Europa meridionale: la nuova culla dell’innovazione

In questo studio realizzato da P101 - fondo di venture capital specializzato in investimenti in società digital e technology driven - emergono le potenzialità delle startup nel Sud Europa.

Pubblicato il 20 agosto 2016

Quando si parla di startup e di innovazione in Europa, il pensiero subito va a città come Londra o Berlino. Talvolta Amsterdam o, ancora, Parigi.

L’area meridionale del Vecchio Continente, al contrario, è stata finora un player poco acclamato e piuttosto silente. La stessa area che ora sembra invece iniziare ad affermarsi come la rising star del comparto, ricca di hub tecnologici interessanti – a loro volta terreno fertile per gli investimenti – e una concorrenza tra venture capitalist meno aggressiva rispetto a quella di latitudini più nordiche.

Un po’ di indicatori stanno, in ogni caso, accendendo i fari sul mediterraneo: il Financial Times che ha recentemente eletto Milano la nuova capitale delle startup; Madrid che ogni anno ospita le più influenti realtà del settore all’interno del South Summit, l’evento che raccoglie le migliori innovazioni dal Sud Europa per connetterle con investitori provenienti da tutto il mondo. O, ancora, Lisbona, che da quest’anno sostituisce Dublino come sede del Web Summit, l’evento di tecnologia che accoglie i rappresentanti delle aziende tech più influenti a livello internazionale.

Noi di P101 non siamo i soli a sostenere che lo scenario delle giovani imprese innovative del Sud Europa stia vivendo una fase di crescita positiva. L’indagine di Tech.eu conferma la vivacità del mediterraneo: “il settore tech del Sud Europa è sulla buona strada per raggiungere la maturità e il riconoscimento di ecosistema delle startup di livello mondiale.” A sostenere in particolare il boom portoghese è lo studio della Startup Europe Partnership, la prima piattaforma della Commissione Europea dedicata alle nuove tecnologie, che evidenzia come il mercato di questo paese sia giovane ma in rapida ascesa.

L’Italia è parte integrante e motore di questo cambiamento: stando all’ultimo rapporto Aifi, nel 2015 l’attività di investimento nel mercato italiano del VC ha visto una crescita significativa, raggiungendo il secondo ammontare più alto di sempre. Nel corso del 2015 le risorse complessivamente raccolte dagli operatori presenti in Italia sono risultate pari a 2,8 miliardi di Euro, in crescita del 92% rispetto ai 1,5 miliardi di Euro dell’anno precedente, e sono state registrate 342 nuove operazioni, distribuite su 272 società.

Segnali positivi di una crescita in atto in cui abbiamo sempre creduto. L’Europa del Sud, e l’Italia in primis, rappresenta già oggi una nuova e feconda “culla” di startup e imprese innovative, e potrebbe diventare, con l’azione di VC attenti e coraggiosi, la nuova meta di investimenti in un mercato ricco di opportunità.
L’opportunità? Contribuire a dar vita ad aziende che una volta cresciute re-investano a loro volta in Italia.



Contenuti correlati

  • SE Ventures
    Fondo II da 500 milioni di euro per SE Ventures per accelerare le start up “green”

    Lanciando il nuovo Fondo II da 500 milioni di euro SE Ventures diventa una delle più grandi società di capitali di rischio focalizzate sulle tecnologie per il clima e sulle tecnologie industriali. L’iniziativa, sostenuta da Schneider Electric,...

  • Stefano Guidotti P101 green tech
    Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Factorial HR
    Factorial è il nuovo unicorno europeo per le HR-Tech

    È boom nell’automazione delle risorse umane: 95 miliardi di dollari al 2025. In Italia, sempre al 2025, la crescita annuale del giro d’affari sarà pari al 13%, maggiore della media europea dell’11%. A contribuire maggiormente alla crescita...

  • Maypay: la rivoluzione nei pagamenti

    Maypay (www.maypay.com) è una start-up innovativa fondata a giugno 2019 da cinque ragazzi romani che promettono di rivoluzionare il concetto dei pagamenti nel mondo… Leggi l’articolo

  • Roomless, la start-up dell’accoglienza

    Quattro ragazzi, che poi sarebbero diventati amici, durante l’Erasmus si rendono conto di quanto sia difficile trovare un alloggio all’estero. Decidono quindi di analizzare i punti di debolezza dei player presenti sul mercato e di farne i...

  • Specto: spettrometri di nuova generazione

    La realtà Specto (http://spectophotonics.com/) nasce dal connubio tra la ricerca pura e le strategie di un mercato sempre più esigente e sempre più performante per applicazione, metodo e risorse tecnologiche. Abbiamo incontrato il CEO Giuseppe Antonacci e...

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che opera nel settore della robotica industriale impiegando tecnologie di intelligenza artificiale e Cloud Computing… Leggi l’articolo

  • Sistem Evo

    Le giovani aziende che si affacciano al mondo del mercato sono sempre più mosse da senso pratico, e dalle nuove sfide che offre la tecnologia moderna. Questo mese approfondiamo la conoscenza di ‘Sistem Evo’, la start-up che...

  • Architettura sì, ma tecnologica e green

    Abbiamo incontrato Raffaele Caruso, laureato in Architettura all’Università degli Studi di Roma La Sapienza, che ha realizzato una sua start-up, con il suo nome, di architettura tecnologica e green… Leggi l’articolo

  • Trasformare le idee in progetto tramite il 3D

    La rubrica sulle start-up del panorama italiano nasce anche con l’intento di dare sostegno a quanti tra noi italiani, popolo di inventori, vogliano cimentarsi nella realizzazione delle loro idee e trasformarle in progetti concreti Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x