Cybersecurity, è sempre più forte il bisogno di risorse adeguatamente formate

Cybersecurity e skill shortage, è fondamentale supportare la formazione e la certificazione di giovani professionisti. Il punto di vista di Palo Alto Networks.

Pubblicato il 10 gennaio 2022
Mauro Palmigiani Palo Alto Networks cybersecurity

La trasformazione digitale in atto, amplificata e accelerata ulteriormente dall’emergenza pandemica, ha portato sotto gli occhi di tutti in modo ancor più evidente il tema della cybersecurity. Con un focus sempre più forte sulla conservazione e sulla difesa del dato, inteso come elemento abilitante per ogni forma di business, la cybersecurity si rivela senza dubbio uno dei settori in più rapida crescita sia in Italia che nel mondo.

Il mondo della sicurezza informatica offre un numero elevato e qualificato di opportunità lavorative, e c’è una grandissima richiesta di professionisti in molte e diverse aree di specializzazione. Purtroppo, in Italia avvertiamo ancora una mancanza di figure adeguatamente preparate, soprattutto ad affrontare il mondo reale della sicurezza. Non è sufficiente essere preparati teoricamente sulle minacce IT e sulla modalità di difesa, serve lo sviluppo di competenze sul campo, con applicazioni di casi reali, per far comprendere a chi si sta formando cosa accade in un’azienda, le esigenze in termini di protezione e gli approcci e soluzioni per soddisfarle.

Al contempo la ricerca di professionisti di sicurezza IT è molto complessa, e secondo una ricerca di (ISC)2, ente di certificazione in ambito security, nel 2022 saranno ben 350 mila i posti di lavoro non occupati in Europa. La continua crescita della domanda non è però l’unico problema che concorre a uno skill shortage in questo ambito, coni giovani studenti che non ricevono un’adeguata formazione di base che li aiuti a capire le competenze e le opportunità di questo settore.

Con l’obiettivo di far fronte a questa situazione, nel 2013 Palo Alto Networks ha avviato la Cyber Security Academy, iniziativa articolata attraverso una serie di partnership con numerosi atenei italiani per accelerare il processo di formazione e certificazione di giovani professionisti. La Cyber Security Academy coinvolge principalmente le università che hanno già avviato corsi o master in cybersecurity e prevede in prima battuta la formazione dei docenti, volta a pianificare poi i corsi dell’Academy. I docenti formati affiancano i corsi tenuti dagli esperti di Palo Alto Networks alle ore di formazione della loro materia, rilasciando crediti formativi a seguito del conseguimento di un esame Palo Alto Networks.

I progetti vengono definiti ad hoc con ogni realtà universitaria in funzione della maturità dei percorsi legati alla sicurezza IT. Grazie all’Academy si sono spesso attivate virtuose collaborazioni extra-scolastiche, un grande patrimonio di relazioni cui Palo Alto Networks è particolarmente legata, in quanto permette di creare interconnessioni con il mondo del lavoro, della ricerca e della collaborazione pubblico-privato.

Ad esempio, la collaborazione con alcuni atenei italiani ha condotto allo sviluppo di alcuni protocolli legati ad una piattaforma open source di threat intelligence, MineMeld, oggi in uso presso una delle più importanti agenzie governative nazionali. Nel marzo scorso, è stato lanciato invece il primo contest al Politecnico di Bari che consentiva ai migliori studenti di partecipare a un “Cyber Range” organizzato dagli esperti di Palo Alto Networks per mettersi a confronto con il mondo reale e testare le proprie attitudini alla prevenzione dagli attacchi informatici.

I programmi condivisi non prevedono solo sessioni in aula, ma Palo Alto Networks investe anche sulla pratica con attività specifiche. Agli atenei viene fornito un laboratorio fisico con due apparati in alta affidabilità, in comodato d’uso gratuito, oltre ai laboratori virtuali che i docenti possono mettere a disposizione degli studenti per prepararsi ed esercitarsi online anche da remoto. Grazie all’interazione tra formazione universitaria, preparazione ai corsi e certificazioni Palo Alto Networks, gli studenti possono competere nel mondo del lavoro con tutti gli strumenti per conseguire certificazioni spendibili professionalmente.

Sono numerose le università italiane con cui Palo Alto Networks attualmente collabora: tra queste Tor Vergata di Roma, Federico II di Napoli, Politecnico di Bari, Università del Salento, Università Mediterranea di Reggio Calabria e Università di Cagliari.

