Così il packaging va in rete

Pubblicato il 16 luglio 2019

Fare rete spesso è solo un facile slogan che esprime una buona intenzione e una prospettiva interessante soprattutto per le imprese medio piccole ma che raramente assume la forma di un’azione stabile ed efficace. Non è così per le aziende aderenti a PackPact, la rete di aziende della filiera del processo e dell’imballaggio che ormai da alcuni anni sperimentano la concreta fattibilità di un cammino comune e di un approccio unitario al mercato mondiale.

L’esperienza è iniziata nel 2013, assumendo dapprima la denominazione ‘Processing & Packaging – The High-Tech Italian Way’, ma negli anni si è consolidata ed evoluta e ora comprende sette produttori nazionali che occupano posizioni di primo piano nei rispettivi segmenti. Si tratta di Ronchi Mario filling&capping; Cama Group secondary packaging; Ilpra trysealing, thermoformingformfill and seal; Universal Pack stick pack & sachetfill and seal; Makro labelling; Tosa Group wrapping; Clevertech palletizing; alle aziende si affianca, come soggetto attuatore, la società Honegger con specifiche azioni di marketing e comunicazione.

Data la specificità e la complementarietà del know how la rete PackPact può proporre al mercato l’accesso a soluzioni complete, flessibili e all’avanguardia, garantite dall’eccellenza tecnologica made in Italy; insieme le aziende possono sviluppare il business e aumentare la competitività sul mercato attraverso l’integrazione delle competenze specifiche di ciascuna, possono coordinare le modalità di accesso a nuovi mercati esteri promuovendo un’offerta di prodotto integrata, possono svolgere congiuntamente le attività di promozione e marketing nei mercati esteri individuati, per intraprendere iniziative condivise in linea con le strategie di penetrazione.

Nel loro complesso, nel 2018 le aziende della Rete hanno fatturato 300 milioni di euro, dato su cui l’export ha inciso per l’85%. Il numero dei dipendenti impiegati dalla Rete è pari a un totale di più di 1.050, con un incremento medio di crescita pari al 20 % registrato negli ultimi due anni. Attraverso le attività promozionali congiunte, le aziende facenti parte della Rete hanno potuto aumentare di oltre il 100% il numero delle fiere partecipate nei nuovi mercati.

È così che si sono presentate ufficialmente il 10 luglio scorso, con il nuovo brand, PackPact, che condensa i suoi due elementi principali: il packaging come settore di interesse e la rete di imprese come forma dell’aggregazione, che la distingue, ad esempio, da una generica associazione; un’identità ribadita anche dal payoff  ‘your partner in advanced processing & packaging’ e richiamata visivamente dal logo prescelto che ricorda lo stilema della catena genetica, dove gli elementi costituenti sono contraddistinti da un unico e forte DNA: la bandiera del made in Italy.

Lanciando la nuova immagine, i responsabili delle imprese aderenti hanno messo in evidenza i vantaggi della condivisione degli asset strategici per conseguire in modo sempre più efficace obiettivi di promozione sui nuovi mercati rafforzando i valori che il marchio della Rete rappresenta: “l’eccellenza della filiera di processo e imballaggio italiana competitiva sul mercato internazionale per soluzioni tecnologiche complete e innovative”. Valori che già si vedono realizzati nelle più recenti esperienze di successo che le aziende della rete hanno sviluppato in sinergia: come la soluzione completa di imballaggio di fine linea per scatole di Pet-food con sistema robotico di scarico e alimentazione, sviluppata da Cama-Clevertech; o la progettazione olistica per la sigillatura completa del prodotto nel settore lattiero caseario, predisposta da Clevertech & Tosa; o ancora le due linee per una delle principali aziende di beni di consumo a livello mondiale negli stabilimenti in Egitto e Salvador, realizzate da Cama e Universal Pack.



Contenuti correlati

  • Tecnologie abilitanti per il packaging

    Una tavola rotonda promossa da SPS Italia sulla piattaforma Contact Place ha messo a fuoco le prospettive del packaging esaminando le tecnologie che possono abilitare aziende di settori come la cosmetica, il farmaceutico, l’alimentare e molte altre...

  • Protezione compatta per l’imballaggio sostenibile

    Il produttore di imballaggi DS Smith monitora le sue presse per carta nello stabilimento di Erlensee con una soluzione I/O intelligente di Turck Banner. Leggi e scarica l’articolo

  • Icona Design Group porta il family feeling nell’industrial machinery

    Portare la bellezza all’interno dei siti industriali, applicando i canoni estetici del design alle macchine utensili, con l’obiettivo di arricchire la funzionalità con la gradevolezza estetica e agevolare la convivenza pacifica tra persone e macchine. Integrare il...

  • Controllo PC-based per l’efficienza energetica nel packaging

    Implementazione di un controllore standard compatto e accessibile via web, con architettura PC-based, per sistemi industriali di aria compressa. La produzione di cartoni per uova riduce il consumo di energia per l’aria compressa del 45% e aumenta...

  • La presa perfetta

    Con l’impiego delle ventose piGrip, certificate per l’uso a contatto con alimenti, e dei generatori di vuoto Coax, entrambi prodotti Piab, Cama Group ha realizzato un impianto di confezionamento all’avanguardia che permette di manipolare ben 280 confezioni...

  • In alto i boccali

    Il packaging personalizzato è un trend di moda, anche nel settore della birra. Per la movimentazione automatizzata dei vuoti, tuttavia, questo trend introduce requisiti nuovi e impegnativi. Come dimostrato da un progetto gestito da Vision-tec, i bracci...

  • IRF1000 & IRF2000: firewall e router proposti da SIS.AV. per la sicurezza della rete

    Internet si basa su protocolli di comunicazione standardizzati a livello globale. Questo linguaggio comune apre a un potenziale inimmaginabile, ma comporta anche una notevole quantità di rischio. Con i firewall ADS-TEC della serie IRF proposti in Italia da...

  • Goglio packaging flessibile
    Packaging flessibile, scatta il piano di crescita di Goglio

    Un finanziamento da 30 milioni di euro complessivi erogati da Intesa Sanpaolo e UniCredit (15 milioni ciascuno) e garantiti, in poche ore e digitalmente, da Sace attraverso Garanzia Italia in favore di Goglio S.p.A., azienda italiana che...

  • Video-packaging: cambiano le confezioni, ma un sensore laser le riconosce tutte!

    Nel packaging l’adattabilità del macchinario a confezioni con diverse caratteristiche di forma, materiale e colore rendono spesso problematica la scelta del sensore: Panasonic propone il il sensore laser HG-C. – Nessun problema e nessun cambio di sensore: il sensore...

  • Wi-Fi e digitalizzazione nella scuola

    I processi di digitalizzazione della scuola italiana sono in grave ritardo. Molte analisi confermano una situazione generale di arretratezza: possiamo guardare ad esempio i dati del report “Educare digitale” redatto da AGCOM nel 2019 basata sui dati...

Scopri le novità scelte per te x