Gaia-X di HPE accelera la capacità di creare valore dai dati

Pubblicato il 21 maggio 2021
hpe gaia-x

Per aiutare le aziende a progredire nella monetizzazione dei dati, Hewlett Packard Enterprise ha sviluppato Gaia-X, un’infrastruttura emergente di dati federati, supportati da più di 300 realtà in Europa e nel mondo. HPE Gaia-X Solution Framework è stato progettato per aziende, provider di servizi e organizzazioni pubbliche che vogliono prepararsi a partecipare al progetto Gaia-X. Supporta virtualmente tutte le funzionalità richieste sia per la fornitura sia per il consumo di dati e servizi in un ambiente decentralizzato e federato. Come risultato, le aziende possono accrescere la loro capacità di creare valore dai dati, attingere a enormi pool di dati distribuiti e rafforzare la loro sovranità sul loro modello di business che deve essere guidato dai dati stessi.

Il framework si basa su un’architettura di riferimento, sfruttando componenti chiave del portafoglio software di HPE, software di terze parti e la piattaforma aziendale Cloud28+, un marketplace per la monetizzazione di dati e servizi. Singoli componenti e interi ambienti della soluzione sono disponibili in modalità as a service attraverso la soluzione di servizi in cloud HPE GreenLake. HPE ha inoltre annunciato il servizio HPE Roadmap per Gaia-X che aiuta i clienti a valutare la loro disponibilità al progetto Gaia-X e a sviluppare una roadmap.

“Gaia-X è una risposta alla domanda chiave della prossima ondata di trasformazione digitale: come possiamo creare effetti di network senza centralizzare tutti i dati? Questo è perfettamente in linea con la nostra strategia aziendale, che si concentra nel liberare il valore dei dati distribuiti in diversi luoghi e nel cloud”, afferma Johannes Koch, Senior Vice President, Germania, Austria e Svizzera, HPE. “Tuttavia, Gaia-X non può funzionare da sola. Per trarre vantaggio da questa piattaforma sono necessarie alcune capacità. In sostanza, bisogna sapere come monetizzare i dati e metterli in pratica. Questo è esattamente ciò che aiutiamo i clienti a fare con le nostre soluzioni Gaia-X”.

La Commissione europea ha dichiarato che la creazione di valore dai dati sarà la fonte cruciale del progresso economico e sociale nei prossimi decenni. Tale progresso sarà guidato da una nuova ondata di dati industriali e professionali, con l’80% del volume totale dei dati da elaborare in modo decentralizzato entro il 2025.

Secondo il World Economic Forum, questo permette alle aziende di creare valore dall’analisi dei dati sotto forma di nuovi flussi di entrate, nuovi business model, una customer experience più soddisfacente e una migliore capacità di prendere decisioni in tempi brevi. Per esempio, McKinsey stima che dalla monetizzazione dei dati provenienti dalle auto connesse potrebbe derivare da 250 a 400 miliardi di dollari di valore incrementale annuale per gli attori dell’ecosistema della mobilità nel 2030. E si prevede che l’economia dei dati dell’Unione Europea quasi triplicherà tra il 2018 e il 2025 per raggiungere un valore di 829 miliardi di euro.

Tuttavia, non è certo fino a che punto le organizzazioni saranno in grado di materializzare effettivamente queste opportunità. Secondo un global report di IDC e Seagate, solo il 32% dei dati che le imprese hanno a disposizione sono poi messi in opera. Inoltre, secondo la Commissione Europea, “attualmente un piccolo numero di grandi aziende tecnologiche detiene gran parte dei dati del mondo. Ciò potrebbe disincentivare il diffondersi, la crescita e lo slancio innovativo delle imprese che vogliono estrarre valore dai dati”.

Il cloud decentralizzato e le infrastrutture dati decentralizzate adottano un approccio radicalmente nuovo per affrontare questa sfida. Consentono la condivisione e l’aggregazione di dati, l’analisi dei dati e relativi servizi con grande scalabilità senza la necessità di un intermediario centrale. Questo crea un campo di gioco equo, con potere e opportunità distribuite tra tutte le parti.

Gaia-X sta emergendo come un punto focale di questo sforzo. L’iniziativa collega le infrastrutture centralizzate e decentralizzate per rafforzare la capacità di accedere e condividere i dati in modo sicuro e affidabile. Gaia-X sta entrando nella sua fase operativa con i primi progetti di punta, e le prime soluzioni conformi a Gaia-X dovrebbero essere certificate nel dicembre 2021.

HPE è un membro dell’organizzazione non-profit Gaia-X Aisbl fin dalla sua nascita e contribuisce all’architettura, agli standard e alla certificazione di Gaia-X. HPE sta già lavorando con decine di organizzazioni in tutta Europa per aiutarle a prepararsi per le infrastrutture di dati decentralizzate come Gaia-X.

Una di queste è Orange Business Services, un provider europeo di servizi digitali network-native, che supporta i clienti in tutto il mondo per portare le migliori innovazioni con le più forti protezioni dei dati. “Stiamo contribuendo a plasmare le basi tecniche e del dataspace dell’ecosistema Gaia-X, e attualmente stiamo adattando i servizi Orange Cloud a queste specifiche per continuare a fornire le soluzioni cloud più affidabili ai nostri clienti all’interno di Gaia-X”, afferma Cedric Parent, Deputy CEO, Orange Cloud. “HPE è un partner chiave per alimentare le piattaforme cloud di Orange con tecnologie e funzionalità all’avanguardia. Usufruiamo della profonda esperienza e dell’offerta di soluzioni di HPE, che supportano in modo completo gli sviluppi necessari per sfruttare appieno le infrastrutture decentralizzate come Gaia-X.”

