Il caso Sirti: Lenovo porta l’Intelligent Transformation, con SAP, al servizio dell’industria italiana

Lo storico service provider italiano dà valore alla propria trasformazione digitale: arrivato alla fase conclusiva di implementazione il Blue Project di Sirti, con SAP S/4HANA e le appliance Lenovo ThinkSystem.

Pubblicato il 4 ottobre 2018

Sotto i riflettori oggi il “Blue Project” di Sirti, un progetto di Intelligent Transformation presentato in un incontro con i media da Lenovo in collaborazione con SAP e Sirti stessa. Si tratta di un’implementazione basata su appliance Lenovo ThinkSystem e sulla soluzione SAP S/4HANA con l’obiettivo di accelerare la trasformazione digitale di Sirti e creare un nuovo modello operativo utilizzabile in tutti i rami d’azienda e in tutte le sedi. Blue Project è il pilastro del programma “Sirti Goes Digital”, afferente al piano strategico di Sirti.

Il progetto è nato con tre obiettivi: migliorare la governance e il controllo, incrementare l’efficienza operativa, implementare processi standard attraverso l’intera azienda creando un “Company model”. Il risultato finale? Portare innovazione all’interno e trasferire competitività ed efficienza al mercato. Sirti è un’azienda storica italiana, con 100 anni di presenza continua nel mondo delle telecomunicazioni, dell’ICT, dell’energia e dei trasporti, 4.400 dipendenti e numerose sedi in Italia, Europa e Medio Oriente.

Il tema della Intelligent Transformation è di importanza cruciale per il mantenimento della competitività delle imprese in mercati caratterizzati dall’utilizzo e dalla gestione efficiente di una quantità di dati sempre più grande. L’economia digitale è tipica di un mondo connesso, che genera informazioni in tempo reale; si stima infatti che entro il 2025 ci saranno oltre 75 miliardi di dispositivi collegati e oltre 9 miliardi di utenti collegati via mobile.

Le opportunità sono importanti e altrettanto lo sono gli investimenti che le aziende stanno effettuando. Secondo una recente ricerca di IDC condotta per SAP su 600 digital leader di grandi realtà italiane, il 70% dei manager intervistati percepisce il business della propria azienda esposto alla cosiddetta “disruption digitale”. Le strategie di risposta evidenziano l’importanza della tecnologia e dei modelli partecipativi delle persone ai processi d’innovazione.

In questo quadro, i percorsi di Intelligent Transformation sono fondamentali per riorganizzare le aziende, allineando le strutture e l’IT agli obiettivi strategici, e Lenovo lavora con i propri partner e clienti per abilitare modelli di business che sfruttino i nuovi paradigmi dell’economia connessa, che li guidino alla trasformazione intelligente di prodotti in servizi e alla digitalizzazione dei processi produttivi.

Blue Project di Sirti è nato dall’esigenza di superare il precedente modello operativo e renderlo “standard”, nel senso di coerente e conforme a un protocollo comune, in tutte le molteplici articolazioni aziendali – compresi processi, persone e ovviamente tecnologia – con l’obiettivo di creare un’azienda data driven.

“La precedente infrastruttura tecnologica di Sirti era basata su diverse soluzioni proprietarie sviluppate oltre 20 anni fa”, commenta Vincenzo De Lisi, Chief Information Officer di Sirti. “Presentava complesse architetture batch complicate da gestire, oltre 300 applicazioni, più di 2.000 tabelle da gestire. Questa architettura non garantiva l’introduzione dei nuovi processi e modelli operativi che Sirti vuole portare in azienda”.

Sirti ha quindi fatto una scelta di innovazione tecnologica affidandosi a Lenovo, con le appliance ThinkSystem, e a SAP con la soluzione SAP S/4HANA che consente fra l’altro di sfruttare le caratteristiche real-time del database. Il progetto è stato articolato in due macro fasi: una prima fase dedicata al disegno dei nuovi processi core dell’azienda e una seconda implementativa e di change management articolata in quattro passaggi, l’ultimo dei quali sarà completato nei prossimi mesi.

Con il progetto Blue Project Sirti si aspetta di trasformare l’azienda per avere una migliore gestione del business. Questo avverrà attraverso passaggi fondamentali quali un controllo di gestione di dettaglio sui contratti, l’uso di costi e tariffe standard, l’analisi delle varianze di costi e quantità, il confronto dei diversi momenti di pianificazione di un progetto e la gestione integrata della pianificazione operativa assieme alla logistica e agli acquisti.

