Intelligent Inspection di Sick rende il deep learning accessibile

SICK ha implementato l’innovativa SensorApp Intelligent Inspection, una soluzione di visione artificiale basata su Deep Learning per l’intera famiglia di camere 2D InspectorP6xx

Pubblicato il 26 ottobre 2021

L’innovativa soluzione di visione artificiale basata su deep learning, SensorApp Intelligent Inspection di SICK, pensata per l’intera famiglia di camere 2D InspectorP6xx, permette agli utenti di risolvere ancora più facilmente complessi compiti di ispezione, controllo qualità e classificazione per prodotti cresciuti in natura o con forme irregolari, che in precedenza erano difficilmente gestibili con classici algoritmi di visione basati su regole, a causa della loro variabilità intrinseca.

Può essere eseguita direttamente a bordo di tutte le camere 2D della famiglia InspectorP6xx, come semplice espansione della SensorApp Quality Inspection, preinstallata di default. Combinando gli strumenti classici di analisi dell’immagine basati su regole con la nuova potente funzionalità di classificazione basata su deep learning, agli utilizzatori di Intelligent Inspection si aprono nuove possibilità di automatizzare operazioni di ispezione complesse, che finora non erano possibili.

Applicazioni di visione che sfruttano l’intelligenza artificiale possono ora essere predisposte facilmente ed eseguite sull’intera gamma dei sensori di visione InspectorP6xx di SICK. Il nuovo, ultracompatto InspectorP61x è attualmente il più piccolo sensore di visione in cui gli algoritmi di Deep Learning eseguono direttamente a bordo del dispositivo, ma le possibilità di un’ispezione intelligente si estendono a tutta la famiglia, fino al robusto InspectorP65x, che garantisce risoluzione particolarmente elevata e campi inquadrati più ampi.

Classificazione di IA pratica e accessibile
Applicazioni, per le quali finora era molto difficile ottenere controlli qualità robusti e ripetibili, possono ora essere risolte grazie alla Intelligent Inspection SensorApp di SICK in modo semplice e con elevata affidabilità. In tal modo anche operazioni di analisi di oggetti che presentano caratteristiche variabili risultano semplici e accessibili. Tra queste vi sono, per esempio, applicazioni complesse come la verifica dell’orientamento di assi di legno mediante il rilevamento della struttura ad anello annuale, l’ispezione di superfici altamente riflettenti, che cambiano aspetto a seconda dell’incidenza della luce, la classificazione di oggetti con caratteristiche intrinsecamente variabili, come gli alimenti o le saldature.

Fredrik Nilsson, responsabile della Business Unit Machine Vision di SICK, spiega: “Estendendo la Intelligent Inspection SensorApp a tutte le telecamere InspectorP6xx di SICK, gli utenti possono selezionare il sensore di visione con le caratteristiche più adatte, in termini di dimensione, risoluzione, ottiche ed illuminazione, per acquisire un’immagine ottimale e poi implementare facilmente ispezioni di visione complesse grazie all’Intelligenza artificiale. Gli utenti vengono guidati attraverso un processo intuitivo che, nel cloud, insegna al sistema attraverso immagini di esempio come distinguere fra oggetti conformi e non conformi, istruendo le reti neurali di SICK specificamente ottimizzate”.

Processo intuitivo passo-passo
Con lo strumento “image collection” della Intelligent Inspection, gli utenti raccolgono innanzitutto immagini esemplificative del prodotto nelle condizioni di produzione reali. Le caricano poi facilmente in dStudio, il servizio digitale di SICK basato su cloud, che permette di eseguire il training della rete neurale. Con un processo graduale, grazie a questo strumento, la rete neurale viene istruita affinché sia in grado di soddisfare i requisiti necessari all’ispezione. All’occorrenza è possibile aggiungere ulteriori immagini, per perfezionare ulteriormente il training.

Non appena l’utente è soddisfatto del risultato, può scaricare la rete neurale istruita dal cloud e caricarla sulla camera InspectorP6xx di SICK, dove potrà prendere autonomamente decisioni, senza che occorra un ulteriore collegamento al cloud. L’inferenza delle immagini viene svolta direttamente nel dispositivo, non occorre quindi nessun PC supplementare. Poiché il training della rete neurale avviene nel cloud, non occorre nemmeno alcun hardware o software aggiuntivo, dedicato a questa operazione. Questo consente di risparmiare tempo e costi durante l’implementazione.

“Poiché l’Intelligent Inspection SensorApp di SICK esegue direttamente sui sensori di visione InspectorP6xx di SICK, non occorre hardware supplementare”, afferma Anders Gibeck, Product Manager Machine Vision 2D di SICK. “Così l’utente è in grado di implementare complesse ispezioni di visione a costi di esercizio notevolmente ridotti. Inoltre, può pensare di automatizzare lo smistamento e il controllo qualità di prodotti, che finora apparivano troppo difficili per sistemi di visione classici. “Ottenere una soluzione perfettamente funzionante è semplice grazie all’apprendimento basato su esempi e all’interfaccia utente facile da utilizzare. All’occorrenza SICK supporta i propri clienti anche offrendo servizi per effettuare studi di fattibilità, messa in servizio e training della rete neurale”.

