Come la digitalizzazione ha cambiato il modo di fare manutenzione secondo Bosch Rexroth

Pubblicato il 17 marzo 2021

Secondo l’Istat “il processo di digitalizzazione delle imprese sembra distinto in due stadi o, in alcuni contesti più complessi, anche multistadio”. Nella prima fase emerge il bisogno di costruire i presupposti tecnico-culturali per l’avvio del processo di digitalizzazione, mentre nella seconda fase si procede con l’attuazione di “soluzioni applicative più utili ed efficaci per aumentare efficienza e produttività”.

Si tratta di un vero e proprio superamento dell’approccio quantitativo (per maturità digitale s’intende il numero di tecnologie adottate) verso un approccio più qualitativo integrando le tecnologie infrastrutturali e applicative in un’ottica di “complementarietà delle varie soluzioni tecnologiche”.

Secondo l’indagine Excelsior di Unioncamere e Anpal, gli investimenti sul fronte della digitalizzazione vanno in tre direzioni: 1. adozione di nuove tecnologie, 2. nuovi modelli organizzativi e 3. nuovi modelli di business, con un focus sulle soluzioni cloud, big data analytics, mobile e cybersecurity. Sempre secondo lo studio citato “tra i modelli di organizzazione aziendale si stanno adottando sistemi di rilevazione e analisi continua dei dati in tempo reale, così come si sta puntando molto su nuovi processi gestionali adatti a favorire l’integrazione dei software tipici dell’industria 4.0 per una conduzione completa della produzione e per una maggiore produttività aziendale.”

Al centro di tutto c’è il Dato, di cui si cerca di fare un uso sempre più consapevole, andando oltre l’ormai consolidata analisi dei comportamenti ma impiegando nuovi canali e strumenti digitali, integrando una personalizzazione del prodotto e del servizio.

L’innovazione passa dunque attraverso due tipi di rivoluzione, tecnologica e culturale, con l’obiettivo di generare una trasformazione strutturale che si esprime nell’intero ecosistema aziendale.

I vantaggi della digitalizzazione nell’ambito Service e Manutenzione

La digitalizzazione e i suoi benefici nell’ambito della manutenzione riguardano in primo luogo la connettività e l’accesso rapido alle informazioni relative alle necessità di manutenzione; in secondo luogo subentra poi il monitoraggio diretto delle macchine, che può avvenire anche da remoto, con l’ulteriore possibilità di predirne il comportamento.

In seguito, i dettagli dei suddetti vantaggi: • Connettività e disponibilità più facile e immediata delle informazioni fondamentali per la manutenzione, che si traduce in maggiore velocità nella soluzione dei problemi dei clienti; importanti in particolare la possibilità di accesso immediato a parametri macchina disponibili presso il cliente in abbinamento al supporto tecnico del fornitore completo di soluzioni rapide per identificare e reperire le parti di ricambio.

• Possibilità di monitoraggio diretto, anche da remoto, e predizione sul comportamento di macchine e impianti, grazie alla disponibilità di basi dati relative allo storico o a funzionalità disponibili di auto-apprendimento (machine learning). I benefici in questo caso sono i seguenti: una riduzione dei rischi di fermi macchina non previsti, la pianificazione della manutenzione basata su dati oggettivi e l’ottimizzazione dei magazzini ricambi strategici e dei costi di manutenzione.

Dove si colloca l’Italia rispetto agli altri Paesi sul tema della digitalizzazione?

La prospettiva clienti

Secondo un recente Whitepaper (luglio 2019) realizzato dal Gruppo Editoriale Tecniche Nuove Spa e il contributo educazionale di Bosch Rexroth, che ha indagato lo stato della «Digitalizzazione delle PMI Italiane – Scenari, strumenti e un esempio virtuoso: la manutenzione predittiva», i motivi principali per l’introduzione della digitalizzazione sono tre: migliorare l’efficienza di processo (importante per il 95% degli intervistati), evitare fermo macchina (importante per il 90% degli intervistati) e l’attuazione di analisi predittive (importante per 85% degli intervistati). Invece quasi il 40% delle aziende italiane utilizzatrici di impianti conserva ancora un approccio reattivo rispetto al tema della manutenzione, quindi manutenzione su guasto. Altri dati importanti riguardano le macchine ancora non sensorizzate nel 40% delle interviste e il fatto che solo il 15% degli intervistati adotta sistemi di manutenzione predittiva. Questo indica che l’approccio manutentivo è ancora strettamente legato all’esperienza diretta uomo-macchina e non alla disponibilità di dati oggettivi (Analytics).

In virtù dei dati raccolti emerge però un potenziale importante per il miglioramento che si traduce nell’evoluzione dei sistemi manutentivi verso concetti preventivi/predittivi ma anche nella possibilità di modernizzare impianti esistenti in ottica Industry 4.0 con l’introduzione di prodotti digitali.