Dal punto di vista tecnologico l’utilizzo delle appliance Lenovo ThinkSystem ha semplificato la gestione, permettendo di avere un sistema facilmente scalabile per future necessità con un budget in linea con le aspettative, mentre l’utilizzo di database in-memory SAP HANA ha snellito e semplificato molte analisi dei dati che prima venivano effettuate sul data warehouse. Quando il progetto sarà concluso, Sirti avrà completato la propria piattaforma digitale dei processi chiave e potrà pensare a modelli evoluti di business intelligence.

Nell’implementazione del Blue Project, Lenovo ha garantito a Sirti la certezza dei tempi di implementazione ed esecuzione del progetto, oltre al rispetto del budget e del Total cost of ownership dell’intero progetto. Dal punto di vista di Lenovo, Blue Project ha consentito all’azienda di rafforzare ulteriormente la collaborazione con un partner importante come SAP e di accrescere la propria esperienza nell’ambito della Intelligent Transformation.



Contenuti correlati

  • Con Omron verso la digitalizzazione, seguendo un approccio Kaizen

    Kaizen, ovvero ‘cambiare in meglio’, mettersi alla prova per ottenere risultati migliorativi concreti: di questo e di digitalizzazione si è parlato in occasione della giornata di studio promossa da Omron, in collaborazione con i partner FasThink e Kaizen Institute,...

  • La tecnologia industriale che porta nel futuro

    Bosch Rexroth ha da poco festeggiato i suoi 70 anni in Italia, confermandosi come una presenza fondamentale per lo sviluppo delle tecnologie di automazione idraulica e di produzione industriale. Di seguito, si ripercorre la storia di un...

  • Sicurezza: normative e legislazioni, come farvi fronte

    La sicurezza è un concetto: bisogna imparare a conoscerlo e a diffondere la cultura della sicurezza. Normative e legislazioni servono e sono doverose in ogni attività produttiva, ma vanno comprese nel loro senso più profondo. Per aumentare...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Schneider Electric: all’Innovation Summit di Parigi novità su innovazioni tecnologiche e collaborazioni

    Schneider Electric ha dato il via al suo Innovation Summit World Tour e sottolineato l’urgenza di promuovere un’azione immediata e una collaborazione continua per accelerare la transizione energetica e contrastare la crisi climatica. “Sulla scia del caldo...

  • A SPS Italia 2024: soluzioni Panasonic per packaging, alimentare e lavorazione metallo

    Il pacchetto motion di Panasonic viene utilizzato con successo dagli OEM di diversi settori industriali che richiedono profili di movimento complessi. Come ad esempio nel settore alimentare, per la realizzazione di un’affettatrice automatica da 22 assi, migliorandone la precisione di taglio,...

  • Nuove interfacce HMI e Scada

    Integrazione, connettività e trasformazione digitale sono le principali leve con cui i fornitori di tecnologia cercano di rendere più competitive le offerte di interfaccia uomo-macchina. L’attuale fase di transizione vede la convivenza di numerose tendenze che consentono...

  • Omron investe nella tecnologia di integrazione dei dati ad alta velocità di Saltyster

    Omron annuncia il suo investimento in Saltyster, un’azienda specializzata nella tecnologia di integrazione dei dati ad alta velocità, di cui Omron deterrà una partecipazione azionaria di circa il 48%. Nell’attuale industria manifatturiera, la domanda di un valore...

  • Un nuovo hub tecnologico per il Sud: BI-REX apre la sede operativa all’Università di Palermo

    Il Rettore dell’Università di Palermo, Massimo Midiri, e il Direttore Generale BI-REX, Stefano Cattorini, hanno sottoscritto un protocollo di intesa finalizzato alla cooperazione tecnico-scientifica con l’obiettivo di generare valore per il territorio della Regione Sicilia e dell’Emilia-Romagna...

  • Trasformazione Digitale: l’importanza dell’integrazione

    La trasformazione digitale è da alcuni anni in cima ai trend per l’industria, manifatturiera e non solo, dove un ruolo chiave è svolto dalla digitalizzazione della supply chain e dei processi produttivi. Analizzando il Digital Economy and...

Scopri le novità scelte per te x