Margo: come sfruttare gli insight digitali per un’industria più efficiente e sostenibile

L’interoperabilità è la chiave per la trasformazione digitale su larga scala: B&R ha lanciato l'iniziativa Margo per una manifattura più efficiente e sostenibile

Pubblicato il 11 giugno 2024

In qualità di membro fondatore della nuova iniziativa dal nome Margo, B&R sta promuovendo l’interoperabilità aperta ai margini degli ecosistemi di automazione industriale. Ciò segna un altro passo importante verso la visione di soluzioni di automazione aperte e semplici che sfruttano la potenza dell’intelligenza artificiale e dell’IoT industriale per consentire decisioni migliori per industrie più efficienti e sostenibili.

Le fabbriche di oggi generano un’enorme quantità di dati: come trasformare quindi questi big data in decisioni migliori?

Questa è la domanda essenziale a cui rispondono le soluzioni IoT industriale. Dati provenienti da un’enorme rete di ‘cose’ che include ogni sensore e controller su ogni macchina, nonché molti altri sistemi lungo l’intera supply chain.

Le decisioni basate su una comprensione reale e su intuizioni attuabili portano infatti a prestazioni più redditizie e a un uso più efficiente dell’energia e delle materie prime. Più fonti di dati si raccolgono, migliori sono le decisioni che si possono prendere. Per i costruttori e i gestori di impianti e macchinari, ciò significa collegare molti sistemi diversi di diversi fornitori. È questo che rende l’interoperabilità un fattore così decisivo per il successo di una soluzione Industrial IoT.

La gestione di un ecosistema complesso ed eterogeneo di app, dispositivi e piattaforme software di diversi fornitori spesso richiede team di specialisti IT e aggiunge inutili ritardi e costi durante la progettazione e l’implementazione. Ciò è particolarmente vero nel livello edge dell’Industrial IoT, tra i controlli sul campo e le piattaforme basate su cloud, dove i dati provenienti dalle macchine e dalle linee di produzione vengono elaborati e analizzati localmente, vicino alla fonte, spesso utilizzando l’intelligenza artificiale.

Margo

Per garantire questa tanto attesa interoperabilità edge, B&R è orgogliosa di essersi unita a un gruppo di fornitori leader nell’automazione per lanciare una nuova iniziativa open-source chiamata Margo; questa definirà i meccanismi secondo cui i dispositivi edge, le app e il software di orchestrazione interagiscono tra loro.

Mantenere la promessa di interoperabilità di Margo

La grande idea alla base di Margo è consentire ad ogni app edge di essere eseguita su qualsiasi dispositivo edge, di essere gestita con qualsivoglia piattaforma di orchestrazione edge e di essere distribuita su tutte le infrastrutture, sia cloud che on-premise.

“Mantenere questa promessa di interoperabilità in modo moderno e agile è un impegno che guida il nostro lavoro nella creazione di Margo”, afferma Reinhard Achatz, Product Manager per l’IoT industriale e collaboratore di B&R allo sviluppo di Margo. “Ecco perché non stiamo solo sviluppando uno standard, ma anche un’implementazione pratica di riferimento e un kit completo di strumenti per testare la conformità invece di procedure di certificazione complesse e costose”.

GUARDA IL VIDEO

Futuro aperto

L’apertura è il futuro e Margo è un nuovo esempio dell’impegno di B&R verso standard e tecnologie aperti, tra cui OPC UA e OPC UA FX.

Essendo uno standard ampiamente adottato, OPC UA fornisce un framework per l’interoperabilità tra le reti di tecnologia dell’informazione (IT) e di tecnologia operativa (OT), supportando vari modelli di comunicazione per i requisiti del settore.

OPC UA FX estende tutto questo alla comunicazione a livello di campo, consentendo uno scambio di dati senza soluzione di continuità e l’interoperabilità dei dispositivi nei sistemi di automazione.

Margo sarà in grado di sfruttare gli standard OPC UA e OPC UA FX per garantire la compatibilità e facilitare l’adozione di applicazioni di edge computing in ambienti industriali.

