Come ottimizzare i processi produttivi con Bosch Rexroth

Pubblicato il 7 aprile 2022
Bosch Rexroth IT OT

Investire nelle tecnologie digitali e nell’automazione non è soltanto vantaggioso, ma è soprattutto necessario. Sono sempre più le aziende, anche piccole e medie, che maturano questa consapevolezza: bisogna innovare, e innovare bene. Ma come? Secondo quali linee di sviluppo?

Le direttive e i percorsi da seguire possono essere molti e diversi, proprio per la sua flessibilità e adattabilità la digitalizzazione non ha soluzioni standard che vanno bene per tutti.

Ma alcuni trend sono di gran lunga i più comuni, diffusi, necessari: uno di questi è rappresentato dalla convergenza tra mondo IT e OT; un altro dalla necessità di utilizzare linguaggi e soluzioni software aperti e più flessibili possibile; un altro trend ancora dall’esigenza di sviluppare tecnologie ‘Future proof’, a prova di futuro, a prova di obsolescenza.

Cominciamo dal primo passo verso il futuro dell’automazione: la convergenza tra IT e OT. La possibilità di connettere tra loro i macchinari e con i sistemi IT aziendali, grazie all’Industrial Internet of Things (IIoT) e all’Intelligenza artificiale (AI), permette alle aziende non solo di abilitare numerosi vantaggi interni, ma anche di offrire nuovi servizi al mercato.

Se da un lato la consapevolezza dei vantaggi di quest’unione si sta sempre più diffondendo, allo stesso tempo l’integrazione di questi due ambienti rappresenta per tante imprese ancora un’incognita e una criticità.

Non a caso, un recente rapporto del McKinsey Global Institute rileva che nell’ambito manifatturiero – dove l’IoT ha maggiore potenziale di generare valore – l’adozione di nuove tecnologie sta procedendo a ritmi più lenti del previsto, con il 70% delle aziende che non riescono ad andare oltre i progetti pilota. Una situazione causata da diversi fattori, tra cui un ancora inadeguato approccio all’automazione, difficoltà di implementazione dovute alla presenza di sistemi legacy rigidi e altamente customizzati e di hardware eterogenei basati su diversi protocolli.

Per superare queste difficoltà, e ottenere i risultati sperati, l’industria si muove sempre di più verso un approccio all’innovazione standardizzato e aperto, basato su standard comuni per creare sistemi indipendenti dall’hardware.

A dover cambiare è anche l’approccio all’automazione della linea, e il ruolo del software nel ciclo di vita della linea produttiva. I software di automazione permettono di monitorare la produzione, rendendola più efficiente e flessibile ai bisogni dell’azienda.

“Sviluppare una linea di automazione industriale in passato richiedeva un susseguirsi di attività e fasi, dove l’ultima parte era dedicato allo sviluppo del software, inteso come sviluppo codice macchina, quindi dire alla macchina cosa deve fare, che processo deve seguire”, sottolinea Lorenzo Zerbi, responsabile Product and segment marketing di Bosch Rexroth.

Che rimarca: “Oggi il paradigma è totalmente cambiato, adesso il software entra in tutte le fasi del ciclo di vita della macchina, fin dalla fase di ingegneria e design, quindi va a ridurre la possibilità di errore, i costi e i tempi di implementazione della linea”.

I fornitori di tecnologie devono reagire ai cambiamenti richiesti dal mercato in maniera più flessibile e veloce – in modo da effettuare, ad esempio, modifiche alla produzione con poco preavviso e questo è possibile solo attraverso una comunicazione IT e OT sicura.

Infatti se i dati richiesti sono memorizzati in sistemi separati e non compatibili, apportare modifiche risulta possibile soltanto attraverso un complesso intervento manuale. Ad esempio, ctrlX Core di Bosch Rexroth come gateway consente la comunicazione tra il livello IT – tra cui i sistemi MES – con i sistemi OT a livello di produzione. Con questa soluzione, gli utenti possono trasferire i dati dal loro MES direttamente al sistema di controllo della macchina in modo sicuro così da reagire alle condizioni mutevoli del mercato senza la necessità di interventi aggiuntivi.

Per rendere possibile tutto questo, i dati sono accessibili attraverso il ctrlX Data Layer all’interno di ctrlX Core. Essenzialmente i dati vengono ‘tradotti’ con l’aiuto della tecnologia ad app di ctrlX Automation e trasmessi in maniera sicura al sistema target. Di conseguenza, i dati provenienti dagli ambienti di programmazione più diffusi possono essere scambiati con ctrlX Core.

Il sistema user management di ctrlX Data Layer specifica esattamente quali dati devono essere resi disponibili, dove e quando; è inoltre in grado di controllare chi è autorizzato ad accedere a tali dati. In più, la configurazione del software non è rigida – può essere estesa in base alle necessità. Infatti, le App di Bosch Rexroth e dei partner consentono l’aggiunta di funzionalità extra.

Un’altra importante esigenza e sfida che si trovano davanti i fornitori di tecnologie è quella di sviluppare soluzioni ‘Future proof’, a prova di futuro, in grado non solo di rispondere alle esigenze di oggi, ma di anticipare anche quelle di domani, permettendo una facile scalabilità, aggiornamento e integrazione.

