in modo che i veicoli connessi e autonomi possano essere considerati come un altro elemento del prossimo paradigma Mobility as a Service (MaaS).

Indra ha eseguito i primi test di guida autonoma sulle strade di Madrid, Lisbona e Parigi nell’ambito del progetto Autocits. Grazie all’esperienza e alle conoscenze acquisite, Indra si è posizionata all’avanguardia nel mercato dei servizi per veicoli autonomi e/o connessi, continuando a lavorare come partner nel Consorzio Nazionale Spagnolo del progetto C-Roads, guidato dalla Direzione Generale del Traffico. In questo progetto, Indra sta sviluppando e implementando soluzioni per centri di controllo, attrezzature stradali e servizi C-Its in progetti pilota a Madrid e Cantabria. Indra sta anche lavorando per aumentare la sicurezza informatica nei veicoli autonomi e connessi nell’ambito dei progetti Secredas e Scott.

Indra ha una vasta esperienza nei Trasporti, con più di 2.500 progetti sviluppati in più di 100 città e più di 50 paesi. La rinnovata gamma di prodotti Indra per i Trasporti, Indra Mova Solutions, copre l’intero ciclo di vita dei progetti dei suoi clienti: dall’ingegneria e la consulenza alla raccolta, funzionamento e controllo, soluzioni di sicurezza e comunicazione, oltre all’esperienza del viaggiatore o ai servizi post-vendita. Combina le nuove capacità digitali e di integrazione, la specializzazione e l’innovazione richieste dal mercato con l’affidabilità di Indra, il know-how aziendale, la tecnologia specifica per i trasporti e l’esperienza unica del suo team di professionisti.



Contenuti correlati

  • Droni intelligenti ispezionano gli impianti

    I recenti sviluppi nel campo della visione artificiale uniti alla possibilità di utilizzo in combinazione con gli aeromobili a pilotaggio remoto hanno trovato numerose applicazioni nel settore industriale. In particolare, l’utilizzo di droni intelligenti sarà fondamentale in...

  • Digital transformation per i sensori industriali e il T&M

    Strumenti di misura basati sulle tecnologie digitali sono ormai una realtà. Anche in versione indossabile e miniaturizzata, i sensori industriali sono protagonisti della nuova era digitale. In particolare, la strumentazione di test e misura occupa uno dei...

  • AI applicata all’industria: un’innovativa soluzione di analisi dei dati in tempo reale per la PMI

    Monitorare costantemente il ciclo produttivo per intervenire subito ed evitare ogni spreco, di tempo, risorse e materie prime e per controllare l’usura dei macchinari. Il tutto grazie all’applicazione di algoritmi di intelligenza artificiale che analizzano in maniera...

  • Segula Mikajaki EyeLib
    Diagnosi oftalmica intelligente e automatizzata con Segula e Mikajaki

    Mikajaki, startup svizzera specializzata in oftalmologia, sta collaborando con il gruppo di ingegneria Segula Technologies per sviluppare la prima serie operativa di EyeLib, un’innovativa stazione diagnostica automatizzata che promette di rivoluzionare la gestione del crescente numero di...

  • cloud SaaS Aras CIMdata
    PLM in cloud per una maggiore agilità e resilienza del business

    CIMdata, società di ricerca a livello mondiale, in collaborazione con Aras, fornitore globale di soluzioni PLM, ha realizzato la ricerca “Leveraging the Cloud for Global Market Success“, un’analisi di come le aziende stanno attualmente utilizzando il cloud...

  • L’Internet of Things in Italia nel 2021 vale 8 miliardi di euro

    L’Internet of Things (IoT) è un contenitore di tanti ambiti applicativi che, messi insieme, nel 2021 in Italia totalizzano un valore di 8 miliardi di euro e la pandemia ha accelerato il processo, prevede GreenVulcano Technologies basandosi...

  • Le tendenze dell’e-mobility

    Nuovi approcci, come l’intelligenza artificiale e la robotica integrata, potrebbero ridefinire i processi di produzione futuri. Ecco sette suggerimenti per le aziende del settore automotive Leggi l’articolo 

  • AI: quante domande

    Se l’Intelligenza Artificiale da una parte promette numerosissimi benefici, dall’altra un’implementazione su larga scala di tali sistemi rischia di portare con sé alcuni pericoli, spesso non visibili, che possono manifestarsi in relazione ai diritti e alle libertà...

  • IDC Canon lavoro ibrido
    Il futuro del lavoro sarà ibrido, collaborativo, sostenibile

    I modelli di lavoro ibridi non spariranno con la fine della pandemia: sono qui per restare anche nel prossimo futuro. La metà degli intervistati in un recente sondaggio condotto a livello globale da IDC ritiene infatti che...

  • Innovazione robotica per rispondere alla sfida alimentare

    La 1ª tappa del percorso di valorizzazione della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa che Universal Robots ha presentato, con un messaggio del ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, lo scorso 14 aprile. Un documento che raccoglie...

Scopri le novità scelte per te x