Il report “Kaspersky ICS Security Survey 2022”

Pubblicato il 22 aprile 2022

L’implementazione di soluzioni di sicurezza in un ambiente tecnologico operativo impone alle organizzazioni di trovare un equilibrio tra sicurezza e continuità della produzione. Diversamente, secondo alcune stime, i tempi di inattività non pianificati causati da interruzioni della produzione possono costare alle aziende fino a 260.000 dollari all’ora.

Trovare questo equilibrio può essere difficile e può anche portare alcune aziende a disattivare i loro meccanismi di protezione. La maggior parte degli intervistati a livello europeo (71%) preferisce cambiare i propri sistemi di produzione e automazione per evitare il conflitto, mentre il 60% preferirebbe intervenire sulle impostazioni di sicurezza informatica. Un altro 49% attribuisce la responsabilità al vendor o al provider di sicurezza e preferisce cambiare fornitore per mantenere inalterati i propri processi produttivi.

Una possibile spiegazione ai problemi di compatibilità delle azienderisiede nel fatto che le loro tecnologie operative (OT) o i sistemi di controllo industriale (ICS) sono obsoleti e non possono essere aggiornati. Tra gli intervistati, un’azienda manifatturiera che opera nel settore high-tech in Nord America ha dichiarato: “Il problema principale che abbiamo con OT e ICS è che i nostri dispositivi non possono essere ulteriormente aggiornati. I produttori non forniscono alcun tipo di aggiornamento ai nostri sistemi attuali. Siamo vincolati a piattaforme obsolete vulnerabili”. Infatti, secondo gli intervistati, in media per un’organizzazione industriale è impossibile aggiornare circa un endpoint su sei (17%) nella propria rete OT.

“In passato, i proprietari degli asset ritenevano che i sistemi di protezione e automazione alla base dei processi di core business di un’organizzazione industriale sarebbero rimasti immutati per decenni – per l’intero ciclo di vita delle macchine – con la sola eccezione di occasionali modifiche alle impostazioni“, ha dichiarato Kirill Naboyshchikov, Business Development Manager di Kaspersky Industrial CyberSecurity. “La prassi comune era quella di avviare i sistemi in blocco, eseguire un retesting completo e una nuova messa in funzione nel caso di modifiche. Tuttavia, l’introduzione dei sistemi di automazione digitale di nuova generazione, ha fatto sì che in molti casi ciò non fosse più possibile. Pertanto, sia i sistemi di automazione generici che quelli ultra-specializzati basati su computer dovrebbero essere dotati dei seguenti sottosistemi e strumenti e processi di sicurezza: un sistema di protezione approvato dal vendor, olistico e gestito a livello centrale; monitoraggio permanente della vulnerabilità e scansione della conformità; rilevamento delle intrusioni e delle anomalie di rete; aggiornamento, gestione delle patch e controllo delle versioni”.

Per non compromettere la protezione OT/ICS, Kaspersky raccomanda anche di:

  • Adottare pratiche di cybersecurity di base per la sicurezza OT/ICS, come la segmentazione della rete e il controllo degli accessi, ed eseguire regolarmente audit di sicurezza o test di penetrazione per rivelare eventuali falle critiche nella sicurezza;
  • Migliorare l’awareness generale dei dipendenti in materia di sicurezza per minimizzare il rischio di attacchi dovuti a errori umani. Aumentare le competenze di sicurezza degli ingegneri OT con corsi specializzati può rendere più efficaci le loro iniziative di protezione;
  • Utilizzare un servizio di threat intelligence con database di vulnerabilità per i sistemi di controllo industriale (ICS), come Kaspersky Threat Intelligence Portal. Questo servizio raccoglie informazioni sulle vulnerabilità e sulle misure di mitigazione se le patch non sono ancora disponibili o non possono essere installate a causa di requisiti di continuità del processo, esigenze di certificazione del sistema o problemi di compatibilità;
  • Scegliere soluzioni di sicurezza di efficacia comprovata compatibili con diversi vendor di automazione. Kaspersky Industrial CyberSecurity può essere integrato con più di 30 vendor di sistemi industriali e fornisce una protezione robusta per reti e nodi OT/ICS.

