Industria 4.0 e IoT: connessioni Wi-Fi ‘fatte per restare’

Intervista a Gianfranco Silvestri, responsabile per l’Italia di Aerohive Networks, sulla convergenza IT e OT e le ultime 'frontiere' del Wi-Fi

Pubblicato il 23 ottobre 2017

Oggi si parla sempre più di Industria 4.0 e della convergenza fra il mondo IT e OT (Operations Technology), convergenza e integrazione che vanno realizzate anche e soprattutto a livello di rete.

Domanda: Come vede questo ambito di business Aerohive Networks?

Gianfranco Silvestri, responsabile per l’Italia dell’azienda: “IoT e Industria 4.0 sono ormai una realtà. Si tratta di nuove modalità di comunicazione e gestione del business, e soprattutto della produttività, arrivate ‘per restare’. Connettere strumenti e dispositivi non è più una ‘faccenda’ da IT, bensì una necessità primaria per tutti i dipartimenti aziendali, nessun settore industriale escluso. Faccio un esempio: nel mondo retail, i sistemi wi-fi sono utilizzati ampiamente non solo per connettere i dispositivi utilizzati dagli utenti, come i salvatempo, per evitare le code in cassa, ma anche dall’R&D e dal marketing. I dispositivi localizzati nelle corsie, per esempio, offrono informazioni realtime sulla pedonalità degli utenti in store. Per tornare al mondo manifatturiero, gli strumenti che Aerohive Networks può offrire sono legati alla gestione del quotidiano”.

Domanda: Quali soluzioni proponete in un’ottica di smart manufacturing?

Silvestri: “Il manifatturiero ha l’esigenza di collegare in maniera veloce, facile e affidabile apparati che ormai viaggiano con collegamenti wi-fi. Le nostre soluzioni sono utilizzate in grandi magazzini, dove la localizzazione e la distribuzione del materiale viene eseguita da robot intelligenti connessi in wi-fi. Automatizzare tutto, collegando in modo veloce e affidabile i macchinari, è l’unico modo perché, per esempio, un articolo ordinato oggi, sia in consegna il giorno dopo o per aggiornare velocemente da remoto una macchina di produzione.

Le ‘fabbriche intelligenti’ hanno bisogno di tre cose quando parliamo di connettività: velocità, sicurezza, affidabilità. La mancanza di una di queste caratteristiche incide pesantemente sulla produzione e sull’immagine che dell’azienda hanno i clienti. Inoltre, in un ambiente produttivo, dove si muovono macchine, persone e dispositivi, anche fuori dalla fabbrica, è importante rendere sicuri i collegamenti: il brevetto ‘Ppsk – Personal pre shared key’ rende possibile impostare una password personale per ogni dispositivo portando la sicurezza ai massimi livelli. Infine, smart manufacturing significa elevato grado di connettività: non si possono lasciare zone scoperte, e questo è il nostro concetto di ‘non stop wireless’. Inoltre, la tecnologia Aerohive non ha un controller singolo, bensì distribuito in tutti i punti di accesso della rete”.

Domanda: Quali soluzioni proponete in un’ottica di smart manufacturing?

Silvestri: “Sicuramente la complessità dell’implementazione, nei termini di come e dove intendo installare gli access point. Normalmente, quando si procede con lo studio di un progetto di connettività, sia esso fisso o wi-fi, è necessario prendere in considerazione diversi fattori, quali: i materiali in uso nei locali, l’altezza relativa a dove voglio andare a posizionare il dispositivo, la presenza di macchinari, la temperatura (troppo freddo? troppo caldo?) e così via. I nostri apparati sono certificati per l’utilizzo in ambiente industriale, diciamo che sono ‘made to resist’.

Altro fattore critico è riuscire a offrire la flessibilità nella gestione delle connessioni: a volte i siti produttivi sono localizzati in luoghi difficilmente accessibili. È dunque fondamentale che i sistemi per la connettività scelti siano in grado di offrire la gestione dello stesso tipo di autenticazione su più impianti (installazione multi-sede e multi-impianto): in pratica, significa rendere automatico il log in a persone e apparati che si muovono da una location all’altra”.

Domanda: Relativamente alle soluzioni wireless: cosa pensano i vostri clienti? Sono dubbiosi o si affidano volentieri al wireless oggi?

Silvestri: “Assolutamente no e lo dimostra il fatto che oltre il 70% del nostro fatturato globale arriva da clienti attuali. Significa che godiamo di massimi livelli di fiducia e affidabilità. In generale, posso confermare che ormai affidarsi a sistemi di connettività wi-fi, proprio per l’affidabilità che hanno dimostrato nel tempo, rientra nella normalità.
Poi naturalmente, ci sono tutta una serie di sistemi disponibili da seguire come, per esempio, l’uso dei certificati digitali che le aziende (tipicamente le grosse aziende) usano per evitare che qualcuno si possa loggare senza avere l’autorizzazione”.

