Gli occhiali intelligenti del futuro nascono a Milano

Al via la collaborazione per gli occhiali del futuro tra EssilorLuxottica e Politecnico di Milano

Pubblicato il 26 luglio 2022

EssilorLuxottica e il Politecnico di Milano danno vita al primo Smart Eyewear Lab, un centro di ricerca congiunto per progettare gli occhiali intelligenti del futuro. L’accordo di collaborazione prevede un investimento di oltre 50 milioni di euro.

Il progetto è stato illustrato alla presenza dell’assessore regionale all’Innovazione Fabrizio Sala, intervenuto su delega del presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, del Rettore del Politecnico Ferruccio Resta, del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, del sindaco di Milano, Giuseppe Sala e del presidente e amministratore delegato di EssilorLuxottica, Francesco Milleri.

L’EssilorLuxottica Smart Eyewear Lab avrà una durata iniziale di cinque anni e impiegherà a regime oltre 100 tra ricercatori e scienziati che lavoreranno a stretto contatto tra loro in uno spazio dedicato all’interno del futuro Parco dei Gasometri, nell’area di Bovisa a Milano. Il laboratorio ospiterà attività di ricerca e sviluppo per la prossima generazione di occhiali connessi, integrando tecnologie digitali con competenze di bioingegneria, fisica della materia e intelligenza artificiale.

“È un onore per noi” ha dichiarato Sala “che questa iniziativa si svolga in Italia, in Lombardia e al Politecnico di Milano, che si conferma una delle Università più importanti del mondo. Le nostre Università sono una delle porte principali per fare e diffondere ricerca, per questo negli ultimi anni abbiamo investito più di 400 milioni di euro per favorire la loro competitività”.
Dalla Regione arriveranno oltre 400 milioni per le università negli ultimi anni.

“La collaborazione tra istituzioni, imprese e università è la base che rende possibili progetti eccellenti come questo” ha aggiunto Sala “che si svilupperà all’interno del Parco dei Gasometri, un accordo di riqualificazione importante che vede l’impegno di Regione Lombardia con un finanziamento di 25 milioni di euro. Con questo accordo favoriamo non solo la nascita di nuovi ecosistemi di ricerca ma anche un modello di Campus e formazione universitaria sempre più a vocazione internazionale”.

“L’accordo di collaborazione” ha concluso Sala “ha come obiettivo anche il trasferimento tecnologico, priorità di investimento di Regione Lombardia. Grazie quindi a EssilorLuxottica e al Politecnico di Milano per questa grande opportunità per i nostri ricercatori e per tutto il territorio”.

La sfida principale del progetto sarà la definizione di tecnologie di base dal punto di vista hardware, software e di applicazione per permettere all’uomo di interagire con il mondo digitale attraverso una nuova generazione di occhiali. “L’accordo con EssilorLuxottica è una pietra miliare nello sviluppo dell’area della Goccia di Bovisa, per diversi motivi” spiega il Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta. “Il primo è certamente quello di avere al fianco del Politecnico di Milano un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale, un’azienda italiana che è sinonimo di innovazione, che è un grande catalizzatore per altre realtà imprenditoriali e di ricerca all’interno del distretto di innovazione che sta prendendo forma nell’area dei Gasometri”.

“Il secondo” ha proseguito il Rettore “è legato al terreno sul quale opereremo: il metaverso, di cui oggi riusciamo solo ad intuire le possibilità, è un ambito di studio e di sperimentazione complesso, che chiama in causa ambiti tecnologici sviluppati all’interno dell’ateneo: dell’elettronica, alla fotonica, al data science… Apre prospettive inedite che non si limitano alla sola innovazione tecnologica o allo sviluppo di nuovi prodotti, ma che ridisegnano interi processi, servizi e relazioni. Su queste basi opererà il Joint Research Centre nei prossimi cinque anni“.