Inoltre, l’azienda collabora con Accenture all’iniziativa HackAdemy, una formazione sulla cybersecurity sviluppata con l’Università Federico II di Napoli. A luglio è stata lanciata la seconda edizione con 30 studenti provenienti da tutto il paese. Abbiamo fornito formazione su firewall che aiuterà a preparare i partecipanti a ottenere la prestigiosa certificazione Pcnsa di Palo Alto Networks. Quest’anno abbiamo anche accompagnato gli studenti in un percorso più approfondito per apprendere Panorama (la soluzione di gestione centralizzata di Palo Alto Networks), e come gestire i firewall Palo Alto Networks su scala con laboratori pratici, e sono stati i primi a ricevere formazione professionale Prisma Cloud a settembre. Tutti gli studenti (come l’anno scorso) sono certificati Pcnsa.



Contenuti correlati

  • L’arma segreta nella corsa per la cybersecurity

    Le imprese hanno adottato ampiamente i data lake come metodo per consolidare le informazioni provenienti da più fonti e migliorare i risultati grazie ad analisi e automazione. I responsabili della sicurezza, di conseguenza, stanno lavorando per allineare...

  • E4 Federico Pinca HPC
    Cybersicurezza nazionale, l’HPC avrà un ruolo chiave

    Federico Pinca, HPC Architect di E4 Computer Engineering, spiega come il calcolo ad alte prestazioni possa giocare un ruolo importante in tema di innovazione e sicurezza Noi che siamo nativi digitali (nati negli anni ‘80) almeno una...

  • Lapp: la connessione come ‘ponte’ fra safety e security

    Si è tenuta a Bologna la giornata di lavori intitolata “Industrial Network Security: come proteggere le infrastrutture 4.0?” organizzata da Lapp Italia e dedicata alla sicurezza. “Nata nl 1959 come azienda famigliare, Lapp conta oggi più di...

  • Industry 4.0: l’89% delle aziende è colpito da attacchi cyber e subisce milioni di perdite

    Nell’ultimo anno l’89% delle organizzazioni nei settori elettrico, oil&gas e manifatturiero ha subito un attacco cyber che ha danneggiato la produzione e la fornitura di energia. Il dato emerge da “The State of Industrial Cybersecurity”, l’ultimo studio...

  • Potenziare la sicurezza migliora il business

    Pregis, azienda italiana che opera nel settore del food service, si è affidata a next-generation firewall, DNS Security e Cortex XDR di Palo Alto Networks per proteggere la propria infrastruttura, evitare downtime e supportare le proprie attività...

  • Reply minacce informatiche
    Automation e AI sono la chiave per difendersi dalle minacce del mondo digitale

    La cybersecurity rappresenta oggi una priorità assoluta e contestuale all’implementazione di nuove tecnologie, dato il ruolo cruciale che sono arrivate ad occupare nelle nostre vite private e professionali. Smart Home, Connected Car, Delivery Robot: l’evoluzione non si...

  • Innovazione e ricerca, la Lombardia prima in europa nel campo della cybersicurezza

    È stato firmato nell’Aula Magna del Politecnico di Milano, l’accordo di collaborazione tra Politecnico di Milano, Regione Lombardia, Aria, Intesa Sanpaolo e il I Reggimento Trasmissioni dell’Esercito per la nascita di una rete di comunicazione quantistica a...

  • Lior Div Cybereason sicurezza informatica
    Sicurezza informatica, alcuni principi guida per il settore privato

    Cybereason ha pubblicato il report inaugurale del Cyber Defenders Council, un gruppo di 50 eminenze della sicurezza provenienti da organizzazioni del settore pubblico e privato in Nord America, EMEA e APAC. Il report intitolato Defend Forward: A Proactive...

  • Ansible Red Hat
    Il ruolo fondamentale dell’automazione in un mondo sempre più complesso

    Gli ultimi anni hanno dimostrato che le imprese vogliono che applicazioni, dati e risorse si trovino ovunque abbia più senso per il loro business e per i loro modelli operativi, il che significa poter eseguire l’automazione ovunque....

  • Competenze e tecnologia, un binomio inscindibile

    La difficoltà di reperire personale qualificato e la necessità di trattenere in azienda le migliori  competenze spingono sempre più aziende a investire in formazione e in nuove tecnologie al fine di mantenere la loro competitività. Si tratta di due trend che, in ambito...

Scopri le novità scelte per te x