CSC – IT Center for Science Ltd, l’organizzazione finlandese che ospita il primo supercomputer pre-exascale d’Europa chiamato Lumi, si sta preparando a rendere disponibile il supercomputing come parte di un ecosistema di funzionalità, in cui Gaia-X avrà un ruolo importante. “Stiamo lavorando con HPE per fornire un supercomputing affidabile, sicuro ed efficiente per la ricerca e l’industria. CSC è lieta di mettere a disposizione la sua solida esperienza nella gestione dei dati sensibili, ad esempio ai fini della ricerca sanitaria”, afferma Pekka Manninen, Director, Lumi Leadership Computing Facility, CSC.

Un elemento centrale dell’HPE Solution Framework per Gaia-X è un’architettura di riferimento che definisce le componenti base necessarie per costruire i casi d’uso di Gaia-X. Garantisce un funzionamento sicuro dell’infrastruttura per i workflow decentralizzati e include una struttura di governance centrale.

La base tecnologica è la piattaforma software HPE Ezmeral che fornisce funzionalità come l’accesso unificato ai dati distribuiti e il controllo unificato dei cluster Kubernetes distribuiti. HPE sfrutta anche Spiffe, il “Secure Production Identity Framework For Everyone”, e Spire, lo Spiffe “Secure Production Identity Runtime Environment” – che rappresentano lo standard open-source per autenticare in modo sicuro i servizi software attraverso l’uso di identità crittografiche indipendenti dalla piattaforma.

La piattaforma commerciale Cloud28+ permette ai clienti di sfruttare e monetizzare i loro dati e servizi attraverso un marketplace. Questa piattaforma è stata originariamente creata come catalogo di servizi della comunità Cloud28+, ed è ora disponibile per essere utilizzata da singole aziende, oltre che dalla rete di partner di HPE.

Contribuendo attivamente all’architettura e agli standard di Gaia-X, HPE doterà il proprio framework di soluzioni delle interfacce, dei connettori e dei servizi necessari affinché i clienti possano collegarsi senza problemi alla piattaforma e all’ecosistema di Gaia-X.



Contenuti correlati

  • Scambio di dati sicuro tra i mondi IT e OT

    I mondi della tecnologia operativa e dell’informatica sono sempre più collegati tra di loro e lo scambio dati è effettuato in sicurezza Leggi l’articolo

  • PNRR: nasce il centro nazionale di supercalcolo

    Il 19 luglio si sono insediati gli organi direttivi della Fondazione ICSC, che gestirà uno dei cinque Centri Nazionali previsti dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). Nasce così il Centro Nazionale di Ricerca in High Performance...

  • Sport Tech: per vincere servono i Big Data

    In estate tutte le attenzioni sono concentrate sul vortice innescato dal calciomercato: i nomi sui giornali, le indiscrezioni, i tweet. In questi due mesi, però, le squadre lavorano dietro le quinte, iniziando lunghe preparazioni in ritiri di...

  • Opyn Maurizio Diana fintech
    Opyn, i dati sono la gallina dalle uova d’oro della finanza

    Anno 2022: i dati sono la più grande risorsa per le aziende, o il “nuovo petrolio”, per dirla come Clive Humby, data scientist e matematico inglese, che aveva coniato questa definizione nell’ormai lontano 2006. Sono passati oltre...

  • Una community a supporto della trasformazione digitale e dell’innovazione

    L’Italia sta finanziando diversi comparti per la ripresa dell’economia a livello globale, tra cui il settore dell’industria che vede stanziamenti come i 23.89 miliardi di euro per l’innovazione tecnologica del sistema produttivo all’interno del PNRR – Piano Nazionale...

  • I sensori, da ‘Cenerentola’ a protagonisti dell’Industria 4.0

    Il concetto di Industria 4.0 ha catalizzato l’attenzione del pubblico per la prima volta solo un paio di anni fa, quando è stato proposto come tema alla Fiera di Hannover, in Germania. Esperti e “futurologi” diranno che...

  • Il manifatturiero adotta l'intelligenza artificiale. Lo dice Google Cloud
    La soluzione per l’analisi dei dati Altair Unlimited

    Altair, tra i leader nel settore della scienza computazionale, dell’HPC (High Performance Computing) e dell’intelligenza artificiale (AI), è entusiasta di annunciare il lancio dell’appliance Altair Unlimited per l’analisi dei dati, una soluzione “chiavi in mano” che democratizzerà...

  • ProgettistaPiù 2023. Il valore dei dati, dal vino agli edifici

    Oggi i dati sono ‘oro’, ce ne stiamo sempre più accorgendo sia nell’industria come anche in molti altri settori produttivi e del terziario, in cui l’impiego di dati, che prima non erano disponibili e che ora sappiamo...

  • Dati Anie per produzione industriale, elettronica ed elettrotecnica

    Produzione industriale a +16,6%, nel 2021 per le filiere dell’elettronica ed elettrotecnica italiane inizia non solo la risalita sull’anno precedente, ma torna addirittura il segno positivo oltre i livelli del pre-Covid. Una variazione percentuale che, rispetto al...

  • Tecnologie per il legno: ancora un ottimo Q1

    II primo trimestre 2022 conferma, pur con sensibili differenze rispetto al precedente, lo stato di buona salute del settore delle tecnologie per l’industria del mobile e la lavorazione del legno. È quanto emerge dalla oramai consueta indagine trimestrale realizzata dall’Ufficio studi...

Scopri le novità scelte per te x