I robot alla conquista delle PMI

Una ricerca di fruitcore robotics rivela la relazione dei lavoratori italiani con l’industria 4.0.

Pubblicato il 5 agosto 2022

La metà delle PMI italiane sta pianificando l’introduzione di robot in azienda, mentre il 14% li ha già introdotti. Questi i risultati di una ricerca effettuata da fruitcore robotics, azienda di deep-tech nata in Germania nel 2017, che ha intervistato 500 professionisti e manager italiani – che svolgono, pianificano o supervisionano principalmente lavori manuali in aziende con 50-500 dipendenti – per scoprire cosa pensano del lavoro con i robot.

La ricerca mostra come il sentiment generale sia positivo. Secondo la maggioranza degli intervistati (62%), finora sono stati soprattutto i ‘lavori d’ufficio’ a beneficiare della digitalizzazione, per cui è giunto il momento di dare priorità anche ai reparti di produzione (64%). Per circa due terzi, i robot potrebbero rappresentare un buon primo passo verso la digitalizzazione e l’automazione. Molti lavoratori sperano in un cambiamento a livello pratico nel lavoro quotidiano, ad esempio un incremento della qualità lavorativa o la prospettiva di dover lavorare meno con sostanze pericolose. Alcuni citano inoltre un miglioramento nella percezione del lavoro: il 33% dichiara che i robot consentirebbero di eseguire meno compiti ripetitivi, il 32% si sentirebbe agevolato, il 29% farebbe un lavoro meno impegnativo dal punto di vista fisico, il 28% afferma che le mansioni diventerebbero più interessanti, mentre il 26% si sentirebbe orgoglioso nel poter lavorare con l’alta tecnologia. L’indagine di fruitcore fornisce inoltre ai datori di lavoro indicazioni sulle misure che la forza lavoro vorrebbe vedere implementate, come l’accompagnamento all’introduzione dei robot, e offre spunti di riflessione per i responsabili istituzionali.

Preoccupazioni e modi per affrontarle

Non tutti i dipendenti accetterebbero positivamente nuovi colleghi robot: il 7% dichiara che si sentirebbe superfluo se venissero introdotti, il 10% avrebbe paura delle innovazioni e l’11% sarebbe “sopraffatto”. Un quarto dei responsabili di produzione ha inoltre dichiarato di temere la complessità del lavoro con i robot. I management devono saper valutare queste preoccupazioni. Le misure di accompagnamento, infatti, possono facilitare il cambiamento: il 40% degli intervistati ritiene particolarmente importante avere accesso a programmi di formazione che facilitino il lavoro con i robot (40%).

Anche l’organizzazione e la buona pianificazione sono fondamentali: più di un quarto (26%) afferma che nessun dipendente dovrebbe lavorare esclusivamente con i robot. Inoltre, molti vorrebbero poter decidere quali compiti affidare ai robot e quali no (31%). Quasi un quarto (24%) dichiara che lavorando con i robot avrebbe più tempo da dedicare a mansioni di maggior valore, e vorrebbe avere una buona pianificazione dei nuovi compiti da svolgere.

Il personale manageriale delle aziende che già utilizzano i robot sottolinea con una frequenza superiore alla media che anche la chiara prospettiva di un aumento di stipendio in caso di assunzione di mansioni di qualità superiore (34% vs 27% di media) o la prospettiva di una settimana di quattro giorni (27% vs 23% di media) possono essere misure di accompagnamento interessanti.

I benefici dei robot in azienda

Secondo il personale manageriale, l’introduzione dei robot porta diversi benefici alla linea di produzione. I processi nelle aziende potrebbero svolgersi più velocemente (67%), la qualità (67%) e la produttività (63%) aumenterebbero, i robot rappresenterebbero un vantaggio competitivo (64%) e forse anche una soluzione al problema della carenza di lavoratori qualificati (59%). Quest’ultimo è un problema rilevante che l’inserimento di robot può ovviare: il 68% degli intervistati afferma infatti che la propria azienda ha difficoltà a trovare lavoratori qualificati o necessita di molto tempo per farlo. Inoltre, i robot potrebbero rendere l’ambiente di lavoro più sicuro (65%) e sollevare i lavoratori da compiti ripetitivi (69%) e poco ergonomici (64%).

Per ottenere i benefici sperati, le PMI dovrebbero sfruttare appieno il potenziale dei robot digitali. Secondo i responsabili di produzione intervistati, circa un terzo delle aziende intende farlo: il 34% valuterebbe i dati dei robot per migliorarne le prestazioni e la longevità, il 33% li collegherebbe al cloud per lavorare sempre con gli ultimi aggiornamenti (il 24% non lo farebbe per problemi di sicurezza) e più di un quarto (29%) intende anche esplorare soluzioni di intelligenza artificiale.

