CloudProtect: protezione del software in un mondo ibrido

Il progetto di ricerca made in Germany CloudProtect introduce una nuova tecnologia di sicurezza per un livello di protezione più elevato delle risorse digitali dell'industria connessa

Pubblicato il 31 gennaio 2022

Proprio quando si è scesi a patti con una nuova era incentrata su dati virtuali e lavoro remoto, Wibu-Systems, specialista in crittografia e gestione licenze con sede a Karlsruhe, ha contribuito a concludere con successo il progetto made in Germany CloudProtect, un’iniziativa collaborativa volta a fornire metodi di protezione più robusti per il software operativo delle macchine, i loro dati di configurazione e i progetti digitali.

Gestito in collaborazione con il Politecnico di Darmstadt e l’Università di Scienze Applicate di Offenburg – entrambi su suolo tedesco – CloudProtect è stato avviato nell’estate del 2018, per sviluppare una nuova metodologia di salvaguardia di software e beni digitali, nel mondo sempre più connesso e automatizzato del commercio e dell’industria. Con un ampio sostegno finanziario da parte del Ministero tedesco dell’istruzione e della ricerca e grazie ad un’analisi attenta, il consorzio ha sviluppato un sistema che dimostra, in pratica, come la comune infrastruttura cloud potrebbe essere rafforzata, attraverso una tecnologia di sicurezza ingegnosa, e fornire così un livello di protezione, scalabilità e disponibilità, da cui possa realmente dipendere l’economia moderna.

Nel futuro digitale, immaginato all’inizio del progetto, e, per la maggior parte delle persone nel mondo, reso reale nel 2020, molto prima di quanto previsto su carta, software e dati sono diventati più mobili ed effimeri che mai. Coloro che lavoravano in ufficio preferiscono ormai la comodità di una postazione casalinga. La rottura delle catene di approvvigionamento non ha soltanto svuotato gli scaffali in molti Paesi, ma anche indotto un ripensamento delle pratiche convenzionali di produzione e logistica, dando un’ulteriore spinta all’automazione industriale e alle soluzioni dell’industria intelligente. Le imprese, che avevano già colto il potenziale del cloud e dei modelli di business guidati da Internet, si sono trovate in netto vantaggio sui loro rivali, ancora legati a pratiche non dettate dalla tecnologia.

In un’economia digitalizzata, alimentata tanto dai sistemi operativi delle macchine e dai dati di configurazione delle stesse, quanto da progetti e informazioni aziendali riservate, la protezione dei dati è diventata una sfida ancora più ardua. La crittografia è comunemente accettata come mezzo per mantenere sicuri questi dati, ma la sua implementazione non è esente da ostacoli, poiché le indispensabili operazioni crittografiche devono avvenire in ambienti protetti, le chiavi necessarie devono essere conservate e gestite in modo sicuro, e l’intera infrastruttura deve essere impostata, per garantire che ogni attore e dispositivo coinvolto nel processo sia veramente affidabile.

Nel progetto CloudProtect, gli sviluppatori di Wibu-Systems e i team accademici del Politecnico di Darmstadt, guidati dal Prof. Ahmad-Reza Sadeghi, e dell’Università di Scienze Applicate di Offenburg, sotto la direzione del Prof. Andreas Schaad, hanno deciso di affrontare queste sfide con un abile artificio tecnologico, ovvero hanno fatto ricorso alle enclavi, aree di memoria appositamente protette nel cloud, per gestire l’intero critico processo crittografico, al sicuro dalle normali operazioni del software. Va inoltre sottolineato che la tecnologia enclave scelta – SGX di Intel – è stata ulteriormente migliorata mediante una tecnica unica di randomizzazione della cache, che rafforza il punto debole del sistema, cioè la sua suscettibilità ad alcuni attacchi side-channel.

