Intelligenza artificiale vs lavoro: quanto si piacciono?

Pubblicato il 27 aprile 2018

Le grandi aziende vedono nell’Intelligenza Artificiale e nella Business Analysis una nuova via per far crescere il business. Ma il mercato del lavoro e delle risorse umane quanto è in grado di rispondere a tale esigenza? E l’offerta dei professionisti specializzati in tale ambito?

I settori di applicazione sono vari: si parte da quelle che sono tutte le branche dell’informatica al campo delle diagnosi mediche, dal settore dell’energia, soprattutto in ambito rinnovabili dove c’è un grosso focus sull’ottimizzazione che riguarda la gestione e la distribuzione dell’energia, fino al mondo delle discipline artistiche. A questi si aggiunge anche il settore delle telecomunicazioni dove il Machine Learning viene applicato sia al mercato del traffico voce, per individuare frodi telefoniche, e sia al mercato dati per bloccare attacchi informatici in transito in internet.

VueTel, azienda italiana specializzata in Telecomunicazioni con focus nel Nord Africa e in Africa Sub Sahariana, si sta muovendo proprio verso questa direzione dotandosi al suo interno di professionisti competenti in tale ambito, con lo scopo di sviluppare sistemi antifrode basati su principi di intelligenza artificiale applicati alla gestione delle comunicazioni voci e dati internazionali. “Machine Learning e Intelligenza Artificiale sono strumenti in grado di ottimizzare le scelte operative che ogni giorno si devono affrontare per lo sviluppo del business. Sono strumenti che aiutano l’uomo a migliorarsi e a migliorare, ma che non lo sostituiscono. La grande mole di dati viene classificata in base alle variabili d’interesse e da queste analisi si ottengono soluzioni precise e puntuali, con risparmio di tempo, risorse e margini d’errore ridotti”, spiega Fulvio Picecchi, Chief Operating Officer in VueTel.

Secondo l’Accenture Technology Vision 2017, il report di Accenture che analizza l’evoluzione della tecnologia dei prossimi tre anni sulla base di uno studio condotto tra esperti ed executive aziendali di tutto il mondo, l’Intelligenza Artificiale potrebbe raddoppiare il tasso di crescita delle economie sviluppate (tra cui l’Italia) entro il 2035 e aumentare la produttività del lavoro con incrementi fino al 40%. Una conferma arriva anche da una ricerca di Oxford Economics condotta su 500 CIO mondiali di cui 318 europei: il 48% del campione ha rivelato che la propria azienda utilizza già strumenti di machine learning, mentre il 42% sta pianificando una loro adozione.

Quello del Machine Learning è un settore che offre opportunità lavorative significative – commenta ancora Picecchi – Le aziende che stanno innovando, lo stanno in gran parte facendo proprio su questo tipo di tecnologia. C’è quindi una grande necessità di figure professionali specializzate in questo tipo di intelligenza artificiale che si studia da molti anni in ambito accademico, ma la cui applicazione reale nel mondo del lavoro è recente. I professionisti esperti in questo ambito sono pochi. Il settore offre diverse opportunità e potenzialità per i giovani che hanno deciso di intraprendere questo percorso e l’ambito delle telecomunicazioni è promettente. Oggi infatti gli operatori di telecomunicazioni si trovano a fronteggiare numerosi attacchi da parte di hacker che producono ingenti danni sia sotto il profilo economico sia sotto il profilo della qualità del servizio. Figure professionali specializzate in Machine Learning possono intervenire là dove i sistemi tradizionali degli operatori non sono in grado di arrivare, individuando tempestivamente attacchi e frodi al fine di bloccarle a beneficio della qualità del servizio e della sicurezza degli utenti finali”.

Le principali lauree che servono per operare nel Machine Learning sono quelle in Ingegneria Informatica e in Ingegneria dell’Automazione; tra le competenze che si richiedono maggiormente vi sono soprattutto capacità di sviluppo software, conoscenze generali di intelligenza artificiale e nello specifico di Machine Learning, conoscenza del sistema operativo Linux.

Oltre alla capacità di lavorare in team e alla predisposizione al problem solving, una soft skill particolarmente importante è quella dell’intelligenza creativa: la capacità di innovare, proporre cambiamenti, di pensare fuori dagli schemi e creare collegamenti originali possono fare la differenza.



Contenuti correlati

  • Marchesini Group acquisisce il 100% di SEA Vision Group

    Marchesini Group ha annunciato l’acquisizione di SEA Vision Group, realtà nata a Pavia e divenuta leader nella realizzazione di sistemi per la tracciabilità, la raccolta dati e l’ispezione nel settore del confezionamento di prodotti farmaceutici e cosmetici....

  • La robotica e le tecnologie avanzate di Comau per l’e.DO Learning Center di Ferrari

    Comau ha sviluppato tecnologie avanzate e soluzioni didattiche per il progetto educativo “e.DO Learning Center” promosso da Ferrari, con l’obiettivo di offrire un supporto continuo al territorio locale. Il Centro apre oggi presso l’Istituto “Fermo Corni” di...

  • Il grano migliora con l’intelligenza artificiale

    Il pastificio Sgambaro lancia il progetto ‘I Field Good. Tutto filiera liscio’. Obiettivi: qualità del prodotto, aumento della resa, grano da agricoltura sostenibile Leggi l’articolo

  • Il cliente al centro

    Know-how, competenza, qualità e scalabilità delle soluzioni sono le caratteristiche che da sempre contraddistinguono Mitsubishi Electric, permettendole di proporsi al cliente come partner affidabile, in grado di offrire un supporto e un’assistenza di primo livello per ogni...

  • ElisaCare
    Assistenza intelligente per anziani e persone fragili con ElisaCare

    La start-up italiana Sicura Care introduce in Italia ElisaCare, un’assistente familiare digitale dotata di tecnologie di intelligenza artificiale che, nel pieno rispetto della privacy, è in grado di leggere e interpretare le abitudini delle persone anziane, imparare dalle loro routine ed...

  • Siemens al Festival dell’Acqua 2022

    La manifestazione, ideata e promossa da Utilitalia, propone tre giorni di riflessioni e approfondimenti con esponenti della politica, tecnici ed esperti del settore. Il contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici, la digitalizzazione, l’impatto del Piano Nazionale di...

  • Tecnologie digitali per la transizione energetica

    La transizione energetica e la rivoluzione digitale sono due trasformazioni globali, profonde e irreversibili che progressivamente richiedono di essere affrontate con una visione unica, perché si tratta di due facce della stessa medaglia: il digitale è infatti...

  • Sistemi di identificazione e visione per produzioni infallibili

    Nel mondo della produzione, le tecnologie che conferiscono la capacità di riconoscere oggetti o codici in modo automatico sono sempre più richieste, per migliorare le funzionalità autonome e l’efficienza di macchine e impianti. Oggi, tutto il dominio...

  • Siemens socia di ITS Lombardia Meccatronica

    Attiva da oltre 20 anni nel settore “Education” con varie iniziative, nel 2022 Siemens aggiunge un nuovo tassello al suo impegno, divenendo Socia Partecipante della Fondazione “Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le Nuove tecnologie Meccaniche e Meccatroniche”....

  • Il fenomeno “talent shortage” colpisce 3 aziende su 4. Ecco le 5 top soft skill ricercate

    In occasione del Global Talent Acquisition Day, ricorrenza che si festeggia ogni 1° mercoledì di settembre dove viene celebrato il contributo dei professionisti delle risorse umane nell’ambito della ricerca e acquisizione di talenti, le aziende si trovano costrette...

Scopri le novità scelte per te x