Domanda: Quali sono i contesti industriali nei quali avete operato?

Silvestri: Manifatturiero, retail (grandi magazzini che necessitano di tecnologia wi-fi), hospitality e sanità“.

Domanda: Quali obiettivi si pone la vostra azienda in Italia?

Silvestri: “Al momento siamo focalizzati sul mondo enterprise, dove ci confrontiamo con grossi player quali come Cisco e HP Aruba. Altri mercati importanti per Aerohive sono il retail e l’hospitality (alberghi, ristoranti, bar), data la crescita dell’offerta di connettività Wi-Fi ai clienti quando si trovano in negozio o nelle camere degli hotel.

Le piccole medie imprese, che hanno necessità di implementare una soluzione per la connettività a costi sostenibili rappresentano un altro settore interessante. Abbiamo lavorato molto sui prodotti, ampliando il portfolio con soluzioni che siano in grado di rispondere alle reali esigenze delle aziende e tutti quelli citati sono mercati, che cerchiamo di aggredire con la nostra nuova soluzione Aerohive Connect e alla famiglia di access point AP 150″.



Contenuti correlati

  • Nuove tecnologie wireless nell’industria

    Dall’industrial 5G al wi-fi 6, la tecnologia delle applicazioni wireless industriali avanza insieme alla necessità di una rete più flessibile, al fine di soddisfare le esigenze delle applicazioni IIoT che stanno guidando le innovazioni della comunicazione wireless...

  • Un ‘mix’ di reti

    Nelle sue ‘Top Strategic Technology Predictions 2023’ Gartner affronta diversi aspetti dell’evoluzione tecnologica, anche quella delle reti, e dell’impatto che avrà sulle aziende Leggi l’articolo

  • Traffico sotto controllo a Fifa 2022

    Maggiore sicurezza per i pedoni alla Coppa del Mondo Fifa 2022 grazie a 700 sensori di rilevazione del traffico di Flir connessi in wireless Leggi l’articolo

  • Integrazione MES

    L’autore fornisce un’analisi precisa sull’adozione del MES per sistemi logistici di fabbrica e ne presenta i vantaggi Leggi l’articolo

  • Una rivoluzione nei prefabbricati

    Un edificio in condizioni statiche di normale esercizio risente delle tensioni indotte sui suoi elementi strutturali da azioni esterne di normale entità, quali pioggia, vento e neve. Manini Connect è l’innovativo sistema di monitoraggio attivo delle strutture prefabbricate che...

  • Optimal espande il supporto verso i suoi clienti con la sua ultima nomina nel team di Business Development

    Fredrick Okaroh ha un’approfondita competenza nell’elaborazione ed analisi dei dati in tempo reale, che si combina con un’esperienza ultradecennale nello sviluppo di solide relazioni con i clienti in diversi mercati verticali. Negli ultimi cinque anni ha collaborato...

  • Termocamera mobile wireless Flir One Edge Pro

    Flir One Edge Pro di Teledyne Flir è una termocamera wireless per dispositivi mobili. Flir One Edge Pro offre la massima flessibilità per le ispezioni termiche, perché, a differenza dei modelli precedenti, non ha bisogno di essere...

  • Realtà Virtuale per il Virtual Commissioning dei Sistemi Manifatturieri Complessi

    Il Virtual Commissioning permette di simulare il comportamento fisico di macchine e impianti industriali, utilizzando modelli digitali tridimensionali. Con opportuni strumenti di Realtà Virtuale, i tecnici possono immergersi nella simulazione, familiarizzando con le macchine di futura installazione,...

  • Flexible Manufacturing Digital Roadshow: lo smart manufacturing secondo Omron

    In questa video intervista tratteremo di innovazione. Durante infatti le tre giornate dell’evento Flexible Manufacturing Digital Roadshow, organizzato da Omron presso la sede di Omron Automotive Electronics Italy a Frosinone, è stato possibile sperimentare le tecnologie e le soluzioni...

  • Quello che c’è da sapere sull’Intralogistica 4.0

    Una delle sfide di Industria 4.0 riguarda l’evoluzione del settore dell’intralogistica. Solo ponendo al centro dell’innovazione processi digitalizzati, interazione uomomacchina e tecnologie abilitanti si può essere competitivi sui mercati globali, garantendo la massima sicurezza per gli operatori....

Scopri le novità scelte per te x

  • Nuove tecnologie wireless nell’industria

    Dall’industrial 5G al wi-fi 6, la tecnologia delle applicazioni wireless industriali avanza insieme alla necessità di una...

  • Un ‘mix’ di reti

    Nelle sue ‘Top Strategic Technology Predictions 2023’ Gartner affronta diversi aspetti dell’evoluzione tecnologica, anche quella delle reti,...