Wibu-Systems, il partner industriale del progetto e pioniere di lunga data nel campo della sicurezza informatica e della crittografia, ha integrato il lavoro dei team universitari in un dimostratore di protezione software su cloud. Completata entro luglio 2021, come da tabella di marcia iniziale, la soluzione ha mantenuto con successo la sua promessa. Fornisce infatti capacità di protezione del software a prova di manomissione per il mondo imprevedibile ed effimero dell’economia digitale di oggi, in un pacchetto altamente disponibile, scalabile e sicuro. Con tecnologie come quelle alla base del progetto CloudProtect o la gamma di prodotti e servizi di crittografia e protezione di Wibu-Systems, la nuova normalità del lavoro remoto, delle fabbriche intelligenti e del commercio su cloud dispone degli strumenti e dei concetti necessari per un futuro sicuro e affidabile.

Carmen Kempka, Director Corporate Technology di Wibu-Systems, offre una visione del quadro d’insieme: “La nostra vita lavorativa è diventata piuttosto arbitraria nella pratica: operiamo da luoghi di lavoro disparati, da casa, in ufficio, in viaggio d’affari, da qualsiasi angolo del mondo. Le applicazioni cui ci affidiamo sono outsourced su cloud o devono essere accessibili da luoghi e dispositivi altrettanto inconsueti. Con CloudProtect, abbiamo proposto al mondo un modello di come questo approccio possa essere messo in pratica al meglio e in modo più sicuro“.



Contenuti correlati

  • Cinque miti da sfatare sulla sicurezza dei container

    L’open source è alla base della maggior parte delle tecnologie innovative, come l’intelligenza artificiale e machine learning, l’edge computing, il serverless computing e, non ultima, la containerizzazione. Come in ogni settore dell’IT, la questione della sicurezza non...

  • Come colmare il gap tra sicurezza e innovazione

    Il concetto di sicurezza è tradizionalmente visto come un ostacolo all’innovazione. I team DevOps vogliono essere liberi di esplorare la propria creatività e abbracciare tecnologie cloud-native, come Docker, Kubernetes, PaaS e le architetture serverless, ma la sicurezza...

  • Trend Micro: l’80% delle aziende italiane si sente esposto ad attacchi ransomware, phishing e in ambito IoT

    Il 31% delle aziende italiane afferma che la valutazione del rischio è la principale attività nella gestione della superficie di attacco ma il 54% ritiene che i propri metodi di valutazione del rischio non siano abbastanza sofisticati....

  • Trend Micro ransomware
    Più sicurezza per l’Industrial IoT

    Trend Micro ha raggiunto un ulteriore traguardo nella messa in sicurezza dei progetti IoT e dell’Industry 4.0, in seguito alla firma di un accordo con Pro-face by Schneider Electric. L’Industry 4.0 rappresenta una convergenza radicale delle tecnologie...

  • Il 5G privato vola grazie alla security

    La prospettiva di una maggiore sicurezza e privacy guida lo sviluppo dei progetti di reti wireless 5G private. Lo rivela “Security Expectations in Private 5G Networks: A journey with partners”, l’ultimo studio Trend Micro, tra  i leader...

  • ProgettistaPiù 2023: una tecnologica ‘seconda pelle’

    Inventare, realizzare e validare robot indossabili innovativi, gli esoscheletri, sia per supportare gli operatori nel loro lavoro quotidiano, soprattutto quando si tratta di attività rischiose o faticose, oppure ai fini riabilitativi o ancora per potenziare specifici movimenti....

  • Cybersecurity: un bersaglio in movimento

    L’espansione della superficie di attacco dei sistemi industriali e l’evoluzione delle minacce informatiche richiedono una continua revisione del programma e delle policy di cybersecurity Leggi l’articolo

  • Sicurezza, prevenzione, efficienza

    Le soluzioni di Ascom sono state scelte per ottimizzare workflow e sicurezza nei siti produttivi italiani di Arkema situati a Rho e Porto Marghera Leggi l’articolo

  • Scambio di dati sicuro tra i mondi IT e OT

    I mondi della tecnologia operativa e dell’informatica sono sempre più collegati tra di loro e lo scambio dati è effettuato in sicurezza Leggi l’articolo

  • Reti agili e resilienti

    Dal Network as a Service (NaaS) ai service in remoto, parliamo della possibilità di noleggiare servizi per le reti, dal monitoraggio, alla sicurezza, alla manutenzione Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x