Cybersicurezza nazionale, l’HPC avrà un ruolo chiave

Pubblicato il 27 giugno 2022
E4 Federico Pinca HPC

Federico Pinca, HPC Architect di E4 Computer Engineering, spiega come il calcolo ad alte prestazioni possa giocare un ruolo importante in tema di innovazione e sicurezza

Noi che siamo nativi digitali (nati negli anni ‘80) almeno una volta in gioventù abbiamo fatto scorribande nel cyberspazio e oggi che, da grandi, siamo diventati professionisti del settore digitale conosciamo bene come funziona il mondo della cybersecurity, e siamo convinti che non debba essere percepita come un costo, ma come un investimento.

Proprio in questi giorni il governo italiano vara la strategia nazionale per il 2022-2026, e sarà la neo- formata Agenzia per la cybersicurezza nazionale a garantirne l’implementazione. Ci sarà molto lavoro da fare, sia in termini di investimenti che di formazione. Naturalmente nel piano è prevista la collaborazione del mondo industriale italiano, e cioè di tutte quelle aziende che hanno competenze o prodotti nel settore.

Ma, come recuperare il gap formativo dei professionisti del settore digitale? E soprattutto introdurre specialisti o far crescere il personale esistente all’interno della PA in tempi brevi?

La strategia prevede molti punti tecnici di interesse che potrebbero rispondere parzialmente a queste domande, ma anche investimenti nel settore ricerca e innovazione, come la misura #48 oppure la #32 che consiste nel trovare una risposta tecnologica a un problema formativo, strutture in grado di coadiuvare gli specialisti del settore nell’identificazione della minaccia.

Soluzioni basate su IaaS (infrastructure as a service), per un approccio dinamico alle risorse, o BMaaS (baremetal as a service), che possano gestire anche regioni o edge remoti portando nelle sedi locali sistemi che grazie all’intelligenza artificiale e agli algoritmi di machine learning rendano possibile analizzare massicce quantità di dati di rischio e in questo modo accelerare i tempi di risposta e migliorare le operazioni di sicurezza delle strutture dotate di risorse insufficienti.

In E4 abbiamo alle spalle una significativa esperienza sui temi dell’HPC, in particolare per lo sviluppo di applicazioni di Data Analytics, Machine Learning, Deep Learning e per la visualizzazione avanzata dei dati. Con la collaborazione del mondo accademico, stiamo cominciando a proporre e a costruire – con percorsi di formazione adeguati – la figura di HPC Cloud Security Specialist che ha tutte le caratteristiche per diventare fondamentale nella strategia nazionale, viste le recenti evoluzioni in questo senso.



Contenuti correlati

  • L’arte di difendere e attaccare in rete

    La sicurezza informatica è una delle sfide più cruciali e dinamiche di oggi, per i cittadini ma soprattutto per le imprese. Da qui la domanda crescente di professionisti specializzati in cybersecurity. Per fronteggiare il rischio di attacchi...

  • La ricerca scientifica diventa computazionale

    La collaborazione tra Microsoft e gli scienziati del PNNL ha permesso di individuare e testare un nuovo promettente materiale per la produzione di batterie. Il processo computazionale utilizzato accelera l’innovazione e apre a nuovi utilizzi di IA...

  • 24ORE Business School: consegnato il diploma a 816 studenti dei Master

    Tutto esaurito nell’Anfiteatro di via Monte Rosa a Milano per la Consegna dei Diplomi 2024 di 24ORE Business School, scuola italiana di alta formazione che da 30 anni punta a costruire un legame sempre più stretto e...

  • Cybersecurity in cloud, servono gli strumenti giusti

    La natura degli ambienti cloud richiede ai team tecnici e di sicurezza di adottare un mindset diverso per gestire la nuova superficie di attacco Le industrie manifatturiere sono un obiettivo primario per i criminali informatici. In un...

  • Stormshield: il 2023 della cybersecurity in cifre

    Stormshield, una delle principali aziende europee nel settore della cybersecurity, riassume l’anno 2023 con cifre e statistiche che dipingono un quadro tutt’altro che roseo. 4,45 milioni di dollari: il costo medio di una violazione dei dati: Il...

  • Una cybersecurity ‘in regola’

    5 fattori da considerare per sistemi ‘a prova di futuro’, dove cybersecurity e sicurezza fisica sono elementi imprescindibili e inscindibili fra loro I rischi legati alla sicurezza fisica sono sotto gli occhi di tutti: una porta aperta...

  • Soluzioni di cybersecurity per reti OT

    Prodotti e soluzioni che permettono di proteggere le reti OT (operations technology) industriali della fabbrica, i sistemi Scada e ICS da attacchi malevoli e dai cyber criminali Dalla teoria alla pratica: vediamo quali sono le soluzioni disponibili...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • 5 motivi per adottare un cobot

    Qual è il vantaggio rappresentato dai piccoli robot collaborativi (cobot) e perché un numero crescente di grandi imprese sta guardando a questa tecnologia per incrementare la produttività e accelerare l’automazione in fabbrica? Per le grandi aziende, non si...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS, focalizzandoci sull’automazione dei sistemi di monitoraggio e sull’uso dell’intelligenza artificiale Le infrastrutture operative (OT), i sistemi di controllo industriale (ICS)...

Scopri le novità scelte per te x