Metodologia

I risultati del report “”Kaspersky ICS Security Survey 2022: The seven keys to improving OT security outcomes”” si basano su un sondaggio condotto tra operatori rilevanti di infrastrutture industriali: grazie a un sondaggio strutturato e somministrato online, sono stati intervistati 306 decision-makers per la sicurezza OT in 17 Paesi (Nord America, America Latina, Europa, Medio Oriente, Africa, Asia-Pacifico e Russia). Le organizzazioni prese in esame avevano 1.000 o più dipendenti.

 



Contenuti correlati

  • L’arma segreta nella corsa per la cybersecurity

    Le imprese hanno adottato ampiamente i data lake come metodo per consolidare le informazioni provenienti da più fonti e migliorare i risultati grazie ad analisi e automazione. I responsabili della sicurezza, di conseguenza, stanno lavorando per allineare...

  • E4 Federico Pinca HPC
    Cybersicurezza nazionale, l’HPC avrà un ruolo chiave

    Federico Pinca, HPC Architect di E4 Computer Engineering, spiega come il calcolo ad alte prestazioni possa giocare un ruolo importante in tema di innovazione e sicurezza Noi che siamo nativi digitali (nati negli anni ‘80) almeno una...

  • Tecnologie per il legno: ancora un ottimo Q1

    II primo trimestre 2022 conferma, pur con sensibili differenze rispetto al precedente, lo stato di buona salute del settore delle tecnologie per l’industria del mobile e la lavorazione del legno. È quanto emerge dalla oramai consueta indagine trimestrale realizzata dall’Ufficio studi...

  • Lapp: la connessione come ‘ponte’ fra safety e security

    Si è tenuta a Bologna la giornata di lavori intitolata “Industrial Network Security: come proteggere le infrastrutture 4.0?” organizzata da Lapp Italia e dedicata alla sicurezza. “Nata nl 1959 come azienda famigliare, Lapp conta oggi più di...

  • Alumotion ha svelato il nuovo kit robotico di finitura plug-and-play a MECSPE 2022

    Alumotion ha scelto il prestigioso palcoscenico di MECSPE 2022 per presentare al mondo la prima cella robotica completa per la finitura di parti di carpenteria. La nuova soluzione subito pronta all’uso, ingegnerizzata internamente presso il laboratorio di Cernusco...

  • Altair e Politecnico di Milano

    Altair, multinazionale che opera nei settori della simulazione, data analytics e nell’intelligenza artificiale, ha firmato un accordo di ricerca con il Politecnico di Milano. L’accordo consentirà ad Altair di partecipare all’Osservatorio Space Economy 2022, un gruppo di...

  • White paper CLPA: come sviluppare dispositivi che sfruttino i benefici del TSN

    Il consorzio CLPA (CC-Link Partner Association) ha pubblicato un white paper sull’ecosistema di sviluppo per dispositivi di automazione compatibili con lo standard TSN (Time Sensitive Networking) liberamente scaricabile. Creato per i vendor di prodotti per l’automazione, “Come...

  • 1.400 pennelli all’ora

    È attiva da qualche settimana la nuova linea di produzione disegnata da MGG per Pennelli Cinghiale che porta l’automazione nel mondo dei pennelli Leggi l’articolo

  • Industry 4.0: l’89% delle aziende è colpito da attacchi cyber e subisce milioni di perdite

    Nell’ultimo anno l’89% delle organizzazioni nei settori elettrico, oil&gas e manifatturiero ha subito un attacco cyber che ha danneggiato la produzione e la fornitura di energia. Il dato emerge da “The State of Industrial Cybersecurity”, l’ultimo studio...

  • Reply minacce informatiche
    Automation e AI sono la chiave per difendersi dalle minacce del mondo digitale

    La cybersecurity rappresenta oggi una priorità assoluta e contestuale all’implementazione di nuove tecnologie, dato il ruolo cruciale che sono arrivate ad occupare nelle nostre vite private e professionali. Smart Home, Connected Car, Delivery Robot: l’evoluzione non si...

Scopri le novità scelte per te x