Allineandosi a questi standard stabiliti, l’iniziativa può contribuire all’ecosistema più ampio, fornendo un’architettura più solida e flessibile per l’automazione industriale. Man mano che gli ecosistemi aperti crescono e si completano a vicenda, le industrie saranno in grado di affrontare meglio le sfide legate alla disponibilità, all’analisi e alla gestione dei dati, amplificando i miglioramenti in termini di prestazioni ed efficienza.

 

Per saperne di più su Margo

Ospitata dalla Linux Foundation,
un’organizzazione il cui nome è sinonimo di open source,
Margo è guidata da un gruppo fondatore di principali fornitori di ecosistemi di automazione, tra cui:
ABB, B&R, Capgemini, Microsoft, Rockwell, Schneider Electric, Aveva e Siemens.

Clicca qui per maggiori informazioni



Contenuti correlati

  • La potenza dell’acqua usata con efficienza grazie a ifm

    La Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), società energetica con sede in Valle d’Aosta, produce energia elettrica da fonti rinnovabili, sfruttando in particolare la forza dell’acqua. L’energia viene generata principalmente dalle 32 centrali idroelettriche, site nella regione, che...

  • Margo, l’iniziativa di standard aperto per l’interoperabilità proposto da ABB

    Ospitata dalla Linux Foundation e guidata da un gruppo fondatore di fornitori di soluzioni di automazione industriale, tra cui ABB Process Automation e ABB Machine Automation (B&R), l’iniziativa denominata Margo mira a sbloccare l’interoperabilità all’edge, uno strato...

  • Le reti industriali nell’Era dell’Edge Computing, del 5G e della cybersecurity

    I fattori trainanti delle reti industriali includono Industria 4.0, IIoT, comunicazioni Machine-To-Machine e wireless. Intorno a Edge Computing, 5G e Cybersecurity si stanno giocando le sfide più interessanti. Leggi l’articolo

  • Estrarre gas, petrolio e informazioni dalla IoT

    Un’azienda innovativa nel settore delle trivelle e delle attrezzature petrolifere, Drillmec, ha utilizzato la tecnologia IIoT di PTC per sbloccare potenti informazioni. La piattaforma ThingWorx supporta una nuova generazione di servizi di assistenza e di progettazione tecnica...

  • B&R a SPS Italia 2024: innovazione, compattezza e intelligenza artificiale al centro

    B&R sarà tra i protagonisti di SPS Italia, la manifestazione dedicata all’automazione industriale che torna dal 28 al 30 maggio a Parma. Questa sarà l’occasione ideale per presentare, in anteprima nazionale, le numerose e interessanti innovazioni tecnologiche...

  • Speciale CLPA 2024: tutti i vantaggi offerti da CC-Link IE TSN

    L’Industria 5.0 punta verso l’interconnessione e una produzione data driven: in questo contesto le reti industriali assumono un ruolo cruciale per garantire una comunicazione dati efficiente, affidabile, sicura. Lo standard CC-Link IE TSN supporta al meglio la...

  • Sensori, sempre più intelligenti

    Industria 4.0, digitalizzazione e IIoT stanno facendo rapidamente evolvere il mondo dei sensori, che diventano sempre più ‘intelligenti’ e capaci di rilevare innumerevoli parametri da macchinari e impianti Con l’avvento del paradigma 4.0, la digitalizzazione dei processi...

  • IIoT ed Edge Computing: con Beckhoff c’è più gusto

    Per la gestione in tempo reale dei dati di produzione, illycaffè si è affidata alle tecnologie IIoT e all’edge computing di Beckhoff. I dati di processo e i dati sulle prestazioni di linee e impianti sono raccolti...

  • Consolidare i dati: la chiave del successo

    Come è possibile realizzare moderne applicazioni IoT tramite un’integrazione dati sicura e centralizzata? Lo spiega Softing Per le aziende che operano a livello globale, i dati operativi consolidati sono un fattore chiave per la gestione delle macchine,...

  • Ricavi? Si parte dall’AI

    Il settore industriale guida l’avanzamento nell’utilizzo dell’AI per incrementare efficienza e competitività. Clea di Seco permette agli sviluppatori il controllo sul flusso dei dati, dalla raccolta all’archiviazione Nel contesto delle applicazioni IIoT, l’evoluzione verso modelli di ricavo...

Scopri le novità scelte per te x