Il rilancio dell’economia europea passa per Internet: i 6 requisiti proposti da ECO

L'era delle piccole nazioni è finita: nel corso del suo turno di presidenza del Consiglio dell'UE, la Germania intende rafforzare l'Europa digitale. ECO sta elaborando un catalogo in 6 punti relativamente ai requisiti del settore Internet per il rafforzamento dell'Europa quale entità digitale unica

Pubblicato il 23 giugno 2020

Internet, con tutto il mondo che gli gira attorno, sta acquisendo crescente importanza per l’economia nel suo insieme. Internet promuove la creazione di valore anche in altri settori e garantisce quindi la capacità di innovazione dell’Europa come zona di attività commerciale. In quanto tale, l’industria di Internet è un importante motore dell’economia generale europea. L’economia europea nel suo insieme a lungo termine trarrà beneficio da un settore Internet forte.
Per garantire che anche l’industria europea di Internet si riprenda rapidamente dalle conseguenze dell’attuale crisi causata dal Covid-19, è fondamentale dare fin d’ora giusto corso alla politica economica futura.

Oliver Süme, presidente del consiglio di ECO

“Quando si tratta del rilancio dell’economia europea, i classici pacchetti di stimolo economico non bastano; l’UE deve migliorare strutturalmente la propria competitività digitale” ha affermato il presidente del consiglio di ECO, Oliver Süme, nel corso di un recente convegno da remoto. L’associazione ECO, con oltre 1.100 aziende associate, è la più grande del settore Internet d’Europa.
Dal 1995, ha svolto un ruolo chiave nel dare forma alla rete, promuovendo nuove tecnologie, creando condizioni quadro e rappresentando gli interessi dei suoi membri all’iunterno della politica e nei comitati internazionali. Gli obiettivi principali dell’associazione sono l’affidabilità e il rafforzamento dell’infrastruttura digitale, la sicurezza IT, la fiducia e della digitalizzazione orientata all’etica. Per questo motivo, ECO promuove la creazione di una rete Internet high-performance, libera e neutrale dal punto di vista tecnologico.

“L’Europa deve urgentemente rinnovare la propria digitalizzazione. Al fine di rendere le catene di creazione di valore europee “a prova di crisi” e rafforzarle in un’ottica di lungo termine, sono necessarie riforme urgenti fin d’ora nei settori dell’istruzione digitale, delle infrastrutture digitali, della sicurezza IT e della protezione dei dati. Inoltre, è necessario smantellare le attuali frontiere interne virtuali all’interno dell’UE, ampliare i programmi di sostegno digitali dell’UE e creare condizioni di parità per le start-up e le PMI “.
Süme continua a esprimere la sua aspettativa che la Germania si impegni fortemente durante la presidenza del Consiglio dell’UE per colmare le lacune politiche in questi settori e rafforzare la digitalizzazione a lungo termine a livello dell’UE.

Al fine di portare avanti i principali progetti e obiettivi digitali, ECO ha chiesto di creare una tavola rotonda paneuropea permanente sulla “digitalizzazione”, composta da rappresentanti nazionali del settore tramite delegati dell’associazione.
Per segnare l’inizio della presidenza tedesca del Consiglio dell’UE, l’associazione ECO ha anche redatto un catalogo di requisiti in 6 punti, che contiene gli obiettivi e le condizioni più importanti per un mercato digitale europeo forte e unico:

1. Espandere i programmi di finanziamento digitale per rafforzare la ricerca, l’innovazione e la competitività
Il finanziamento di programmi quadro dell’UE come Horizon Europe, che inizierà il prossimo anno, deve essere ulteriormente ampliato per garantire l’avanzamento della digitalizzazione in Europa. L’attenzione qui dovrebbe essere focalizzata sui temi dell’intelligenza artificiale, della mobilità, dell’industria, della produzione, della salute, dell’educazione digitale e della competenza dei media, nonché della protezione e sostenibilità del clima. Una politica di finanziamento più semplice e non burocratica può anche fornire i giusti incentivi ai gruppi target nel settore delle piccole e medie imprese (PMI) per essere più entusiasti della digitalizzazione e per portare avanti la trasformazione digitale in modo sostenibile.

2. Stabilire e standardizzare livelli affidabili di protezione IT e sicurezza dei dati a livello europeo
L’UE deve garantire che gli Stati membri attuino e applichino il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) in modo uniforme e coerente. Il GDPR ha creato le basi per una protezione uniforme dei dati in Europa. Qualsiasi frammentazione della protezione europea dei dati deve essere evitata. L’ambito della sicurezza IT e delle tecnologie di sicurezza IT deve essere ampliato e promosso. Inoltre, l’UE deve garantire un approccio paneuropeo nella lotta contro le minacce informatiche. Ciò include anche un approccio cooperativo alla gestione del contenuto di odio e della disinformazione, la cui responsabilità non dovrebbe essere imposta unilaterale al settore, ma che – in misura uguale – dovrebbe coinvolgere il pubblico.

3. Gestire le infrastrutture digitali e la sovranità digitale in modo proattivo su una base paneuropea
Ai fini dell’ulteriore digitalizzazione e competitività dell’UE, le infrastrutture Gigabit ad alte prestazioni e le moderne reti mobili devono essere disponibili in tutta Europa e rafforzate in tutti le nazioni. Un ecosistema di infrastruttura digitale funzionante comprende data center ad alte prestazioni, scambi Internet, infrastrutture cloud e provider di co-location. Le infrastrutture digitali ad alte prestazioni costituiscono gli elementi chiave della digitalizzazione. L’UE deve pertanto sviluppare una strategia coerente per garantire la sovranità digitale europea sulla base di infrastrutture digitali ad alte prestazioni. Gli attuali piani per rafforzare la sovranità digitale in Europa attraverso progetti cloud come GAIA-X dovrebbero quindi essere ulteriormente inequivocabilmente promossi a livello europeo.