L’EssilorLuxottica Smart Eyewear Lab di Milano lavorerà in rete con una struttura di ricerca e sviluppo del Gruppo già attiva e diffusa in tutto il mondo, che conta più di 30 R&D center dedicati a vision care, eyewear design, sostenibilità e trasformazione digitale, circa 1.000 ricercatori e più di 11.000 brevetti.
EssilorLuxottica e il Politecnico puntano, inoltre, a realizzare insieme un percorso di studi ad hoc con un indirizzo specialistico nell’ambito del wearable e degli smart eyewear, e alimentare in modo virtuoso le attività di ricerca della nuova struttura. L’intento è quello di attrarre giovani talenti – studenti, dottorandi, ricercatori e personale docente a livello internazionale – che mettano a disposizione le proprie energie in questo progetto innovativo, per formare nuove risorse in grado di rispondere alle richieste del mercato del lavoro attuale e futuro.

Fonte LNews – Copyright Regione Lombardia

Foto fonte Pixabay_LichDinh



Contenuti correlati

  • Olimpiadi Fanuc della robotica, vince l’IIS Marzotto-Luzzatti di Valdagno

    La seconda edizione delle Olimpiadi Fanuc della Robotica, concorso di robotica industriale rivolto agli studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado e agli Istituti Tecnici Superiori, ideata da Fanuc con il patrocinio di Politecnico di Milano, Anipla,...

  • L’automazione si incontra a Parma

    L’edizione 2024 della fiera SPS Italia, la vetrina più nota per le tecnologie dell’automazione nel nostro Paese, presenterà diverse innovazioni anche a livello espositivo. Donald Wich, di Messe Frankfurt Italia, ci parla di cosa bisogna assolutamente vedere...

  • Ridurre il consumo di aria compressa

    Obiettivo: individuare le perdite per eliminarle in modo semplice e strutturato. Festo e GMM effettuano un revamping dei sistemi dello storico produttore di cioccolato Venchi, così da aumentare il risparmio energetico e diminuire la CO₂ Con oltre...

  • Le novità di Panasonic Industry a SPS Italia 2024: laser di misura, sensori, marcatori

    A SPS Italia 2024 Panasonic Industry sarà presente con diverse soluzioni. Vediamone alcune. Laser di misura HLG2 da Panasonic: la precisione incontra le prestazioni Progettato per offrire una precisione di prim’ordine assieme ad elevati standard di connettività,...

  • La Lombardia conferma per il 2024 la misura ‘Nuova Impresa’ a sostegno dell’imprenditorialità

    In Lombardia negli ultimi 3 anni sono nate 2.180 nuove attività, tra imprese e lavoratori autonomi, anche grazie al sostegno di un apposito strumento regionale promosso dall’assessorato allo Sviluppo economico. Si tratta della misura ‘Nuova Impresa’, un bando...

  • CarePredict e ADI: la potenza dei dati per una qualità di vita migliore

    Per molte famiglie accogliere i genitori anziani a casa propria per accudirli può risultare estremamente difficoltoso. Ciò perché la maggior parte delle persone non ha risorse finanziarie adeguate, conoscenze mediche oppure tempo sufficiente da dedicare per un’assistenza...

  • La Space Economy è pronta a decollare

    L’Economia dello Spazio, definita dall’OCSE come un complesso di attività che generano valore e vantaggi attraverso l’esplorazione, la ricerca e l’utilizzo dello Spazio, si estende su un’ampia gamma di settori. Da un lato si concentra su tutto...

  • Un’indagine commissionata da Getac mette in evidenza il ruolo della tecnologia rugged

     Getac Technology Corporation, tra i principali produttori di tecnologia rugged, ha annunciato i risultati del report che ha commissionato ad IDC dal titolo “Redefining Total Cost of Ownership: Rugged Technologies to Empower Industrial Operation2”, Aprile 2024. I risultati...

  • Innovazione, collaborazione e sostenibilità

    Festo guida la trasformazione verso un futuro sostenibile, offrendo soluzioni all’avanguardia per l’automazione industriale Il mercato attuale presenta sfide significative, come le rapide evoluzioni tecnologiche e gli scenari normativi in continua evoluzione. Le aziende devono dimostrare grande...

  • Accademia e industria si incontrano nell’automazione di processo

    In ambito accademico, facendo sinergia tra università e industria, è stato sviluppato un sistema di controllo avanzato che permette anche di studiare e introdurre nella funzione di costo dei termini da minimizzare, come per esempio il consumo...

Scopri le novità scelte per te x