Economia circolare, nasce Cobat Tessile

Pubblicato il 15 aprile 2022
Cobat Tessile

Cobat, la più grande piattaforma dell’economia circolare in Italia, controllata dal gruppo Innovatec, ha costituito Cobat Tessile, il consorzio volontario italiano per la raccolta, il trattamento e l’avvio a recupero di prodotti tessili giunti a fine vita.

A Cobat Tessile partecipano i Produttori: F.lli Campagnolo Spa, Leva Spa, Remmert Spa; le Associazioni delle piccole, medie e grandi industrie: CNA, Confartigianato, Casartigiani e Confindustria Toscana Nord; la società attiva nel settore del riciclo Tintess Spa.

Il 23 dicembre 2021, Cobat Tessile ha depositato al Ministero della Transizione Ecologica istanza di parte per attivare in territorio italiano la norma europea della Responsabilità Estesa del Produttore [EPR], relativamente alla gestione del fine vita dei tessuti.

La mission del Consorzio è rendere protagonisti dell’economia circolare i produttori, gli utilizzatori e gli importatori di prodotti realizzati in tessuto e degli scarti derivanti dalle attività di produzione, trasformando i loro prodotti giunti a fine vita in nuove materie prime o in energia.

Cobat Tessile aiuta le aziende aderenti a perseguire uno sviluppo sostenibile che apporti benefici non solo all’ambiente, ma anche all’intero sistema economico nazionale, riducendo gli sprechi e generando nuove materie prime, guidato dai valori della trasparenza, dell’efficienza, e della sostenibilità.

Il Consorzio offre, ai produttori aderenti, servizi integrati e personalizzati di gestione ambientale, con particolare attenzione alla gestione del fine vita e al riuso, come riportato nel documento EU Strategy for Sustainable and Circular Textiles, presentato il 30 marzo scorso dalla Commissione Europea.

Inoltre, notevole attenzione è rivolta alla Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie per il corretto recupero di materie prime da immettere nel mercato riducendo i consumi idrici ed energetici.

“La costituzione di Cobat Tessile – ha dichiarato il presidente Maurizio Sarti – risponde alle nuove sfide che la società si pone. Grazie alla Piattaforma Cobat, erede di una storia ultratrentennale, maturata con la gestione di una molteplicità di filiere, il neonato consorzio affronta con resilienza i mutamenti delle norme e del mercato, in grado di fare innovazione attraverso l’economia circolare”.

“In attesa che – ha sottolineato il Presidente Sarti – il Paese si doti della norma sulla Responsabilità Estesa del Produttore, l’obiettivo è diffondere l’importanza della condivisione della conoscenza a tutti gli attori della filiera per offrire a tutte le imprese italiane interessate al fine vita dei prodotti tessili, servizi integrati sempre più competitivi e sostenibili, a livello ambientale, economico e sociale”.



Contenuti correlati

  • Progettare le macchine del futuro

    I modelli di abbonamento per le macchine intelligenti potrebbero portare a un’economia circolare: i risultati del progetto Reclaim, finanziato dalla UE Leggi l’articolo

  • Ottimizzare i flussi

    Crescere attraverso l’ottimizzazione della produzione si può, grazie alla tecnologia e al ‘saper fare’, dando vita a un ciclo produttivo virtuoso e sostenibile Leggi l’articolo

  • Dalla materia prima al prodotto finito

    La tracciabilità dei materiali a supporto di una crescita sostenibile: Carel sceglie le soluzioni di Eaton per efficientare l’intero ciclo di produzione Leggi l’articolo

  • Hannover Messe 2023: la via per un’industria a impatto ambientale zero

    Le grandi sfide che il mondo deve fronteggiare oggi, quali il cambiamento climatico, la crisi energetica e le interruzioni delle catene di approvvigionamento, hanno tutte una caratteristica in comune: richiedono soluzioni high-tech innovative. Ecco perché ad Hannover...

  • Digitalizzazione, sostenibilità e innovazione, chiavi del futuro secondo Gruppo IMQ

    Si è tenuto questa mattina a Bollate, alle porte di Milano, l’evento “Together Toward Future”, durante il quale Antonella Scaglia, Amministratore Delegato di IMQ Group, ha illustrato alla platea, composta da stampa tecnica, stakeholder e clienti, la...

  • Mirai, la nuova sede Mitsubishi

    Il presidente e ceo Shunji Kurita di Mitsubishi Electric Europe insieme a Mario Poltronieri, presidente della filiale italiana di Mitsubishi Electric hanno inaugurato i nuovi uffici italiani all’interno dell’Energy Park di Vimercate pensati per supportare al meglio...

  • Grande successo per la ventesima edizione di AMB

    La ventesima edizione di AMB, Fiera internazionale per la lavorazione dei metalli ha registrato un’atmosfera stimolante nei padiglioni e tra gli operatori del settore. Per 5 giorni il quartiere fieristico di Stoccarda ha visto passare 64.298 visitatori e 1.238 espositori...

  • Altair digital twin
    Digital Twin, la tecnologia che piace alle aziende fa il botto

    Altair ha reso noti i risultati di un’indagine internazionale indipendente che conferma un’impennata nell’adozione della tecnologia digital twin a livello mondiale. L’indagine, condotta su oltre 2.000 professionisti, ha misurato in che modo le organizzazioni – in tutti...

  • Robotica efficiente per produzioni sostenibili

    Partendo da un forte impegno nel campo dell’elettrificazione, che è mirato a creare nuove competenze e soluzioni innovative per l’industria, Comau ha realizzato dei robot espressamente pensati per ottimizzare i cicli di lavorazione ed è impegnata nello...

  • Industria 5.0 e umanesimo digitale

    Più che un balzo in avanti tecnologico, il nuovo paradigma 5.0 tende a collocare l’approccio 4.0 in un contesto più ampio, ponendo la prosperità delle persone e del pianeta come obiettivo della digital transformation. L’Industria 5.0 è...

Scopri le novità scelte per te x

  • Progettare le macchine del futuro

    I modelli di abbonamento per le macchine intelligenti potrebbero portare a un’economia circolare: i risultati del progetto...

  • Ottimizzare i flussi

    Crescere attraverso l’ottimizzazione della produzione si può, grazie alla tecnologia e al ‘saper fare’, dando vita a...