Per dare risposte concrete a tutte queste esigenze e aspettative, Bosch Rexroth ha sviluppato ctrlX Automation, una piattaforma aperta che si ispira al sistema di app per gli smartphone, e che risponde ai requisiti fondamentali praticamente per tutte le applicazioni industriali.

CtrlX Automation è una piattaforma flessibile, in quanto permette – proprio come il sistema app per gli smartphone – di sviluppare e installare le piattaforme utili ai bisogni dell’azienda, indipendentemente dall’hardware utilizzato.

“Questo proprio perché si tratta di una piattaforma aperta”, fa notare il responsabile Product and segment marketing di Bosch Rexroth, “che può contare su un vero e proprio ecosistema di partner, ognuno con il proprio know how, in grado di portare conoscenze legate ai nuovi linguaggi di programmazione all’interno della linea”.

In questo ecosistema tecnologico, ogni macchina installata continua a fornire dati che permettono di far crescere il Database con tutte le informazioni necessarie per nuove analisi, che a loro volta generano nuovi miglioramenti, quindi, le macchine saranno in grado di ricevere continui aggiornamenti per la totale durata della loro vita.

Anche EDF Europe, azienda che opera nella produzione di scatole in cartone ondulato, è riuscita a ottimizzare il processo produttivo con ctrlX Automation di Bosch Rexroth, riducendo il carico di lavoro per gli operatori, con le varie app presenti nell’ecosistema di Bosch Rexroth, l’azienda ha potuto raccogliere tutti i dati necessari dalla parte logica della macchina, gestirli, inviarli nel cloud ed elaborarli.

Gli ambienti produttivi possono essere aggiornati senza compromettere funzionalità già testate. Per esempio, standard consolidati come OPC UA possono essere usati in sistemi esistenti in modo da ottimizzare i vantaggi in termini di connettività offerti da ctrlX Core. Questo significa introdurre nuove funzionalità nel contesto dello sviluppo brownfield.

Oltre alle funzionalità di controllo tradizionali, avere ctrlX Core come gateway offre un alto livello di flessibilità e connettività, aspetti fondamentali nell’ambito dell’Industria 4.0, sia per un classico gateway IoT o nel caso di un gateway bidirezionale per la comunicazione. Con ctrlX Core, il cuore di ctrlX Automation, qualsiasi sistema di controllo può essere esteso in termini di funzionalità.



Contenuti correlati

  • Stefano Guidotti P101 green tech
    Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Il mondo del retail sta vivendo un’inarrestabile evoluzione e si trova ad affrontare forti pressioni dettate da fattori che fino a poco tempo fa erano imprevedibili: l’aumento dei costi di produzione e delle materie prime, i rincari...

  • Realtà Virtuale per il Virtual Commissioning dei Sistemi Manifatturieri Complessi

    Il Virtual Commissioning permette di simulare il comportamento fisico di macchine e impianti industriali, utilizzando modelli digitali tridimensionali. Con opportuni strumenti di Realtà Virtuale, i tecnici possono immergersi nella simulazione, familiarizzando con le macchine di futura installazione,...

  • Digitalizzazione e tradizione per una pizza di qualità

    Con la sua proposta di soluzioni intelligenti per l’industria alimentare, Eaton ha supportato il percorso di trasformazione tecnologica e digitale di diverse aziende. Megic Pizza ha scelto le soluzioni di Eaton per automatizzare e digitalizzare il ciclo...

  • Körber: nuova organizzazione italiana focalizzata sul life science

    Körber espande la propria presenza in Italia con un’organizzazione locale dedicata al supporto del proprio portfolio MES & Intelligence Suite. Da oggi tutte le aziende presenti nel territorio potranno scegliere più facilmente la suite Werum PAS-X MES,...

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

  • Partnership strategica tra Vodafone Business e Microsoft per il cloud

    Vodafone Business e Microsoft annunciano una partnership strategica che pone al centro Cloud e Connettività per accelerare la digitalizzazione delle imprese italiane per aiutarle a rispondere alle sfide globali e promuovere la loro crescita sostenibile. La collaborazione, che...

  • Flexible Manufacturing Digital Roadshow: lo smart manufacturing secondo Omron

    In questa video intervista tratteremo di innovazione. Durante infatti le tre giornate dell’evento Flexible Manufacturing Digital Roadshow, organizzato da Omron presso la sede di Omron Automotive Electronics Italy a Frosinone, è stato possibile sperimentare le tecnologie e le soluzioni...

  • Boom per la Digital Transformation in UE: entro il 2027 si sfioreranno i 900 miliardi di dollari di fatturato

    Digitalizzazione e digital transformation vanno di pari passo con gli investimenti: questo è il concetto che emerge da una serie di ricerche condotte sulle principali testate internazionali dell’universo economico. Le prime conferme in merito giungono da Maximize Market...

  • Clusit diventa partner di Cyber 4.0

    Non esiste digitalizzazione senza sicurezza: questa tesi, alla base delle attività di sensibilizzazione, divulgazione e formazione erogate da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, è anche il pilastro su cui si basa la neo avviata collaborazione...

Scopri le novità scelte per te x