Sostegno istituzionale – i desiderata

Secondo il 42% degli intervistati, le scuole e gli istituti di istruzione secondaria dovrebbero offrire programmi tecnici migliori per preparare la società all’automazione robotica su larga scala. Più di un terzo (39%) sottolinea l’importanza di incentivi per le aziende private affinché forniscano una migliore formazione digitale. Il 32% dichiara la necessità di un reddito di base universale come “rete di sicurezza”, mentre un quinto pensa che una tassa sui robot sia utile per bilanciare le riduzioni dell’imposta sul reddito.

Metodologia

fruitcore robotics ha commissionato a Sapio Research, agenzia di ricerche di mercato, un sondaggio che ha coinvolto specialisti e manager in Germania e in Italia. 1005 professionisti e manager tedeschi e 500 italiani hanno partecipato all’indagine. La selezione si è concentrata su professionisti che svolgono principalmente lavoro manuale o che pianificano e/o supervisionano il lavoro manuale. Più del 30% degli intervistati in Germania (322 persone) e poco meno della metà (214 persone) in Italia sono direttori di produzione. L’indagine è stata condotta ad aprile 2022.

 

 



Contenuti correlati

  • Bharat Gear Num CNC
    Retrofit di una rettificatrice per ingranaggi con sistema CNC Num

    Bharat Gears, uno dei maggiori produttori indiani di ingranaggi di qualità, è riuscita a riadattare una rettificatrice per ingranaggi Reishauer RZ361A con un sistema CNC avanzato Num Flexium+68. Fondata nel 1971, Bharat Gears è cresciuta costantemente fino...

  • Barriera fotoelettrica SLG-2 da Sick: flessibilità e minimo ingombro

    La seconda generazione della “Slim Light Grid” brilla per la sua flessibilità e funzionalità. Le dimensioni contenute, il design sottile e senza zone cieche, le altezze di rilevamento regolabili garantiscono una facile integrazione nelle macchine in cui lo spazio...

  • La transizione delle aziende europee

    In tutta Europa, l’industria manifatturiera è alle prese con una serie di sfide senza precedenti. La crescita esponenziale dei costi legati all’energia e l’instabilità della supply chain rappresentano al momento la causa dei maggiori problemi che le...

  • Nuove funzionalità OCR basate sull’IA per In-Sight 2800

    Cognex Corporation ha ampliato le funzionalità del suo sistema di visione In-Sight 2800 includendovi il riconoscimento ottico dei caratteri (OCR). Il nuovo strumento ViDi EL Read, basato sulla tecnologia Edge Learning, riconosce con facilità caratteri leggibili dall’uomo...

  • Le cinque tendenze della robotica nel 2023

    Nonostante le condizioni dell’economia mondiale, segnate, tra gli altri, dal conflitto tra Russia e Ucraina, incertezza economica e inflazione, il settore della robotica continua a registrare una crescita significativa. Lo confermano i dati dell’International Federation of Robotics...

  • Il futuro secondo Cisco: i trend tecnologici del 2023

    Il nuovo anno è alle porte, tempo quindi di bilanci e di previsioni per un 2023 che si preannuncia pieno di sfide e di innovazioni tecnologiche. Reti predittive potenziate dall’intelligenza artificiale, multicloud, futuro del lavoro, sostenibilità e...

  • Ucimu: nel 2023 prosegue il trend positivo di macchina utensile, robotica e automazione

    Non si arresta la crescita dell’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che, dopo un 2021 decisamente positivo, chiude il 2022 con incrementi a doppia cifra per quasi tutti i principali indicatori economici e si...

  • Da Infor le previsioni sull’evoluzione del settore manifatturiero

    Per le aziende del settore manifatturiero e le smart factory, il 2023 si presenta come un anno di grandi sfide, che ha ereditato i numerosi problemi causati dalla pandemia, primo fra tutti le interruzioni della supply chain....

  • Il cobot industriale ABB Swifti offre velocità, precisione e sicurezza ai vertici della categoria

    ABB ha lanciato il robot collaborativo industriale Swifti CRB 1300, che colma il divario tra robot industriali e collaborativi. Combinando velocità e precisione ai vertici della categoria con una capacità di movimentazione dei carichi fino a 11 kg,...

  • Industria 4.0: E80 Group apre una nuova sede a Tokyo

    E80 Group, multinazionale italiana tra i più noti dell’ intralogistica a livello globale nello sviluppo di soluzioni intralogistiche su misura per fabbriche produttrici di beni di largo consumo, annuncia l’apertura del suo nuovo ufficio commerciale e di...

Scopri le novità scelte per te x