4. Rimuovere i confini interni virtuali e garantire il libero traffico di dati all’interno dell’UE
In linea di principio, all’interno dell’UE deve essere possibile offrire i propri servizi – compresi gli appalti pubblici – più facilmente da qualsiasi Stato membro. È necessario creare condizioni quadro adeguate per i fornitori di servizi e gli operatori di infrastrutture digitali, anche per rafforzare la posizione dell’Europa come sede digitale nella concorrenza internazionale. Altre aree, che sono ancora fortemente frammentate e chiaramente modellate dalle normative nazionali nei rispettivi Stati membri, come il diritto europeo dei consumatori o il diritto d’autore, devono essere ulteriormente standardizzate in linea con il concetto di mercato unico digitale.

5. Creazione di standard minimi a livello europeo per i concetti digitali di insegnamento e apprendimento
Un’economia e una società caratterizzate da automazione, digitalizzazione e networking richiedono un sistema di istruzione e formazione IT completo che tenga conto nello stesso modo delle prospettive tecniche, socioculturali e relative alle applicazioni. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario stabilire degli standard minimi per l’insegnamento delle competenze nel campo dell’educazione digitale in tutta Europa. Di conseguenza, il personale docente di tutti i sistemi scolastici e universitari in Europa deve essere istruito e specializzato. Inoltre, l’infrastruttura IT delle aule scolastiche e universitarie di tutti gli stati federali deve essere ampliata, e altrettanto gli investimenti in attrezzature tecniche. Gli studenti, gli apprendisti e gli studenti di oggi sono i professionisti di domani e le competenze digitali consentono loro di partecipare ai futuri sviluppi economici e sociali. La formazione IT continua dovrebbe mirare ad applicarsi in tutti i settori e includere la generazione odierna di dipendenti. “Digital Education made in Europe” è la garanzia di una fornitura sicura di specialisti IT in Europa e per l’Europa come sede di attività orientata al futuro.

6. Creare condizioni di parità per le start-up e le PMI
Le start-up e le piccole e medie imprese (PMI) stanno attualmente affrontando importanti sfide nel mercato interno dell’UE. Al fine di creare condizioni di parità, i loro bisogni e problemi dovrebbero pertanto essere meglio considerati nelle proposte legislative. Numerose iniziative legislative verticali recenti nel settore digitale non hanno adeguatamente rispecchiato le loro esigenze e si sono concentrate sulle società globali e sul loro potenziale tecnico e finanziario (copyright, contenuti terroristici online, regolamentazione P2B, ecc.).



Contenuti correlati

  • Il mondo del retail sta vivendo un’inarrestabile evoluzione e si trova ad affrontare forti pressioni dettate da fattori che fino a poco tempo fa erano imprevedibili: l’aumento dei costi di produzione e delle materie prime, i rincari...

  • Realtà Virtuale per il Virtual Commissioning dei Sistemi Manifatturieri Complessi

    Il Virtual Commissioning permette di simulare il comportamento fisico di macchine e impianti industriali, utilizzando modelli digitali tridimensionali. Con opportuni strumenti di Realtà Virtuale, i tecnici possono immergersi nella simulazione, familiarizzando con le macchine di futura installazione,...

  • Per adeguarsi all’AI Act, costi inferiori alle aspettative

    La maggiore regolamentazione imposta dal nuovo quadro normativo sull’Intelligenza Artificiale in Europa con l’AI Act comporterà un aumento dei costi di conformità per le PMI che sviluppano, utilizzano, importano e rivendono soluzioni di AI, dovute a diverse attività, dalla...

  • Digitalizzazione e tradizione per una pizza di qualità

    Con la sua proposta di soluzioni intelligenti per l’industria alimentare, Eaton ha supportato il percorso di trasformazione tecnologica e digitale di diverse aziende. Megic Pizza ha scelto le soluzioni di Eaton per automatizzare e digitalizzare il ciclo...

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

  • Flexible Manufacturing Digital Roadshow: lo smart manufacturing secondo Omron

    In questa video intervista tratteremo di innovazione. Durante infatti le tre giornate dell’evento Flexible Manufacturing Digital Roadshow, organizzato da Omron presso la sede di Omron Automotive Electronics Italy a Frosinone, è stato possibile sperimentare le tecnologie e le soluzioni...

  • Boom per la Digital Transformation in UE: entro il 2027 si sfioreranno i 900 miliardi di dollari di fatturato

    Digitalizzazione e digital transformation vanno di pari passo con gli investimenti: questo è il concetto che emerge da una serie di ricerche condotte sulle principali testate internazionali dell’universo economico. Le prime conferme in merito giungono da Maximize Market...

  • Clearbox AI dati sintetici
    Partnership Clearbox AI – BearingPoint per l’utilizzo di dati sintetici nei modelli AI

    I dati sintetici sono oggi tra le principali risorse a disposizione delle aziende per migliorare i processi legati all’intelligenza artificiale e alla gestione del dato. Secondo un’analisi di Gartner, nel 2024 il 60% dei dati utilizzati in...

  • Clusit diventa partner di Cyber 4.0

    Non esiste digitalizzazione senza sicurezza: questa tesi, alla base delle attività di sensibilizzazione, divulgazione e formazione erogate da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, è anche il pilastro su cui si basa la neo avviata collaborazione...

  • Affrontare il futuro con l’agritech

    Quando si parla di connettività, tecnologie IoT e 5G, ma anche digitalizzazione e blockchain, si pensa all’industria di nuova generazione. Tuttavia, le nuove tecnologie hanno già fatto il loro ingresso anche nel settore agricolo Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x