FactoryTalk AssetCentre di Rockwell per la gestione del ciclo di vita degli asset

Pubblicato il 24 agosto 2016

Grazie alle tecnologie di rete, le aziende industriali hanno oggi la possibilità di acquisire informazioni approfondite in merito alle loro attività. Ora possono contare anche su uno strumento unico per la gestione degli asset di automazione: il software FactoryTalk AssetCentre v7.0 di Rockwell Automation, che automatizza il rilevamento e il monitoraggio di dispositivi, switch di rete e software installati su workstation distribuite in tutto lo stabilimento. Il software ottimizza la gestione del ciclo di vita contribuendo a ridurre i tempi di fermo non programmati.

Un ambiente di produzione moderno conta centinaia di migliaia di asset. Nel mondo dell’Industrial Internet of Things (IIoT), in continua evoluzione, gli asset stanno diventando sempre più intelligenti, però identificare e fare l’inventario di tutti i dispositivi di un sistema è ancora difficoltoso. FactoryTalk AssetCentre oggi viene in aiuto alle aziende con la sua funzionalità di inventario asset, che esegue scansioni automatizzate della rete per acquisire informazioni sui componenti hardware, il firmware e il software degli asset attivi nello stabilimento. I dispositivi vengono monitorati per mezzo di un apposito inventario attivo.

La funzionalità di inventario asset può essere programmata per eseguire scansioni a intervalli regolari, oppure può essere attivata secondo necessità. Le nuove voci rilevate vengono elencate per permettere all’utente di verificarle prima dell’inserimento nell’inventario attivo. Grazie alla funzionalità di monitoraggio continuo degli aggiornamenti è possibile avere un registro cronologico delle modifiche apportate dal sistema, per riscontrare gli eventuali rischi, ad esempio in caso di esecuzione di software non autorizzato sulle workstation. Il sistema permette comunque di effettuare inserimenti manuali per dispositivi non identificabili durante la scansione o per aggiungere informazioni e attributi mancanti relativi ai dispositivi rilevati.

“Le aziende che hanno investito in infrastrutture di automazione oggi hanno un maggiore controllo dei processi e degli asset, ma nella gestione spesso ci si concentra solo sugli asset critici, oppure si adottano strategie reattive, che prevedono interventi solo in caso di interruzione dell’attività di un sistema” spiega Chirayu Shah, responsabile marketing di prodotto di Rockwell Automation “Un programma completo di asset management, invece, deve essere studiato per migliorare le attività decisionali relative all’intero ciclo di vita dei dispositivi”.

La funzionalità di inventario asset consente di aumentare l’efficienza di varie attività operative. Ottimizzando la gestione del ciclo di vita degli asset si hanno miglioramenti anche nella definizione della portata dei progetti. Ad esempio, per effettuare un aggiornamento software, un tecnico deve sapere quanti sono i dispositivi in esecuzione nell’ambiente produttivo, soprattutto quelli prossimi al fine vita. Con la funzionalità di inventario asset è possibile rilevare automaticamente tutto il firmware corrente, l’indirizzo IP e dati supplementari che permettono di definire meglio il progetto.

La funzionalità di rilevamento automatico è anche utile durante l’applicazione di patch per la protezione da vulnerabilità di sicurezza. Ad esempio, quando un fornitore invia una comunicazione con un “fix” per correggere una vulnerabilità nel software di un dispositivo, normalmente i tecnici dovrebbero fare un inventario manuale di tutti i dispositivi interessati per valutare il rischio e l’esposizione alle minacce. Grazie alla funzione di inventario asset, invece, i tecnici possono individuare facilmente i dispositivi interessati e organizzare un piano per mitigare il rischio.

L’ultima versione del software FactoryTalk AssetCentre comprende anche una dashboard compatibile con i telefoni cellulari, che permette di visualizzare i risultati delle ultime ricerche in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo, offrendo anche funzionalità di analisi che permettono di sapere quali ricerche hanno dato esito positivo o negativo. Nella dashboard viene visualizzato un registro di controllo con indicazioni sulle modifiche e le prestazioni degli asset, che permette agli utenti di accedere al sistema da remoto per risolvere eventuali problemi relativi al dispositivo di interesse. L’installazione del software FactoryTalk AssetCentre può anche essere eseguita da remoto, una caratteristica che può rivelarsi utile soprattutto per le sedi difficili da raggiungere, con conseguenti risparmi a livello di manodopera e di spese di trasferta.



Contenuti correlati

  • Cybersecurity per l’OT nel 2023: è tempo di passare ai fatti

    Ormai è universalmente noto che le operations che non sono in grado di sostenere tempi prolungati di inattività fisica, come le infrastrutture critiche, l’industria produttiva o le strutture iperconnesse, rappresentano bersagli particolarmente redditizi per i criminali informatici....

  • Le parole chiave per il 2023: Metaverso Industriale, AR/MR, AI e lavoro ibrido sono i trending topic secondo TeamViewer

    Prediction #1: Metaverso Industriale La digitalizzazione del lavoro è stato un tema centrale negli ultimi decenni, ma la digitalizzazione dei processi dei lavoratori cosiddetti frontline (o in prima linea), che si stima costituiscano circa l’80% della forza...

  • La birra si affida all’IIoT

    Grazie alle soluzioni di PTC e alle funzionalità cloud offerte da Microsoft Azure, Carlsberg è stata in grado di sviluppare, scalare e distribuire una serie di applicazioni IIoT lungo tutti i suoi 28 stabilimenti dislocati nel mondo....

  • Nuovo sensore di flusso con display a lettura in chiaro

    Turck Banner Italia ha ampliato la famiglia di sensori per fluidi FS+ con il nuovo sensore di flusso FS101. I nuovi dispositivi FS+ hanno lo stesso look & feel e sono quindi semplici sia da utilizzare sia da...

  • L’innovativo gateway AS-Interface 3

    L’interfaccia AS-i si è affermata da tempo come soluzione semplice ed economica per l’integrazione di sensori e attuatori sul campo. Ma da quasi 20 anni non sono state apportate modifiche a uno dei componenti più importanti del...

  • Piattaforme IIoT, orientarsi tra soluzioni proprietarie e open source

    Le infrastrutture e le piattaforme di gestione per la IoT industriale costituiscono una fondamentale leva d’innovazione per realizzare la quarta rivoluzione industriale. Non sempre, però, è semplice individuare la soluzione giusta. Di seguito qualche indicazione utile nella...

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • I consumi di potenza in progetti IoT/IIoT

    Qual è il fabbisogno energetico di un tipico dispositivo connesso in modalità wireless? Come si misurano i consumi? Come prevedere, in maniera accurata, quale sarà la durata della batteria? Leggi l’articolo

  • L’indissolubile unione tra reale e virtuale

    La tecnologia del digital twin, integrata ad altre soluzioni come l’IIoT, può portare grandi benefici a livello sia di produzione, grazie alla possibilità di eseguire simulazioni illimitate di macchinari e sistemi, sia di prodotto, aiutando a comprendere...

  • Lorawan nell’industria

    Lo standard Lorawan è una specifica Lpwan (Low Power Wide Area Network) derivata dalla tecnologia LoRa e standardizzata a cura della LoRa Alliance. Recentemente emersa nel settore dei sistemi di comunicazione nel contesto dell’Internet of Things (IoT),...

Scopri le novità scelte per te x