La prospettiva fornitori

Dallo studio di KPMG (novembre 2019) dal titolo «Analisi della maturità e dei trend in ambito Customer Service nel settore dei beni strumentali» il cui perimetro di analisi ha riguardato la Federazione nazionale dei produttori di beni strumentali e loro accessori allo svolgimento dei processi manifatturieri dell’industria e dell’artigianato), risulta che i piani di manutenzione preventiva e predittiva sono ancora poco presenti. Soltanto il 27% delle grandi aziende italiane ha gestito più di 10 piani di manutenzione preventiva/predittiva nell’anno 2018. Per quanto concerne l’approccio dei fornitori questo risulta essere ancora reattivo e poco proattivo sul mercato. Le iniziative commerciali proattive sono limitate e la filosofia di lavoro è ancora fondata sul presidio fisico del territorio.

Il potenziale di miglioramento dell’Italia e il ruolo di Bosch Rexroth

Dopo la Germania, l’Italia è il secondo mercato europeo per i costruttori di macchine, con aziende di altissimo livello e leader nei corrispettivi settori di appartenenza. In questa prospettiva Bosch Rexroth favorisce l’installazione di prodotti aggiornati sul mercato con il conseguente sviluppo delle competenze e delle esperienze che servono per installazione, assistenza all’avviamento e supporto tecnico post-vendita. Nel quadro del mercato dell’UE l’Italia ha un potenziale di miglioramento fondamentale per lo sviluppo di servizi a valore aggiunto nell’ambito della manutenzione.

I servizi offerti oggi da Bosch Rexroth sono i seguenti: la competenza aggiornata su prodotti digitali e sensorizzati, quindi Industry 4.0 ready; il servizio di e-commerce che permette di configurare e ordinare le parti di ricambio, mettendo a disposizione tutta una serie di informazioni tecniche e il tracking completo della relativa gestione ordini; l’App Digital Service Assistant di Bosch Rexroth come applicazione utile in caso di fermo macchina che permette di avere assistenza, di trovare in tempi rapidi i ricambi originali, di richiedere facilmente un intervento di riparazione e di avere accesso alla documentazione e alla diagnosi online dei prodotti digitali.



Contenuti correlati

  • VF Venieri e Bosch Rexroth: dal 1968 ad oggi una collaborazione umana, autentica, vincente

    La storia di Venieri inizia nel 1948 a Belricetto di Lugo (Ravenna), quando Ferdinando e Carlo Venieri progettano e costruiscono il primo trattore cingolato: la cingoletta Venieri-Morris, un adattamento agricolo mai visto prima. Nel corso degli anni...

  • Bosch Rexroth CytroBox
    Soluzioni Bosch Rexroth per la Connected Hydraulics

    Il connubio vincente tra idraulica ed elettronica quindi l’intelligenza distribuita e l’interfaccia aperta su tutta la componentistica idraulica per consentire e sfruttare le potenzialità derivanti dall’Industry 4.0 e dalla tecnologia IoT sono la risposta di Bosch Rexroth...

  • Eurorubber e Bosch Rexroth di nuovo insieme per il progetto di revamping dell’internal mixer  

    Eurorubber Industries, con sede in provincia di Parma, nasce come compoundatore di mescole per la ricostrustruzione del pneumatico e dal 1970 produce mescole in gomma per molti dei principali settori industriali: automotive (es. rulli, guarnizioni soffietti, antivibranti,...

  • Radici di pietra

    La società Breton ha scelto le centraline idrauliche CytroPac di Bosch Rexroth per Matrix E1, la nuova macchina della serie storica dell’azienda trevigiana progettata e testata interamente in digitale prima di essere prodotta  Leggi l’articolo.   

  • Bosch Rexroth 225 anni
    Bosch Rexroth, una storia lunga 225 anni

    Da artefici di una fucina azionata ad acqua a pionieri della Tecnologia Digitale: compie 225 anni Bosch Rexroth. La storia di Bosch Rexroth inizia nel 1795 quando Georg Ludwig Rexroth lancia la sua fucina ad acqua per la...

  • ctrlX Automation: il nuovo smartphone dell’automazione

    La connessione al dispositivo avviene in modo diretto via Ethernet e mediante l’utilizzo di un comune browser di navigazione Internet e grazie a un’interfaccia grafica molto intuitiva è possibile navigare all’interno della pagina web eseguendo la configurazione...

  • La soluzione ctrlX Automation di Bosch Rexroth per un monitoraggio completo

    In questo caso Bosch Rexroth ha costruito un vero e proprio assistente virtuale che, tramite un comando vocale, invia i comandi al robot cartesiano. È possibile costruire una simulazione in 3D in grado di dare un’idea di come...

  • Bosch Rexroth getta le basi per l’evoluzione della tecnologia Linear Motion

    Non solo le persone ma anche i sistemi devono, infatti, poter essere trasformati in modo flessibile per essere in grado di adattarsi ai nuovi processi produttivi. Le nuove soluzioni devono facilitare l’adeguamento semplice e veloce, oltre a...

  • IMScompact: il sistema nuovo di misura Bosch Rexroth

    Il sistema IMScompact di Bosch Rexroth, con una precisione assoluta di ± 20 µm al metro e una precisione di ripetibilità di ± 1 µm a velocità fino a 5 m/s, determina la posizione del pattino attraverso una...

  • Oleodinamica e pneumatica

    I componenti e i sistemi oleodinamici e pneumatici si sono adattati all’era digitale adottando architetture unificate per un’integrazione modulare nell’IIoT Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x