Gli utenti possono autonomamente istruire una rete neurale sulla base di esempi reali e poi testarne l’idoneità per la propria applicazione, prima di acquistare anche la licenza necessaria all’utilizzo della rete in campo. Inoltre, possono anche utilizzare strumenti convenzionali di elaborazione dell’immagine basati su regole, insieme al Deep Learning, per risolvere le applicazioni. E nel caso in cui non fosse ancora sufficiente, gli sviluppatori che lavorano in SICK AppSpace possono eventualmente aggiungere dei nuovi strumenti custom, risparmiando tempo ed energia per la codifica grazie al meccanismo semplificato di creazione dei plug-in disponibile per le SensorApp SICK Nova.

Sensori di visione Inspector P6xx di SICK
I sensori di visione 2D della serie InspectorP6xx di SICK, configurabili e programmabili, sono concepiti per un uso semplice e versatile, indipendentemente dall’applicazione. Dal minuscolo InspectorP61x al compatto P62x fino al robusto InspectorP65x questa serie offre – una vasta gamma di livelli di prestazione e distanze di lavoro adatte a qualsiasi applicazione. Tutti i sensori InspectorP6xx si contraddistinguono per ottiche di alta qualità e per la potente illuminazione LED integrata. La Quality Inspection SensorApp di SICK è preinstallata e la versatile piattaforma software AppSpace di SICK offre ulteriore flessibilità, quando necessaria.

La famiglia Inspector P6xx di SICK punta sulla sua semplicità di utilizzo sia per principianti sia per esperti, nonché sulla scalabilità del software, che permette di risolvere svariate applicazioni di elaborazione d’immagini 2D. Con l’Intelligent Inspection SensorApp, gli utenti hanno sempre la possibilità di testare i benefici che potrebbero derivare dall’utilizzo di algoritmi di deep learning per la classificazione, in aggiunta ai controlli di qualità già implementati, prima di decidere di acquistare una licenza.



Contenuti correlati

  • ElisaCare
    Assistenza intelligente per anziani e persone fragili con ElisaCare

    La start-up italiana Sicura Care introduce in Italia ElisaCare, un’assistente familiare digitale dotata di tecnologie di intelligenza artificiale che, nel pieno rispetto della privacy, è in grado di leggere e interpretare le abitudini delle persone anziane, imparare dalle loro routine ed...

  • Siemens al Festival dell’Acqua 2022

    La manifestazione, ideata e promossa da Utilitalia, propone tre giorni di riflessioni e approfondimenti con esponenti della politica, tecnici ed esperti del settore. Il contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici, la digitalizzazione, l’impatto del Piano Nazionale di...

  • Tecnologie digitali per la transizione energetica

    La transizione energetica e la rivoluzione digitale sono due trasformazioni globali, profonde e irreversibili che progressivamente richiedono di essere affrontate con una visione unica, perché si tratta di due facce della stessa medaglia: il digitale è infatti...

  • Sistemi di identificazione e visione per produzioni infallibili

    Nel mondo della produzione, le tecnologie che conferiscono la capacità di riconoscere oggetti o codici in modo automatico sono sempre più richieste, per migliorare le funzionalità autonome e l’efficienza di macchine e impianti. Oggi, tutto il dominio...

  • Prevenire è meglio che curare

    L’intelligenza artificiale al fianco della manutenzione predittiva grazie alla soluzione Clea di Seco Leggi l’articolo

  • L’intelligenza artificiale di Ammagamma e il credito di imposta fanno crescere le PMI italiane

    L’intelligenza artificiale è sempre più vicina alla piccola e media impresa. Il credito d’imposta Innovazione Digitale 4.0 offre alle PMI un’occasione concreta per aumentare la competitività e la resilienza, lungo tutta la catena del valore, anche attraverso...

  • Intelligenza artificiale, l’Italia eccelle nella ricerca, ma le aziende restano indietro

    L’intelligenza artificiale è oggi uno dei temi più caldi, a livello macroeconomico mondiale. E l’Italia sta giocando le sue carte, in particolare nel mondo della ricerca. È tra i primi dieci Paesi al mondo in tema di...

  • Il Deep Learning è alla portata di tutti

    La tecnologia Deep Learning comunemente viene percepita come complessa e di non facile applicazione. Ma la realtà non è così e lo spiega Cognex Leggi l’articolo

  • Laser scanner outdoorScan3 per AGV Dynamic Weather Assist di SICK

    Gli arresti dei veicoli dovuti alla scarsa visibilità causata dalla pioggia o dalla neve appartengono al passato grazie alla soluzione di sicurezza intelligente AGV Dynamic Weather Assist di SICK. La soluzione completa, composta dal laser scanner di sicurezza outdoorScan3, dalla...

  • Cervello umano o artificiale?

    L’intelligenza artificiale è sempre più evoluta, un vantaggio per salute e lavoro ma attenzione a non considerarla ‘umana’ Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x